Posts tagged ‘Veronica Lario’

gennaio 10, 2013

….e paga!

Giudichesse femministe e di sinistra.
Capaci di trasformare un piccolo omino nero
– nelle idee e nell’umore –
in un piccolo omino rosso.
Potenza del comunismo !!!
giugno 23, 2012

La spending review del “Monnezza”

“Devo tagliare, non me lo posso più permettere, prima avevo 11 palazzi, ora solo uno, se prima le mie azioni valevano 11, ora valgono uno”.  Un Silvio Berlusconi molto preoccupato per le troppe “spese personali”. Circa 100 milioni di euro l’anno così suddivise:

25 milioni di euro l’anno per mantenere le ville (ora quella di Antigua è in vendita – così come lo yacht di famiglia – ma ne ha acquistata un’altra in Sardegna: “era un’occasione”);

12 milioni l’anno per la ex moglie, assegno da 1 milione al mese, che vorrebbe ridurre;
41 milioni l’anno circa da suddividersi tra spese per i quotidiani di famiglia, a partire da Il Giornale, spese per il Milan, prestiti concessi ad amici e conoscenti;
20 milioni di euro l’anno per il Pdl.
Più di un milione l’anno per il mantenimento delle ragazze che hanno avuto “la vita rovinata dai Pm”: assegno da 2.500 euro al mese. Le olgettine sono circa una quarantina.

Gli ulteriori dettagli sulla spending review di casa Silvio B. le trovi qui: http://affaritaliani.libero.it/politica/la-spending-review-di-silvio-salvi-il-milan220612.html?refresh_ce

ottobre 25, 2011

Ritorna il maggiorascato

Quando ho letto che il governo voleva riformare il sistema delle successioni lì per lì non ho capito perchè, ma poi, riflettendo e leggendo un pò ho capito che si trattava della ennesima legge ad personam di Silvio Berlusconi. Praticamente il nostro premier fottendosene di tutto quello che sta succedendo pensa ancora una volta ai fatti  suoi e cerca di favorire(secondo le indiscrezioni dei media) i figli di primo letto rispetto a quelli dell’ormai invisa Veronica. Silvio -anche se probabilmente non ci pensa- per risolvere problemi suoi privati, vorrebbe reintrodurre una versione aggiornata di quel maggiorascato sul quale dall’antica Roma e fino all’ età moderna si risolsero sempre a favore dei maschi primogeniti i problemi testamentari, terre, ricchezze, titoli nobiliari, permettendo quell’ accumulazione primaria di ricchezze agrarie alla base del sistema economico vigente e più ancora del classismo persistente della nostra società. Fu Gioacchino Murat a Napoli nel 1809 il primo a proclamare l’ uguaglianza ereditaria tra i figli. Anche con la Restaurazione, nel 1815 il maggiorascato era un’istituzione così decrepita che fu reintrodotto ma accompagnato dall’istituto della legittima che almeno garantiva una parte di patrimonio ai figli minori. Dall’Unità in avanti è -per fortuna- impossibile favorire ereditariamente i figli maggiori che non sono più privilegiati rispetto ai minori. E’ quindi una volta di più una cultura profondamente arcaica, reazionaria, totalmente antimoderna quella che esprime Silvio Berlusconi e che si accanisce perfino sulle più consolidate conquiste della nostra modernità, l’ uguaglianza davanti alla legge, l’uguaglianza dei figli e tra i figli. A lui piace rappresentarsi come l’incarnazione stessa della modernità, ma… ridateci Giocchino Murat.

I colpi di coda sono i peggiori e ora che il capo del governo sta per passare la mano ne vedremo delle belle. Prepariamoci al peggio.

aprile 17, 2010

In due a mangiare.

novembre 13, 2009

Buona notte compagni.

Buona notte compagni, anche se non sarà una buona notte, perchè quando un socialista usa la censura per non discutere, vuol dire che siamo messi proprio male.

Buona notte ai compagni in cassa integrazione.

Buona notte ad Anna Finocchiaro che finalmente si è incazzata.

Buona notte a Ferrero che organizza il no berlusconi day.

Buonanotte a Veronica Lario che gli scoppaun sacco di soldi.

Buona notte ai dinosauri del Cilento che hanno cento milioni di anni.

La malattia di Berlusconi di questa notte è :la sindrome di Bloom. Molto rara e molto fastidiosa