Archivio per dicembre, 2010

dicembre 29, 2010

Que viva Espana.

 

 

 

 

Ci vediamo il sei gennaio.

dicembre 28, 2010

Green day – American idiot – Buonanotte compagni.

I Green Day nascono nel 1989 a Berkeley, una piccola città non lontana da San Francisco, ma la formazione iniziale è composta da Billie Joe Armstrong (che, pur condividendone il cognome, non è parente del cantante Tim Armstrong, leader dei Rancid) , Mike Dirnt, e John Kiffmeyer, detto Al Sobrante.

Billie e Mike decidono di fondare una band chiamata Sweet Children, e scoprono il 924 Gilman Street,un club indipendente dove si esibivano tutte le giovani punk band locali. Faranno dei provini per suonare, ma all’inizio non saranno presi a causa del loro sound reputato troppo leggero in confronto alle altre band. Le cose cambiano quando fa il suo ingresso nel gruppo John Kiffmeyer, detto Al Sobrante (ex-batterista degli Isocracy). Al si occuperà di organizzare concerti per la giovane band, e sarà proprio lui a chiamare Lawrence Livermore, titolare della Lookout! Records un’etichetta indipendente per cui suonavano molte altre band della bay area tra cui gli allora famosissimi Operation Ivy, e invitarlo ad un loro concerto.

Nel 1987 gli Sweet Children organizzano il loro primo concerto al Rod’s Hickory Pit a Vallejo, in California, locale dove lavora la madre di Armstrong. Nel 1988 il nome del gruppo cambia in Green Day (il termine in slang americano significa giornata passata a farsi le canne)[5]. Pubblicano il primo EP omonimo per la Lookout! Records e nel 1989 la band stampa l’EP, 1,000 Hours.

Riscosso un discreto successo con l’album d’esordio 39/Smooth e Slappy entrambi del 1990 (pubblicati successivamente in versione CD insieme a 1,000 Hours con il nome di 1,039/Smoothed Out Slappy Hours), i Green Day cambiano batterista, sostituendo Al Sobrante, che lascia la band per motivi di studio, con Frank Edwin Wright III, in arte Trè Cool, il quale era anche l’ex-insegnante di batteria del membro uscente, oltre ad essere stato componente dei Lookouts.

Dopo un tour attraverso gli USA con il furgone del padre di Trè Cool, i Green Day incidono nel 1991 Kerplunk!, il quale avrebbe garantito alla band l’attenzione delle major. Il disco infatti ottiene, con 55.000 copie vendute, un successo di pubblico superiore alla aspettative, e grazie ad esso i Green Day acquistano notorietà anche in Europa.

La band riceve un Grammy per American Idiot come Miglior Album Rock e agli MTV Video Music Awards del 2005 vince ben 7 premi degli 8 ai quali era candidata.

 


dicembre 28, 2010

Un precario su 4 diventa inattivo.

Un precario su 4 sparisce da qualsiasi legame con la previdenza e diventa inattivo: probabilmente si tratta di persone che finiscono nel lavoro nero, disoccupati senza diritto alla previdenza, o sono lavoratori scoraggiati che non cercano più un’occupazione. Il dato emerge dalla statistica dell’Inps sui lavoratori parasubordinati contenuta nel primo Rapporto sulla coesione sociale realizzato dall’Istat in collaborazione con Inps e ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. L’Inps ha seguito dal 2005 al 2009 un campione di 395.475 nuovi collaboratori contribuenti alla Gestione separata dell’Inps. Al 2009 risultano ancora contribuenti alla Gestione separata 91.084 lavoratori (23%) e non più contribuenti alla Gestione separata 304.391 lavoratori (77%). Di questi, i contribuenti passati ad altra gestione previdenziale sono 187.646 (47,4%) e i pensionati sono 16.280 (4,1%). Sono invece 98.264, ovvero il 24,8% i lavoratori che risultano “non trovati”, quelli per i quali non è presente nell’anno né una posizione da attivo né da pensionato, né risultano deceduti. In altre parole, risultano spariti da qualunque legame con la previdenza. I “non trovati” crescono costantemente: risultano 57.229 (14,5%) nel 2006, 75.330 (19%) nel 2007 e 82.845 (20,9%) nel 2009.

dicembre 28, 2010

Cibo, benzina, assicurazioni:rincari nel 2011:una “mazzata” da oltre 1000 euro a famiglia

E’ in arrivo una stangata di oltre 1.000 euro sulle tasche delle famiglie italiane. Secondo i calcoli di Adusbef e Federconsumatori, tra rincari di alimentari, benzina, tariffe, assicurazioni e servizi bancari, il 2011 sarà ”un anno infelice”, con un impatto di 1.016 euro annui a famiglia.

La voce più consistente che peserà sulle famiglie sarà quella alimentare, con aumenti annui di 267 euro, ovvero del 6%. A seguire i carburanti, per i quali, sulla scia dei previsti incrementi del petrolio (si dà ormai per scontato un rally fino a 100 dollari al barile) la spesa aumenterà di ben 131 euro l’anno. Oltre 120 euro in più saranno spesi per il trasporto ferroviario, comprese le tratte dei pendolari, mentre i prezzi dell’Rc auto cresceranno, secondo Adusbef e Federconsumatori, di 105 euro (+10-12%). Aumenti sono previsti anche per le tariffe autostradali (+2%), per quelle del gas (+7-8%) e della luce (+4-5%), per quelle dei rifuiti (+7-8%) e per l’acqua (+5-6%). L’aumento più consistente in termini percentuali è però quello del trasporto pubblico locale (+25-30%).

dicembre 28, 2010

Diritto di recesso,

Julius di Bruno Olivieri

Etichette:

dicembre 28, 2010

Smascherato il gene del raptus: nei maschi l’alcol lo accende.

Scatta nei maschi sotto l’influsso dell’alcol l’interruttore genetico del raptus identificato da un team internazionale guidato dai National Institutes of Health (Nih) americani, che ha ‘setacciato’ il Dna di alcuni cittadini finlandesi colpevoli di crimini violenti non premeditati. La ricerca è pubblicata su ‘Nature’ e anche se, a detta degli stessi autori, la scoperta non basta da sola a spiegare tutta la gamma dei possibili comportamenti dettati da impulsi incontrollati, aiuta comunque a far luce sulle azioni violente spesso commesse da chi ha esagerato con l’alcol, aprendo la strada all’eventuale definizione di strategie diagnostiche e terapeutiche. La mutazione nel mirino riguarda il gene HTR2B, che regola la produzione di un recettore cerebrale della serotonina.

“L’impulsività è un fattore coinvolto in numerosi comportamenti patologici, dall’aggressività verso gli altri, al suicidio, alla dipendenza”, sottolinea David Goldman, coordinatore dell’equipe di ricerca, a capo del Laboratorio di neurogenetica dell’Istituto nazionale sull’alcolismo e l’abuso di alcol degli Nih. Ma l’impulsività, precisa l’esperto, “è anche un tratto caratteriale vantaggioso in tutti i casi in cui bisogna prendere una decisione rapida, o quando può convenire assumersi un rischio”.

dicembre 28, 2010

Distrofia di Duchenne: ridotto danno muscolare nei topi.

La somministrazione di biglicano ha dimostrato di poter incrementare la resistenza strutturale del tessuto muscolare e di rallentarne la degenerazione in condizioni di stress.

Topi di laboratorio affetti da una forma di distrofia molto simile a quella umana trovano beneficio da una nuova terapia basata su una proteina prodotta fisiologicamente dal nostro organismo: è quanto reso noto in un articolo pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences da Justin Fallon, professore di neuroscienze presso la Brown University.

La distrofia muscolare di Duchenne è una patologia di origine genetica che colpisce un nuovo nato su circa 3500 ed è causata dalla mancanza di una proteina denominata distrofina, cruciale per dare sostegno strutturale ai muscoli.

Lo scorso autunno la società startup Tivorsan Pharmaceuticals ha cominciato a produrre su licenza della Brown una proteina che si trova nella matrice extracellulare, il biglicano, con la speranza di aprire una breccia nella difficile ricerca sui trattamenti farmacologici della distrofia.

Il biglicano ha dimostrato di poter indurre un recupero della resistenza strutturale del muscolo agendo su un’altra proteina chiamata utrofina, normalmente prodotta dall’organismo dei bambini molto piccoli.

dicembre 28, 2010

Gravissimo incidente nucleare in Africa, nessuno ne parla.

 

Lo scorso 11 dicembre presso la miniera d’uranio Somair in Niger oltre 200.000 litri di fanghi radioattivi sono fuoriusciti da tre piscine lesionate riversandosi nell’ambiente. Una catastrofe radioattiva nel silenzio.  

In Africa pochi giorni fa è accaduta una vera e propria catastrofe radioattiva nel disinteresse del mondo occidentale che pretende energia “pulita” dall’atomo (che è una contraddizione in termini). Secondo rapporti di ONG e di Greenpeace, proprio in questi giorni di grande spolvero di comunicazione del nucleare italiano, dove al Forum Nucleare Italiano arriva una notizia che fa venire ancora più dubbi sulle centrali nucleari, riprendendo il tema dello spot tv. Difatti, come riporta il blog di Greenpeace, “Il 17 dicembre Greenpeace ha ricevuto rapporti verificati che dallo scorso 11 dicembre oltre 200.000 litri di fanghi radioattivi da tre piscine lesionate si sono riversati nell’ambiente presso la miniera d’uranio Somair”.

dicembre 28, 2010

Hearth Hour 2011

candela earth hour 2011

Quest’anno l’ Earth Hour (ora della Terra) sarà il 26 marzo alle 20.30. Un’ora di buio che coinvolgerà cittadini,istituzioni e imprese.

Nel 2010 hanno aderito all’iniziativa più di un miliardo di persone in 124 paesi del mondo, in Italia 140 Comuni, 200 aziende e decina di Associazioni, Enti Locali e scuole.

Nel 2011 le aziende possono fare un gesto simbolico regalando ai propri dipendenti, partner e clienti la candela Earth Hour 2011 e sostenere in questo modo i progetti WWF per il clima.

dicembre 28, 2010

Dio non è leghista.

Una svista milionaria: e’ questo che ha permesso alla tabaccheria di corso Vittorio Emanuele a Napoli di centrare i due 6 che ieri hanno portato a casa quasi 36 milioni ciascuno. ….e se non c’è la mano di Dio!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 862 follower