Posts tagged ‘violenza sulle donne’

gennaio 3, 2015

Pubblicità!

novembre 27, 2013

Violenza sulle donne.

donna-giornata-mondiale-il-manifesto

 

Ieri la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. La vignetta oggi su il manifesto.
Argomento complicato, consta almeno di un altro paio di vigne.

marzo 7, 2013

Viva le donne.

Alle mamme che anche questa mattina hanno accompagnato a scuola i loro bambini per poi correre in fretta al lavoro; alle giovani che ancora non hanno un posto di lavoro e faranno fatica ad averlo; alle donne che hanno perso il lavoro a causa della crisi ed alle quali la crisi non offre nuove opportunità; alle mogli che con fatica e coraggio hanno detto basta alla mancanza di rispetto, alle violenze ed alle umiliazioni per riprendersi in mano la propria vita e quella dei propri figli; alle donne che sono costrette a rivolgersi al Pronto Soccorso.
A mia figlia che da anni vive da sola rincorrendo il sogno di diventare giornalista e ci è quasi riuscita, a Paola, Elisa e Laura ed alla nostra piccola Sofia che si ostina a chiamarmi nonnoaldo ed io mi chiamo Beppe. A Pina che ogni sera mi dice “accendi il letto” e si riferisce allo scaldino.
A tutte le persone, senza distinzione di genere, che ogni giorno si impegnano per proteggere ed aiutare noi ed i nostri figli, vadano il mio ringraziamento più sincero, il mio abbraccio più caloroso ed un grande mazzo rosso di rose. Viva l’8 marzo.

gennaio 25, 2013

Usa, proposta choc: “Carcere per chi abortisce dopo strupro”.

Usa, proposta choc: “Carcere
per chi abortisce dopo strupro”

Il disegno di legge arriva da una deputata repubblicana del New Mexico: la vittima di una violenza sessuale deve portare a termine l’eventuale gravidanza perché il feto possa essere utilizzato in sede di processo come prova del reato

novembre 23, 2012

Quando la violenza è in casa.


Due vittime su tre degli omicidi in famiglia (il 62,9%) sono donne. E la prevalenza della componente femminile tra le vittime dell’omicidio familiare si conferma in tutte le aree del…Visualizza altro

marzo 8, 2011

EVVIVA LE DONNE!

Un giorno, anni fa, lo scrittore portoghese – e anche italiano, perché no? – Josè Saramago lanciò una sfida pubblica: che gli uomini uscissero in strada, solo gli uomini, per dire alto e forte che loro non maltrattavano le donne, che non accettavano la vessazione come moneta di scambio nelle relazioni fra generi. Aggiunse che se le donne sono le vittime, sono gli uomini ad avere il problema perché sono gli uomini a maltrattare. Proprio per questo gli uomini rispettosi, quelli che trattano le donne come loro stessi vorrebbero essere trattati, devono farsi sentire senza sosta per non essere confusi con gli altri: quelli che ancora non si sono resi conto né delle dimensioni del loro crimine, né di quanto diventano sporchi nell’ignorare che le donne non sono cose e hanno pienezza di diritti: possono dire «io» senza che nessuno le uccida, le disprezzi o le segreghi. Uguali davanti alla legge, uguali nei diritti e nei doveri, tanto in casa quanto nel lavoro e nel governo comune della società.Uomini, compagni, amici, amanti, mariti, fratelli, padri: se non siete uguali a coloro che ripudiamo, se ci amate e ci rispettate, se partecipate ai nostri sogni di un mondo migliore, ditelo senza paura. Le donne non temono l’orco ne i suoi seguaci: sanno che tutti insieme riusciremo a fare in modo che tornino nelle caverne e tra loro, solo tra loro, liberino i loro istinti, giochino a quel che vogliono, bevano quel che gli va e ridano fino alla fine dei tempi delle loro stupide barzellette. Agli altri, a noi, questi giochi non divertono.

Non apparteniamo a quella sottospecie: siamo Italia, la terra di Dante, della poesia che innamora, della musica che consola, anima i nostri corpi ed eleva i nostri spiriti. Siamo la patria dell’arte: lo diremo molto chiaro, in modo che lo capiscano anche coloro che l’abbruttimento ha reso sordi.

Vogliamo, uomini, che siate nostri simili. Vi offriremo fiori quando uscirete per strada per dire che nessuno vi paragoni a quelli che oggi comandano e disgovernano, che voi siete nel presente e nel futuro, siete i nostri compagni dell’anima, amatissimi compagni

novembre 9, 2009

Turchia nel 2009 assassinate 953 donne.

donne velateIl dato è stato reso noto dal ministro della Giustizia in seguito ad un’interrogazione parlamentare

Nei primi sette mesi del 2009 in Turchia sono state assassinate 953 donne.
Questo significa che in media sono state uccise 4,5 donne al giorno, 31 a settimana.
A dare la notizia è stato il quotidiano filo-governativo Today’s Zaman che riporta il dato fornito da Sadullah Ergin, ministro della Giustizia, per rispondere ad un’interrogazione parlamentare.
A chiedere al ministro della Giustizia di fare luce su questi omicidi è stata la deputata Fatma Kurtulan del partito per una Società democratica, filo curdo.
L’interrogazione della Kurtulan rientra all’interno di un progetto più ampio per costringere il Governo guidato da Giustizia e Sviluppo, partito di radici islamiche, a porre fine alla piaga delle violenze contro le donne.