RIFUGIATI ALL’INFERNO.

Con in tasca un regolare permesso di soggiorno, riconosciuto per protezione internazionale, un gruppo di centocinquanta rifugiati provenienti dalla Somalia è costretta a vivere in condizioni disumane nonostante abbia diritto ai programmi di protezione per i quali l’Italia prende generosi fondi dalla comunità europea proprio per garantire accoglienza e integrazione. A cominciare da una sistemazione adeguata. Come accade in tutti gli altri paesi, Olanda e Germania in testa. Da noi no. Eppure lo Stato dispone di circa 27 milioni di euro destinati alla sistemazioni di profughi e rifugiati . Invece, questi centocinquanta invisibili, dormono per terra in un edificio pericolante. Senza finestre, riscaldamento, corrente elettrica. Hanno due bagni in comune. Poche le stanze agibili, occupate con letti di fortuna dal maggior numero di loro: per scaldarsi . Ridotti allo stremo delle forze sognano di riuscire ad andarsene ma chi riesce viene rispedito indietro: hanno patenti, tessere sanitarie, documenti italiani. Soltanto uno è riuscito a non tornare nell’inferno romano: un tribunale tedesco ha sospeso l’ordine di rimpatrio dopo aver accertato che le condizioni di vita in Italia non assicurano i livelli di dignità invece garantiti in Germania.(il fatto quotidiano)

One Trackback to “RIFUGIATI ALL’INFERNO.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: