Posts tagged ‘vetro’

marzo 27, 2013

Riciclo vetro in Ue supera 70%, Italia quarta.

ROMA – Il tasso medio di riciclo del vetro nell’Unione Europea ha superato per la prima volta la soglia del 70%, con oltre 11 milioni di tonnellate di vetro raccolte nel 2011 per essere riciclate. Il dato e’ stato pubblicato oggi dalla Federazione europea dei contenitori in vetro (Feve), che assegna all’Italia il quarto posto in Ue dopo Germania, Francia e Inghilterra.

In base ai dati del 2011, il riciclo del vetro ha portato a un risparmio di oltre 12 milioni di tonnellate di materie prime – sabbia, carbonato di sodio e carbonato di calcio – insieme a una riduzione di oltre 7 milioni di tonnellate di CO2 e a un risparmio del 2,5% di energia per ogni 10% di vetro riciclato nel forno.

novembre 19, 2011

Vino e vetro, e’ la scelta di 9 italiani su 10.

VINO E VETRO, E' LA SCELTA DI NOVE ITALIANI SU DIECI VINO E VETRO, E’ LA SCELTA DI NOVE ITALIANI SU DIECI

Ogni italiano ne consuma in media 37 bottiglie ogni anno, per un totale di 2 miliardi e 200 milioni. Nove persone su dieci, al momento della scelta, lo preferiscono. E’ il vino in bottiglia di vetro, che rappresenta il 73% della produzione italiana. Questi i dati diffusi da Assovetro, l’Associazione nazionale degli industriali del vetro, nel corso di una manifestazione organizzata a Firenze.

Il “matrimonio indissolubile” tra vino e vetro è confermato anche dai dati dell’export relativi al 2010: 1,6 miliardi di bottiglie esportate, con un aumento della produzione delle bottiglie del 5,3%, con un trend positivo confermato anche per il 2011. “Ci si sta sempre più aprendo a nuovi mercati come l’Europa dell’Est, la Cina, l’India e la Russia, come produttori di imballaggi di vetro abbiamo potuto usufruire del crescente favore accordato al made in Italy alimentare in tutto il mondo – spiega il presidente della sezione contenitori in vetro di Assovetro, Franco Grisan – così da aggiungere la qualità del contenitore in vetro a quella del contenuto”.

settembre 10, 2011

Vetro: boom riciclo, su Facebook arriva gioco bottiglia.

BOOM RICICLO VETRO BOOM RICICLO VETRO

Italia super-riciclona nel settore del vetro. E ora su Facebook arriva il ‘gioco della bottiglia’ lanciato dal movimento dei consumatori europei, Friends of Glass, con il supporto della Federazione Europea dell’Industria del vetro (Feve) che ogni giorno incoronerà gli eroi del riciclo. Il gioco si chiama “pass the bottle” e invita gli iscritti al social network a sperimentare in prima persona il riciclo corretto di una bottiglia virtuale di vetro. Il gioco è semplice e divertente: consiste nel bere da una bottiglia e passarla tra gli amici virtuali fino a vuotarla. Chi la vuota e l’avvia al riciclo riceverà il titolo di Vero Amico del Vetro.

Per quanto riguarda il boom del recupero, nel 2010, riferisce l’Associazione nazionale degli industriali del vetro (Assovetro), la quantità di barattoli, bottiglie e flaconi in vetro riciclato è stata pari a circa un milione e mezzo di tonnellate (+8% rispetto all’anno precedente) e il tasso di riciclo ha raggiunto il 68,3% (66% nel 2009), uno dei risultati migliori a livello europeo. Anche la produzione dei contenitori in vetro (3.656.582 di tonnellate) è stata di segno positivo (+5,43%) rispetto aItalia super-riciclona nel settore del vetro. E ora su Facebook arriva il ‘gioco della bottiglia’ lanciato dal movimento dei consumatori europei, Friends of Glass, con il supporto della Federazione Europea dell’Industria del vetro (Feve) che ogni giorno incoronerà gli eroi del riciclo. Il gioco si chiama “pass the bottle” e invita gli iscritti al social network a sperimentare in prima persona il riciclo corretto di una bottiglia virtuale di vetro. Il gioco è semplice e divertente: consiste nel bere da una bottiglia e passarla tra gli amici virtuali fino a vuotarla. Chi la vuota e l’avvia al riciclo riceverà il titolo di Vero Amico del Vetro.

Per quanto riguarda il boom del recupero, nel 2010, riferisce l’Associazione nazionale degli industriali del vetro (Assovetro), la quantità di barattoli, bottiglie e flaconi in vetro riciclato è stata pari a circa un milione e mezzo di tonnellate (+8% rispetto all’anno precedente) e il tasso di riciclo ha raggiunto il 68,3% (66% nel 2009), uno dei risultati migliori a livello europeo. Anche la produzione dei contenitori in vetro (3.656.582 di tonnellate) è stata di segno positivo (+5,43%) rispetto a

ottobre 29, 2010

L’Italia virtuosa aumenta il riciclo dei materiali.

L’Italia ricicla anche la crisi: pur diminuendo la quantità dei rifiuti trattati fino a 24 milioni di tonnellate (pari a – 24,7%), crescono gli indici di tutti i materiali: in alto i valori di carta, acciaio e vetro. Questa la fotografia delle principali tendenze registrate nel 2009 dal settore del recupero rifiuti scattata dal rapporto ‘L’Italia del riciclo’ – presentato oggi a Palazzo Montecitorio a Roma – promosso quest’anno da Fise Unire (l’associazione di Confindustria che rappresenta le aziende del recupero rifiuti) e dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile.

Alla fine del 2009 si è registrata una flessione dei quantitativi di 7 milioni rispetto al 2008 (da 31 mln ton del 2008 a 24 mln ton del 2009) rispetto ai sei principali flussi di materiali (rottami ferrosi, alluminio, carta, legno, plastica, vetro). Una riduzione addebitabile al forte calo dell’industria siderurgica (meno 6,7 mln ton di rottami ferrosi pari a una riduzione del 34,4%). L’alluminio riciclato è calato del 27,9%. Così altri materiali: il 10% la carta, il 4,4% il legno, il 9,9% la plastica, e il 3,2% il vetro.

Quanto all’immesso al consumo tutti i settori hanno aumentato il riciclo (alluminio a parte con – 8%), fino all’80% di carta e acciaio e al 66% il vetro. Questo rapporto, afferma Edo Ronchi presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile, “ci dice che non c’é solo la crisi dei rifiuti di Napoli. Abbiamo intere regioni con differenziate intorno al 50% e settori come quello degli imballaggi in cui si ricicla il 64% dell’immesso al consumo”.

luglio 21, 2010

Mettere al bando le bottiglie di plastica.

Nel 2009 in Italia più di una bottiglia su due è in vetro riciclato e il 74% dei consumatori europei preferisce gli imballaggi in vetro per bevande e cibi grazie alla capacità del vetro di mantenere inalterato il gusto e la frescezza del prodotto che contiene, al suo schermo protettivo contro i batteri, al suo rispetto per l’ambiente.

Questo il bilancio di Assovetro, l’Associazione nazionale degli industriali del vetro secondo i quali questo materiale ”è l’unico imballaggio che non ha bisogno di ulteriori strati o additivi per ospitare in sicurezza cibi e bevande, è riciclabile al 100% e all’infinito, fornisce una protezione naturale contro i batteri”.
 
E’ una questione di gusto se il 72% del vino confezionato in Italia e il 77% della birra è confezionato in vetro e se il 62% dei consumatori opta per il vetro quando si tratta di cibi o bevande. ”Tanto più che – rileva Assovetro nel report – per venire incontro al bisogno di leggerezza dei consumatori, i contenitori in vetro hanno affrontato una ‘dieta dimagrante’. Essi sono, infatti, il 40% più leggeri che 20 anni fa”.

Che si aspetta a mettere al bando le bottiglie si plastica?