Monti è peggio di Berlusconi.

I dati sull’economia reale, molto più importante della finanza di carta per determinare lo stato di salute di un Paese e di chi lo abita, a partire dall’inizio del 2012 sono tutti negativi. Gli impatti del governo Monti, in carica da novembre 2011, e della manovra salva-italia, licenziata dal parlamento a dicembre, non sono stati dei migliori.
Ecco i veri risultati della politica “sviluppo-salva-italia” del governo Monti:

– Immatricolazioni Automobili (Gen-Feb. 2012 – a/a): -17,8% (UNRAE)

– Movimenti aerei passeg. e cargo (Gen. 2012 – a/a): -6,5% (ASSOAEROPORTI)

– Richieste Mutui (Gen. 2012 – a/a): -44,0% (EURISC)

– Inflazione (Feb. 2012 – a/a): +3,3% (ISTAT)

– Prezzi alla produzione dei prodotti industriali (Gen. 2012 – a/a): +3,3% (ISTAT)

– Prezzi beni energetici (Feb. 2012 – a/a): +15,6% (ISTAT)

– Consumi petroliferi (Gen-Feb. 2012 – a/a): -8,3% (Destag. -10,0%) (M.SV.EC.)

– Consumi gas (Gen. 2012 – a/a): -4,3% (MIN. SVIL. ECON.)

– Consumi En. Elettrica (Gen-Feb. 2012 – a/a): -0,2% (Destag. -2,0%) (TERNA)

– Produzione Industriale (Gen. 2012 – a/a): -2,1% (Destag. -5,0%) (ISTAT)

– Fatturato industriale (Gen. 2012 – a/a): -1,4% (Destag. -4,4%) (ISTAT)

– Ordinativi dell’industria (Gen. 2012 – a/a): -5,6% (ISTAT)

I dati si riferiscono tutti al rapporto anno su anno (a/a), ossia il raffronto tra il periodo analizzato nel 2012 (generalmente gennaio, oppure il bimestre gennaio-febbraio) e il medesimo periodo dell’anno precedente.
Tra parentesi è citata la fonte (Istat, Terna, Ministero dello Sviluppo Economico, Assoaeroporti, Eurisc e Unrae, fonti attendibili e verificabili).  ”Destag” invece sta per “destagionalizzato”, dal verbo “destagionalizzare” che in statistica significa “Non tenere conto, nell’analisi del mercato o di fenomeni di lungo periodo, dei dati evidentemente condizionati dall’influenza economica di un preciso periodo dell’anno”.
In sintesi: crolli di immatricolazioni auto, movimenti dei passeggeri su aerei e cargo, richieste mutui (tracollo clamoroso, -44%), consumi petroliferi, consumi di gas ed energia elettrica, produzione e fatturato industriale e ordinativi dell’industria; aumenti dell’ inflazione e dei prezzi dei prodotti industriali e dei beni energetici.
Si possono aggiungere anche altri dati:

-L’aumento delle ore di cassa integrazione (Feb. 2012 – a/a) + 16,8% (UIL)

-L’aumento della pressione fiscale, prevista al 45,2% nel 2012 dalla manovra Monti, mentre era al 42,7% nel 2011.

Infine, il calo del potere d’acquisto: le retribuzioni orarie contrattuali da dicembre 2011 a dicembre 2012 sono aumentare solo del dell’1,4% (fonte ISTAT), mentre i prezzi dei beni di prima necessità e acquistati con più frequenza sono saliti del 4,5% (fonte sempre ISTAT). C’è una differenza del 3%.

Insomma, forse l’Italia guidata da Monti-Napolitano-Merkel, dall’Ue e dai potentati finanziari, si salverà. Ma gli italiani?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: