Archive for Mag 15th, 2012

Mag 15, 2012

Monti è peggio di Berlusconi.

I dati sull’economia reale, molto più importante della finanza di carta per determinare lo stato di salute di un Paese e di chi lo abita, a partire dall’inizio del 2012 sono tutti negativi. Gli impatti del governo Monti, in carica da novembre 2011, e della manovra salva-italia, licenziata dal parlamento a dicembre, non sono stati dei migliori.
Ecco i veri risultati della politica “sviluppo-salva-italia” del governo Monti:

– Immatricolazioni Automobili (Gen-Feb. 2012 – a/a): -17,8% (UNRAE)

– Movimenti aerei passeg. e cargo (Gen. 2012 – a/a): -6,5% (ASSOAEROPORTI)

– Richieste Mutui (Gen. 2012 – a/a): -44,0% (EURISC)

– Inflazione (Feb. 2012 – a/a): +3,3% (ISTAT)

– Prezzi alla produzione dei prodotti industriali (Gen. 2012 – a/a): +3,3% (ISTAT)

– Prezzi beni energetici (Feb. 2012 – a/a): +15,6% (ISTAT)

– Consumi petroliferi (Gen-Feb. 2012 – a/a): -8,3% (Destag. -10,0%) (M.SV.EC.)

– Consumi gas (Gen. 2012 – a/a): -4,3% (MIN. SVIL. ECON.)

– Consumi En. Elettrica (Gen-Feb. 2012 – a/a): -0,2% (Destag. -2,0%) (TERNA)

– Produzione Industriale (Gen. 2012 – a/a): -2,1% (Destag. -5,0%) (ISTAT)

– Fatturato industriale (Gen. 2012 – a/a): -1,4% (Destag. -4,4%) (ISTAT)

– Ordinativi dell’industria (Gen. 2012 – a/a): -5,6% (ISTAT)

I dati si riferiscono tutti al rapporto anno su anno (a/a), ossia il raffronto tra il periodo analizzato nel 2012 (generalmente gennaio, oppure il bimestre gennaio-febbraio) e il medesimo periodo dell’anno precedente.
Tra parentesi è citata la fonte (Istat, Terna, Ministero dello Sviluppo Economico, Assoaeroporti, Eurisc e Unrae, fonti attendibili e verificabili).  ”Destag” invece sta per “destagionalizzato”, dal verbo “destagionalizzare” che in statistica significa “Non tenere conto, nell’analisi del mercato o di fenomeni di lungo periodo, dei dati evidentemente condizionati dall’influenza economica di un preciso periodo dell’anno”.
In sintesi: crolli di immatricolazioni auto, movimenti dei passeggeri su aerei e cargo, richieste mutui (tracollo clamoroso, -44%), consumi petroliferi, consumi di gas ed energia elettrica, produzione e fatturato industriale e ordinativi dell’industria; aumenti dell’ inflazione e dei prezzi dei prodotti industriali e dei beni energetici.
Si possono aggiungere anche altri dati:

-L’aumento delle ore di cassa integrazione (Feb. 2012 – a/a) + 16,8% (UIL)

-L’aumento della pressione fiscale, prevista al 45,2% nel 2012 dalla manovra Monti, mentre era al 42,7% nel 2011.

Infine, il calo del potere d’acquisto: le retribuzioni orarie contrattuali da dicembre 2011 a dicembre 2012 sono aumentare solo del dell’1,4% (fonte ISTAT), mentre i prezzi dei beni di prima necessità e acquistati con più frequenza sono saliti del 4,5% (fonte sempre ISTAT). C’è una differenza del 3%.

Insomma, forse l’Italia guidata da Monti-Napolitano-Merkel, dall’Ue e dai potentati finanziari, si salverà. Ma gli italiani?

Mag 15, 2012

ΕΊΜΊ ΕΛΛΕΝΙΚΌΣ – anche io sono Greco.

ANCHE NOI SIAMO LA GRECIA !

ΕΊΜΊ ΕΛΛΕΝΙΚΌΣ

ANCH’IO SONO GRECO !
ANCH’IO, Felice Besotri, ITALIANO DI NASCITA, SVIZZERO ED EUROPEO PER SCELTA
RESIDENTE IN LOMBARDIA, SONO GRECO PER SOLIDARIETA’ SOCIALISTA IN TERNAZIONALISTA!
INVITO TUTTI I MIEI AMICI DI FACEBOOK A DIFFONDERE QUESTA
FORMA DI PROTESTA CIVILE IN FAVORE DELLA DIGNITA’ DEL POPOLO
GRECO, MA ANCHE DI TUTTI I POPOLI, OPPRESSI DAL MOLOCH DELLA GLOBALIZZAZIONE ECONOMICA E DALLO STRAPOTERE ILLEGALE ED INCONTROLLATO DEI MERCATI FINANZIARI GESTITI, IN GRAN PARTE, DA BANCHE PRIVATE CRIMINALI IN GUANTI BIANCHI ED AGENZIE DI RATING PRIVATE COLLEGATE ALLE PRIME .

ANCH’IO SONO GRECO ANCHE NOI SIAMO LA GRECIA

anche io Beppe Sarno sono Greco ed il mio sogno più grande è di vivere glia ultimi anni della mia vita sulle rive del mare greco.

Mag 15, 2012

Abbandonare l’austerità per salvare l’euro.

Che l’euro sia un bene o un male, è fatto puramente relativo. E non era certo impossibile evitare il disastro economico al quale stiamo assistendo, come evidenzia l’articolo di W. Godley da noi ripubblicato. Ma vale sicuramente la pena tornare sull’argomento, non fosse altro per evitare il rischio che, a disastro avvenuto, non si possa far altro che demonizzare l’euro, facendo credere che la storia che si è compiuta fosse al di fuori delle aspettative e che margini di manovra per una Europa che possa uscire intera (e magari più forte) dai colpi della crisi internazionale, non ve ne siano più.

Ci sembra perciò utile illustrare  l’intervento su Project Syndicate di Barry Eichengreen, Professore di Economia e Scienze Politiche a Berkeley e in precedenza advisor del Fondo Monetario Internazionale, che fa un preciso richiamo a quanti vorrebbero rifarsi alla sfortunata vicenda del gold standard per fare saltare l’euro. Ciò che Eichengreen vuole mettere in risalto è infatti la profonda differenza di condizioni politiche ed istituzionali presenti nell’Europa del 1929 rispetto a quella attuale.

Continua a leggere »

Mag 15, 2012

Italiani e Greci stessa faccia stessa razza.

Italia Grecia trucchi truccò i conti ingresso entrare euro europe unione monetaria Claudio Messora Byoblu Byoblu.com

A distanza di dieci anni si scopre che l’euro era basato su una colossale truffa ai danni dei cittadini, perché entrammo a farne parte grazie ai trucchi di “creativi giocolieri finanziari”, come lo Spiegel definisce Carlo Azeglio Ciampi, allora ministro del tesoro del Governo Prodi, e grazie alla Germania che non voleva fossimo troppo competitivi. Helmut Kohl scelse volutamente di ignorare tutti i rapporti e le pressioni degli altri stati i quali, come l’Olanda, evidenziavano come non fossimo pronti, così come i drammatici appelli finali come quello di Stephan Freiherr von Stenglin, attaché finanziario dell’ambasciata tedesca a Roma, i quali sottolineavano come il nostro ingresso nella moneta unica si sarebbe tradotto in un disastro per noi e per gli altri. Secondo lo storico Hans Woller, al momento di entrare nell’euro l’Italia era “sull’orlo della bancarotta finanziaria” e propose per due volte di rinviare la partenza dell’euro, ma la Germania rifiuto’.

LEGGI TUTTO…

Mag 15, 2012

Il Sindaco di tutti i cittadini.

Roma, “marcia nazionale per la vita“, antiabortisti in piazza, c’è pure Forza Nuova. Il sindaco di Roma Gianni Alemanno, il sindaco di tutti i cittadini, è ovviamente presente. E decide di salutare con dignità il Cardinale Raymond Leo Burke, così.

 

Mag 15, 2012

Non potendo avere il Nobel……

Premio Guido Carli, III edizione:

GIURIA: Gianni Letta, Presidente
PREMIATI: Silvio Berlusconi (Premio alla Carriera)
Mag 15, 2012

Non ci facciamo mancare niente.

Che in un periodo del genere, in piena recessione, con la borsa italiana che crolla e lo spread che risale, dall’India al Regno Unito cominciasse a circolare la seguente voce: “La Pupa di Silvio“, Daniela Santanché, potrebbe diventare il nuovo Presidente del Consiglio italiano …

 

Mag 15, 2012

Gli articoli più letti.

Mag 15, 2012

Il leader maximo.

Mag 15, 2012

Mica scemo!


Caso Orlandi e la tomba di De Pedis.