Posts tagged ‘veronesi’

febbraio 3, 2013

Tumori polmone, appello Veronesi ai medici “Tac a basse dosi salva le vite: consigliatela”.

Tumori polmone, appello Veronesi ai medici "Tac a basse dosi salva le vite: consigliatela" L’oncologo Umberto Veronesi

“LE NUOVE linee guida dell’American Cancer Society, che raccomandano a tutti i medici di invitare i loro pazienti fumatori a sottoporsi alla tac a basse dosi, rappresentano una svolta storica nella lotta al cancro polmonare, con cui anche l’Italia si deve confrontare. Sapendo che è scientificamente provato dai più recenti studi clinici e dai  più autorevoli organismi internazionali che questo esame, eseguito sistematicamente sui forti fumatori o ex fumatori, può salvare lo loro vita, si affaccia per ogni medico  il dovere morale di consigliarlo ai propri pazienti e per ogni fumatore un’opportunità da non scartare.

Per la prima volta nella storia, la medicina si è occupata di chi fuma o ha fumato molto, offrendo una possibilità concreta di salvezza e salute, senza colpevolizzare o terrorizzare. Non possiamo più nascondere che pesa sul  nostro Paese il retaggio della concezione del cancro come punizione per qualche peccato segreto, e questo è tanto più vero per il tumore del polmone, per cui la colpa misteriosa non è: hai fumato o fumi e dunque ti meriti il cancro.

http://www.repubblica.it/salute/prevenzione/2013/01/31/news/tumori_appello_veronesi_ai_medici_per_tac_a_basso_dosaggio-51670146/

settembre 11, 2011

Umberto Veronesi: “Vegetariani anche da bambini si può, si deve”.

si può, si deve. Anche da bambini”. Parola di . L’oncologo, paladino della dieta verde, promuove il trend che vede un aumento dei piccoli italiani allevati ‘a carne zero’. Rispetto ai coetanei onnivori “sono più sani, hanno un quoziente intellettivo almeno equivalente e si ammalano di meno già all’asilo, perché hanno difese immunitarie migliori”.

 

Senza contare che “crescono più magri”. I “pesano in media circa il 10% in meno”, ricorda lo scienziato, e ‘dribblano’ così le patologie legate ai chili di troppo come il diabete. Chi rinuncia a mettere gli animali nel piatto è “dal 20% all’80% più protetto dalle , il 40% più protetto dal cancro e dal 20% al 60% più protetto dall’ipertensione”.
Dopo il via libera alla dieta vegetariana anche nei piccoli, che arriva dai pediatri riuniti a Verona per il convegno ‘Nutrizione, metabolismo e diabete nel bambino e nell’adolescente’, ricorda all’Adnkronos Salute i concetti contenuti nel suo ultimo libro ‘Verso la scelta vegetariana’ (Giunti editore), scritto a 4 mani con il giornalista Mario Pappagallo. “E’ nell’infanzia che si acquisiscono gli stili che poi ci accompagneranno per tutta la vita – spiega l’ex ministro della Sanità – Quindi educare i nostri bambini a mangiare in modo sano equivale a dotarli di una difesa fondamentale e duratura contro molte malattie”.

maggio 28, 2011

Tumore al seno: secondo Veronesi inutile asportare linfonodi delle regioni ascellari

 

Lo ha affermato Umberto , direttore scientifico dell’Istituto europeo di oncologia, intervenuto oggi al convegno ‘Nuove frontiere dell’oncologia della donna’, organizzato dal Centro oncologico fiorentino. ”Abbiamo una posizione omogenea fra tutti i medici – ha spiegato ai cronisti – ovvero passare dalla cultura di dare il massimo tollerabile di trattamento, anche se eccessivo, purche’ sia tollerabile, al minimo trattamento efficace”. Per quanto riguarda i tumori che colpiscono le donne, l’oncologo ha detto che ”nel al , grazie alla rivoluzione delle immagini che ci permette di trovare tumori anche di 5 millimetri, abbiamo fatto un enorme passo in avanti: la guaribilita’ e’ del 90%. Il all’ovaio, viceversa, e’ difficile da scoprire precocemente, si diffonde subito nel peritoneo, ed e’ molto complesso: pero’ la terapia sta facendo grossi progressi. Infine, c’e’ il del collo dell’utero, che sparira’ perche’ abbiamo il contro il , che in Italia e’ dato gratuitamente”.

dicembre 16, 2010

Le bugie di Veronesi.

ti sarà capitato in questi giorni di leggerle sui giornali o sentirle in tv le sparate nucleari del Prof. Umberto Veronesi. Dice per esempio che vorrebbe dormire con le scorie nucleari in camera da letto. Se, per assurdo, tutti i cittadini italiani seguissero il Prof. nell’esperimento avremmo oltre 250 mila casi di tumori fatali all’anno. Quanti Veronesi servirebbero per curarli tutti? 

Sempre per il Prof. il problema del deposito delle scorie non esiste perché – secondo lui – le potremo mandare in Spagna dove “c’è una vera e propria gara” dei comuni per accaparrarsi il deposito temporaneo. Visto che si tratta solo di 8 comuni su 8.000 (ma tutte le Regioni spagnole sono contrarie), la domanda sorge spontanea: qualcuno ha avvisato il governo spagnolo delle intenzioni del Prof. Veronesi? 

Dichiara, inoltre, il Prof. che in Svizzera sono state “ordinate” tre nuove centrali, ma si dev’essere confuso: in Svizzera di sicuro ci sono tre centrali che devono chiudere e, prima di farne di nuove, ci sarà un referendum. E la maggioranza dei Cantoni è contraria al nucleare.

Insomma, Veronesi straparla del nucleare e vorrebbe essere quello che ci “proteggerà” dalle centrali di Berlusconi ed ENEL

novembre 6, 2010

Nucleare/ Cdm nomina componenti Agenzia, Veronesi presidente.

– Il consiglio dei ministri ha deliberato la nomina dei componenti del consiglio direttivo dell’Agenzia per la sicurezza nucleare. Alla presidenza è stato nominato, su indicazione della presidenza del consiglio dei ministri, il professor Umberto Veronesi. Gli altri componenti sono Maurizio Cumo e Marco Enrico Ricotti, indicati dal ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, e Michele Corradino e Stefano Dambruoso, indicati dal ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo. Le nomine sono state trasmesse alle Camere per i pareri di legge. “Con questo provvedimento – commentano i ministri Prestigiacomo e Romani – prende il via la fase operativa dell’istituzione dell’agenzia per la sicurezza nucleare, organismo che rappresenta uno snodo fondamentale nell’ambito del complesso iter che porterà l’Italia a integrare con il nucleare la sua strategia energetica nazionale”.

ottobre 20, 2010

Per il nucleare Romani spera nella gara dei pazzi.

Dice Paolo Romani che l’agenzia per la protezione nucleare non c’è ancora, ma che la faranno. Intanto si può partire lo stesso, tanto quella è già stata affidata un ottantacinquenne con altri lavori e incarichi che non darà fastidio.Il neo-ministro sviluppatore dice anche che si aspetta che i comuni nelle aree papabili facciano a gara per averle sul loro territorio, dice che in Francia gli hanno offerto dei soldi e ha funzionato.

 Dimentica di dire che in Francia ha sì funzionato, ma che poi i  gentili ospiti hanno avuto modo di pentirsi e dimentica la considerazione per la quale, anche se si riuscisse a comprare il consenso della popolazione di un comune, rimarrebbe la questioncina degli altri comuni limitrofi nel raggio di decine di chilometri, visto che i possibili danni provocati da una centrale nucleare non tengono conto per niente dei confini comunali.

Visto come riusciamo a smaltire l’immondezza (vedi Terzigno) immaginate quando dovremo smaltire le scorie nucleari!!!!!!

luglio 13, 2010

Veronesi non farlo!

 Umberto Veronesi potrebbe essere a breve nominato presidente della neo Agenzia per la sicurezza Nucleare. io spero che Veronesi come senatore del PD, ma soprattutto come scienziato impegnato nella lotta contro il cancro, non voglia dare legittimazione ad un progetto della destra criminale e criminogeno. Abbiamo sempre creduto nell’onestà e nella buona fede di Umberto Veronesi, vero e proprio monumento nazionale, non vorremmo che la sua immagine fosse offuscata da calcoli da retrobottega, che  uno scienziato di portata mondiale non può  assecondare. Purtroppo al peggio non c’è mai fine.