Archive for ‘ricette delle osterie’

luglio 31, 2018

Risotto la Limo ne

Il risotto al limone è un primo dal sapore freschissimo, facile e veloce da fare e perfetto per portare in tavola un piatto leggero e delizioso.

Oggi una ricetta per un risotto veloce, fresco e invitante, che farà impazzire tutti i vostri ospiti a tavola: il risotto al limone. Questo primo piatto insolito è in realtà ricco di sorprese, e il suo profumo farà venire l’acquolina in bocca a tutti quanti. Si cucina come un riso bianco, mantecato con formaggio e burro, e che viene arricchito con succo di limone e scorza. Andiamo a vedere subito tutti i passaggi per preparare questo risotto leggero ma goloso!

Ingredienti per la ricetta del risotto al limone e rosmarino (per 4 persone)

  • 320 g di riso carnaroli
  • Brodo vegetale q.b.
  • 40 g di burro
  • 1/2 cipolla bianca
  • 100 g di formaggio grattugiato
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 limone (scorza e succo)
  • Pepe bianco q.b.
  • Sale q.b.
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Rosmarino q.b.

DIFFICOLTA’: 1 | TEMPO DI COTTURA: 20′ | TEMPO DI PREPARAZIONE: 20′

Risotto al limone

FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/548876273309833446/

Come fare il risotto al profumo di limone

Fate soffriggere la cipolla tritata finemente nell’olio, con anche un po’ di scorza di limone e il rosmarino per insaporire bene il tutto. Tostate il riso, salandolo e pepandolo già in questa fase, dopodiché sfumatelo con del vino bianco.

Una volta che il vino sarà evaporato, togliete il rosmarino e inserite il succo di limone e il brodo, e lasciate in cottura fino a che non sarà al dente. Alla fine, spegnete la fiamma e mantecate con burro e formaggio. Concludete la ricetta con del pepe macinato fresco, della scorza di limone e… buon appetito

novembre 4, 2013

Grecia: Schulz, troika ha fatto danni

“La struttura della troika si è rivelata inconcludente per la soluzione dei problemi ed ha fatto più male che bene”: è questo uno dei passaggi salienti di un articolo scritto per l’edizione domenicale del quotidiano greco To Vima dal presidente del Parlamento europeo, il socialista tedesco Martin Schulz, che si trova oggi ad Atene per partecipare ad una conferenza sul tema ‘Sud per lo sviluppo’.

ottobre 29, 2011

Osterie di Langa: Carpione di uova e zucchine.

Si tratta di una  ricetta classicissima del Piemonte.

Gli zucchini e uova in carpione sono facilissimi e veloci da preparare e possono essere gustati anche dopo alcuni giorni, anzi dopo almeno 24 ore sono decisamente più saporiti.

Zucchini chiari

Ingredienti per il carpione di zucchini e uova (4 persone)

  • zucchini 600 g.
  • uova 4
  • aglio 3 spicchi
  • salvia 8-10 foglie
  • aceto 1 bicchiere
  • olio 1/2 bicchiere
  • sale q.b.

Preparazione

Tagliate gli zucchini per lungo (che devono essere piccoli e meglio se della varietà chiara), fateli friggere in una padella un poco alla volta e poi sistemateli in un piatto da portata con bordi alti.

A parte fate friggere le uova che metterete poi sopra gli zucchini. Per ultimo preparate dell’olio soffritto con l’aglio e la salvia, (l’aglio va tolto appena inizia a dorarsi), aggiungete l’aceto un pizzico di sale e rimettete sul fuoco.

Quando riprende a bollire versate il tutto sugli zucchini e le uova fritte, coprite con un’altro piatto o un foglio di alluminio. Si conserva diversi giorni anche fuori dal frigo.

giugno 12, 2011

Andar per osterie – risotto la barolo.

Ingredienti (per 6 persone):

                ·        ½ chilo di riso per risotti

(si consiglia: Carnaroli, Superfino Arborio, Roma)

  • 1 cipolla
  • ½ etto di midollo di bue freschissimo (dal macellaio occorre farsi dare un osso con il midollo)
  • ½ litro di brodo vegetale (meglio un buon brodo di manzo)
  • 3 bicchieri di vino Barolo
  • un etto di parmigiano grattugiato
  • 50 gr di burro
  • olio extravergine di oliva
  • 2 – 3 foglie di alloro
  • 2 foglie di salvia
  • sale e pepe q.b.

Preparazione:

  1. affettare le cipolle sottilissime e metterle a imbiondire a fuoco molto basso in un tegame largo con olio, una noce di burro e le foglie di alloro
  2. aggiungere subito il midollo estratto dall’osso e schiacciato bene con la forchetta. Lasciarlo fondere dolcemente con le cipolle rimestando un pochino
  3. Quando le cipolle saranno bene appassite, aggiungere le foglie di salvia e un bicchiere di Barolo; quindi farlo asciugare, sempre a fuoco dolce
  4. Alzare la fiamma, buttare il riso e rimestare bene fino a quando “attacca”
  5. Aggiungere a quel punto i rimanenti due bicchieri di Barolo e farli assorbire, sempre a fuoco vivace
  6. Versare poi sul riso, uno ad uno, i mestoli di brodo, portando il risotto a cottura
  7. In ultimo mantecare con il burro rimasto, aggiungendo anche il parmigiano
  8. Lasciar riposare un attimo, e, prima di servire, aggiungere una generosa macinata di pepe nero
  9. Il risotto dovrà risultare  piuttosto liquido e i chicchi di riso dovranno essere bene al dente. Il  segreto di un buon riso al barolo sta nel vino usato, che deve essere giovane.
  10. Questa ricetta l’ho appresa all’osteria dell’Areco di Alba.