Posts tagged ‘verdure’

ottobre 17, 2013

Cavolo: l’ortaggio piu’ nutriente del mondo. Ecco perché.

Il cavolo è una delle verdure più nutrienti e salutari del mondo. Dovrebbe essere considerato fondamentale per la nostra alimentazione, per via della ricchezza e varietà delle sua proprietà benefiche. 

Nella famiglia dei cavoli troviamo il cavolo riccio, il cavolo nero e rosso, il cavolo verza, il cavolo cappuccio, il cavolo broccolo e i …Visualizza altro — con Rebecca PeriRoberto FoglianiGiacomo Salzone e Samantha Peri

 
 
 
 
luglio 7, 2013

Farmaci e vaccini, tutti i consigli per chi parte in vacanza.

di ALESSANDRA MARGRETH

Arrivare informati alla meta e tornare a casa senza conseguenze indesiderate per la salute. Chi vuole e può intraprendere un viaggio, è meglio che sappia cosa fare prima e durante il soggiorno. Anche una villeggiatura in località vicine a casa potrebbe creare problemi senza qualche semplice precauzione. Chi ha scelto località lontane, deve tenere presenti alcune indicazioni importanti. Spiega Claudio Dioghetti, responsabile dell’Ambulatorio di Medicina dei Viaggi del Centro Diagnostico Italiano (CDI) di Milano: «Le regole base da rispettare ovunque si vada sono quelle igieniche. Quindi lavarsi le mani spesso e con cura, oppure usando prodotti disinfettanti. Bere solo acqua da bottigliette e mai mettere ghiaccio nelle bevande (non si sa con quale acqua è stato fatto!). Mangiare cibi cotti, verdure comprese, essere certi che latte e formaggi siano pastorizzati. La frutta va sbucciata, niente macedonie».

http://www.repubblica.it/salute/medicina/2013/07/02/news/farmaci_e_vaccini_tutti_i_consigli_a_misura_di_turista-62254436/

aprile 2, 2013

6 alimenti da mangiare per una salute di ferro.

limonegiallo.JPG La dieta alcalina privilegia l’assunzione di alimenti alcalini – come vegetali, frutta fresca, tuberi, noci e legumi – limitando gli alimenti acidi, come cereali, carni e formaggi. Per mantenere un buon equilibrio bisognerebbe assumere l’80% di alimenti alcalini ed il 20% di alimenti che fanno acidità.

Il nostro corpo deve bilanciare i livelli di pH del sangue a un livello leggermente alcalino di 7,365 per essere in salute. Ecco un elenco di cibi alcalini che possono essere inseriti in una dieta quotidiana.

1. Verdure con radice

Sono ricche di minerali. Fra queste consigliamo i ravanelli, le barbabietole, le carote, le rape ed il rafano. Pronte da mangiare dopo una cottura a vapore di soli 15-20 minuti.

2. Verdure “a croce”

Sono verdure che tutti conosciamo e amiamo. Fra queste i broccoli, i cavoli, i cavolfiori, i cavolini di Bruxelles e simili.

3. Verdure a foglia verde

Questi includono bietole, cime di rapa e spinaci. Conosciute soprattutto per la ricchezza di vitamina K, gli spinaci sono ricchi anche di vitamine, minerali, sostanze fitochimiche, antiossidanti e fibre, che aiutano a migliorare la digestione.

4. Aglio

L’aglio migliora la salute cardiovascolare e rafforza il sistema immunitario, riduce la pressione sanguigna, pulisce il fegato.

5. Peperoncino di Caienna

E’ tra i cibi più alcalinizzanti. E’ noto per le sue proprietà antibatteriche ed è ricco di vitamina A, che lo rende un agente utile per combattere i radicali liberi nocivi.

6. Limoni

Un disinfettante naturale, può guarire le ferite ma anche fornire sollievo per iperacidità e sintomi come la tosse, il raffreddore, l’influenza ed il bruciore di stomaco.

maggio 22, 2012

La pizza è una verdura?

pizza al pari delle verdure,. accade in Usa Ci sono notizie, come quella ripresa da News Food, che sembrano inventate e ci sono politiche che rasentano la follia. Il Congresso americano litiga sulla questione: la pizza è una verdura? Scrive Bettina Elias Siegel su Education News che il deputato Jared Polis ha presentato una nuova proposta di legge The SLICE Act (School Lunch Improvements for Children’s Education) che annulla quanto ammesso nel 2011: ossia che la pizza è una verdura essendo composta per 1/8 di pomodoro, pari a una razione di verdure. Ha detto Polis:

L’ Industria agro-alimentare non dovrebbe mai dettare la qualità dei pasti scolastici. Le grosse aziende alimentari hanno le loro priorità, che includono la vendita a basso costo di cibi malsani per un alto profitto. Ma genitori e scuole hanno le loro priorità, facendo sì che i nostri bambini mangiano correttamente perché la ricerca dimostra una chiara connessione tra alimentazione e il rendimento degli studenti nella scuola .

aprile 8, 2012

Cancro al seno: le verdure nella dieta potrebbe avere un ruolo determinante in termini di sopravvivenza.

Una che comprenda buone quantità di si ritiene aumenti le probabilità di sopravvivere al della . Lo studio
Le donne con diagnosi di al se vogliono aumentare le possibilità di sopravvivere alla malattia dovrebbero includere le nella propria , in particolare le crucifere come e . Secondo gli scienziati, infatti, proprio il consumo di questo tipo di è legato a un calo dei tassi di morte per alla , e non solo.

A sostenere che mangiare e fa aumentare le possibilità di guarire del tumore del sono i ricercatori della Vanderbilt University, di Nashville (Stati Uniti) i quali hanno seguito per cinque anni un gruppo di quasi 5.000 donne con diagnosi di del .
Lo scopo era proprio di individuare quali fattori potessero influire sul decorso della malattia, nel bene o nel male.

I dati raccolti dalla dottoressa Sara Nechuta e colleghi hanno permesso di scoprire che, in effetti, il consumo di del tipo crocifere avesse un ruolo nella riduzione dei tassi di morte. Nello specifico si è rilevato che le donne che includevano nella propria un buon numero di queste , durante i primi tre anni dalla diagnosi, vedevano ridursi le probabilità di soccombere alla malattia.

luglio 11, 2011

La verdura come primo piatto riduce le calorie e la glicemia.

 

Esiste un pasto ideale? È ovvio che sì. È davvero molto importante che la dieta quotidiana sia ben bilanciata. Dai ricercatori dell’Università di Osaka (Giappone) arriva il consiglio di usare un trucchetto: mangiare una buona dose di verdura prima di cominciare: invece, del solito primo o dell’antipasto, una bella insalatona. In tanti ristoranti già si fa.

Questa strategia serve per saziare, diminuire di conseguenza le calorie che verranno poi ingerite durante il pasto e controllare la glicemia nei casi di diabete di tipo 2. Non è poi un sacrificio così grande. Molte persone consumano l’insalata o le verdure come contorno o alla fine del pasto, basta solo spostare l’ordine delle portate. Si è giunti a questa tesi dopo aver monitorato un gruppo di pazienti diabetici.

I medici si sono accorti che queste persone avevano livelli di glicemia più bassi quando la verdura veniva mangiata all’inizio del pranzo o della cena. Così si è deciso di fare uno studio un po’ più approfondito. I medici hanno raccolto due gruppi di volontari diabetici: al primo è stato fatto seguire il metodo «verdura prima, carboidrati poi», al secondo invece la tecnica più complicata chiamata «razioni di scambio». Quali sono stati i risultati? Dopo un anno bisogna dire che entrambe le diete hanno abbastanza funzionato. Sicuramente quella che ha portato livelli di benefici maggiori è stata la prima che ha mostrato una riduzione dell’emoglobina glicata, ma anche della pressione e dei livelli dei lipidi plasmatici.

giugno 12, 2011

Ricette light: seppie saltate con le verdure.

Le seppie saltata con le verdure è un secondo piatto molto leggero, ideale per chi, in vista della fantomatica prova costume, non vuole farsi trovare impreparata! Inoltre, il wok, perfetto per la cottura al salto, permette di cuocere i cibi più velocemente, senza alterarne le proprietà. La particolare forma arrotondata del wok, infatti, richiede di aggiungere meno grassi sul fondo, a tutto vantaggio delle calorie.

Le seppie, d’altro canto, hanno valori nutrizionali molto simili ai cosiddetti “pesci magri” e sono una miniera di sali minerali come fosforo, potassio, calcio, ma sono ricche anche di vitamine A, B1 e D, proteine e fibre. Inoltre, le seppie, nonostante siano faticose da masticare, sono facilmente digeribili e hanno un ridotto apporto calorico.

Ingredienti per 4 persone

400 g di seppie fresche già pulite
200 g di broccoli
200 g di cavolo
150 g di funghi champignon
150 g di babymais in scatola
3 spicchi di aglio
1 pezzetto di radice di zenzero di circa 3 cm
4 cucchiai di salsa di soia
4 cucchiai di sakè
125 ml di brodo di pollo
1 cucchiaio di amido di mais
2 cucchiai di olio di sesamo
sale
pepe nero in grani