Archive for gennaio, 2011

gennaio 31, 2011

Dire Straits – Brothers in arms – Buonanotte compagni.

Annunci
gennaio 31, 2011

Sono quello della chat!

il sito di Ippo di Stefano Frassetto

gennaio 31, 2011

TUMORI: ‘COLD CASE’ GENETICI, DOPO 30 ANNI GLI SCIENZIATI CANADESI RISOLVONO DUE ENIGMI .

Due misteri scientifici che duravano da decine di anni e che grazie alla genetica non sono più tali. Arrivano da due studi, pubblicati sul New England Journal of Medicine e sul Journal of the American Medical Association (JAMA), le soluzioni scritte nel Dna a due enigmi che duravano da oltre 30 anni. Nel 1976 a un paziente, Adolfo Pampena, fu diagnosticata una rara forma di cancro che causava una combinazione di sintomi e fu associata all’insorgenza di tumori multipli allo stomaco e al colon. Dopo 35 anni i ricercatori della McGill University, in Canada, hanno isolato il gene responsabile della malattia, BUB1B, coinvolto nel processo di separazione cromosomica. Basta un difetto e i cromosomi possono finire nel posto sbagliato, provocando l’insorgenza dei tumori. “Adesso possiamo anticipare la malattia”, dice William Foulkes, il cui team di ricerca presso la McGill è autore di un’altra scoperta che ha interessato cinque famiglie con una storia di gozzo multinodulare tossico, una rara malattia della tiroide che può portare gonfiori del collo e della laringe. Colpevole, questa volta, è la mutazione del gene DICER1. “Modifica una proteina in un unico posto e questo è sufficiente a provocare il gozzo”, spiega Foulkes.

La scoperta, pubblicato su JAMA, ha notevoli conseguenze. Per esempio, le donne in tre delle famiglie studiate avevano sviluppato una insolita forma di tumore ovarico, chiamato tumore a cellule di Sertoli-Leydig. Il collegamento tra i due problemi era stato solo ipotizzato nel 1974. Il gruppo di Foulkes è stato in grado, grazie all’analisi del Dna, di individuare lo stretto legame tra gozzo multi-nodulare e questi rari tumori”. La prospettiva è rassicurante. Conoscere in anticipo il rischio familiare con analisi genetiche. Impensabile 30-40 anni fa, impensabile come guardare nei geni che provocano il cancro. (ASCA)

gennaio 31, 2011

La doppia ..personalita’ del DNA

La doppia elica del DNA può assumere una forma alternativa ma funzionale, suggerendo che ci siano più livelli di informazione immagazzinati nel codice genetico

 

Il DNA ha un alter ego che solitamente resta nascosto, ma che ogni tanto si fa vivo e per breve tempo ne distorce i blocchi costitutivi conferendogli una forma differente. L’inaspettata scoperta è stata fatta da ricercatori dell’Università del Michigan e dell’Università della California a Irvine, che firmanoun articolo pubblicato in anteprima on line da Nature.

Era già noto che il DNA può piegarsi e torcersi a volte in modo singolare, ma nonostante tutto le sue basi restano accoppiate nel modo descritto da James Watson e Francis Crick nel 1953. Grazie a un raffinamento della tecnica di risonanza magnetica, il gruppo diretto da Al-Hashimi è stato però in grado di osservare forme transitorie alternative in cui alcuni “pioli” della spirale classica si separano e riassemblano in strutture stabili differenti dai classici accoppiamenti di basi di Watson-Crick.

“E’ come se si prendesse metà di un gradino di una scala e si girasse in basso la parte che sta in su. In questo modo si può ancora mettere insieme le due metà del gradino ma a questo punto non si ha più un coppia di basi di Watson-Crick, ma quella che a volte è chiamata coppia di Hoogsteen.”

gennaio 31, 2011

Capannori, consegnate cinque nuove case passive e popolari.

Possono essere le case di edilizia popolare anche energeticamente efficienti? Certamente si se sono progettate come tali. E non è detto che costino molto più di quelle costruite senza applicare i principi della bioedilizia.

A Capannori (che ben conosciamo per la sua capacità di arrivare all’80% di raccolta differenziata), in provincia di Lucca, frazione Marlia, sono stati consegnati cinque appartamenti costruiti per risparmiare energia. Tre appartamenti sono di 75 mq mentre due sono di 60 mq, sono stati costruiti solo con materiali della bioedilizia e sono Classe energetica A+. Il che vuol dire, come scrive Lo Schermo:

ciò significa che gli appartamenti ‘consumano’ meno di 23,48kWh/m2 all’anno contro i circa 160 kWh/m2 della media delle abitazioni italiane. Il loro fabbisogno energetico, in pratica, risulta più di sei volte inferiore a quello medio. Per la sua costruzione Erp, che si è occupata anche della progettazione, ha ottenuto un finanziamento di circa 900.000 euro dalla Regione Toscana e ha operato su un terreno di proprietà comunale.

Le strutture sono antisismiche; è stato usato legno da foreste certificate, mentre un impianto geotermico assicura il riscaldamento; i pannelli solari, a cui viene in aiuto una caldaia da 34 kW, garantiscono l’acqua calda. Infine a ogni appartamento è stato assegnato giardino e 2 posti auto e noi speriamo che chi ci abiterà userà il meno possibile l’automobile in favore della bicicletta.

gennaio 31, 2011

Milano e smog, la soluzione: abbassare la temperatura del riscaldamento.

Nonostante la domenica a piedi, i valori di smog nell’aria di Milano e Torino non sono calati. Nei due comuni, infatti, nei giorni scorsi si era reso necessario, almeno secondo le amministrazioni locali, vietare l’uso delle auto (con numerose deroghe però) per provare a ridurre i valori di PM10. Tutto inutile: le centraline continuano a dare valori sballati oltre le soglie. I valori per comune li trovate, aggiornati in tempo reale, sul sito la mia aria.

A Milano oggi sono scattati i divieti di circolazione anche nella zona ecopass (i colleghi di 02blog vi forniscono il calendario degli stop) il che sta scatenando un’ondata di proteste immani. Ora l’appello ai cittadini da parte delle associazioni ambientaliste: abbassare la temperatura dei riscaldamenti privati, degli uffici e condominiali e riportare tra i 16 e i 19 gradi piuttosto che agli attuali 23-24 gradi.

Riccardo De Corato vicesindaco di Milano a Life su La7 annuncia che anche domenica prossima è previsto lo stop alle auto considerate le attuali previsione meteorologiche.

gennaio 31, 2011

L’America si libera di Mubarak

gennaio 31, 2011

Il ruolo di internet nella rivolta degli egiziani.



gennaio 31, 2011

La Minetti sentita in Procura:spuntano i bonifici di Berlusconi

La consigliera regionale Pdl, al centro dell’inchiesta sullo sfruttamento della prostituzione per i festini di Arcore, ha risposto a tutte le domande. Ora i pm si preparano a chiedere il rito abbreviato

MILANO – Si è svolto oggi – e non martedì come previsto – l’interrogatorio di Nicole Minetti, la consigliera regionale indagata per favoreggiamento della prostituzione nell’ambito del caso Ruby. La donna è stata sentita per circa due ore dai pm Ilda Boccassini, Antonio Sangrermano e Pietro Forno.

La consigliera regionale, ex igienista dentale del premier, è uno dei punti di snodo fondamentali dell’inchiesta che la vede indagata con il premier Silvio Berlusconi, Lele Mora ed Emilio Fede, per favoreggiamento della prostituzione.  I magistrati l’hanno ascoltata sulla base delle molte intercettazioni telefoniche in cui si parlava dei “festini” ad Arcore.

Contrariamente alle ipotesi della vigilia, la consigliera del Pdl non si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Assistita dall’avvocato Daria Pesce, ha risposto a tutte le domande dei pm della procura. La procura di Milano dopo l’atto istruttorio di questo pomeriggio, che è stato secretato, nei prossimi giorni depositerà la richiesta di rito immediato per il premier.

gennaio 31, 2011

Primarie a Cagliari SEL batte il PD.

primarie cagliari

Disfatta del candidato Pd alle elezioni per la poltrona di sindaco di Cagliari, in Sardegna. Antonello Cabras, 61 anni, senatore, è stato sconfitto dallo sfidante di Sel, il giovane consigliere comunale e regionale Massimo Zedda con uno scarto di circa 500 voti. Quando ancora mancava un seggio, infatti, Cabras era fermo a 1750 voti contro i 2360 del candidato di Nichi Vendola.

Dunque da ieri sera è Zedda l’uomo che rappresenta tutta la coalizione di centrosinistra (l’Idv non ha partecipato alle primarie). Felice, il vincitore, su cui in pochi avrebbero scommesso, considerato il peso politico del senatore democratico. Sconcerto nella sede cittadina del partito democratico quando di fronte a quel dato, seppur parziale è diventato chiaro che Cagliari aveva doppiato Milano. Una sconfitta che brucia, inattesa eppure diventata sempre più palpabile quando è stato chiaro che l’affluenza alle urne sarebbe stata bassa: ieri mattina alle 11.30 erano andati a votare poco più di 1500 cagliaritani. Un trend che è andato avanti fino a sera.