La camorra si diverte.

Acerra, provincia di Napoli, Piazzolla numero 2 antistante l’inceneritore e deposito di immondizia: prende fuoco l’altra notte. Bruciano 3000 ecoballe, o meglio rifiuti tritovagliati destinati all’inceneritore. Origine dolosa? I carabinieri di Acerra indagano e intanto il disastro ambientale si è compiuto. Nell’aria per chilometri si sono sparsi diossine, veleni di ogni genere e polveri si sono depositate sui campi agricoli.

L’ultimo incendio lo scorso 20 marzo appiccato da mani ignote. Le associazioni Medici per l’Ambiente e Assocampania Felix hanno chiesto l’inibizione dell coltivazoni nel raggio di 5Km:

fino a che non saranno effettuate le operazioni di caratterizzazione, rimozione e bonifica dei combusti, nonché monitoraggio dell’aria circostante l’area interessata, a tutela della salute pubblica.

Continua a leggere: Bruciano 3000 ecoballe a Acerra: annullare le coltivazioni nel raggio di 5Km

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: