Posts tagged ‘Unione Petrolifera’

dicembre 16, 2011

La bolletta energetica italiana alle stelle

L’Unione Petrolifera rende note le sue stime sulla bolletta energetica complessiva del 2011: in aumento rispetto al 2010. Ed anche per il 2012, complici ulteriori rincari fiscali, si prevedeno aumenti della spesa

Bolletta Energetica Italiana.jpg

E’ in costante aumento.

Anno dopo anno.

E’ la spesa energetica italiana, vale a dire quanto l’Italia spende per acquistare materie prime energetiche.

Secondo l’Unione Petrolifera, infatti, nel 2011, la bolletta energetica italiana dovrebbe attestarsi intorno ai 61,9 miliardi di euro.

In aumento rispetto al 2010.

Ma in diminuzione rispetto alle precedenti stime.

In rialzo, invece, le stime per l’anno prossimo: 65,3 miliardi.

Neanche nel 2008, con il greggio a 140 dollari al barile, si spese così tanto.

Ad incidere in maniera determinante sulla bolletta energetica complessiva, l’aumento vertiginoso del gettito fiscale, conseguente ai 6 interventi effettuati nel corso dell’anno.

Tra accise ed IVA, paghiamo infatti ben 37,2 miliardi, oltre il 60% del valore complessivo.

E, nel 2012, sono previsti ulteriori rincari fiscali.

ottobre 2, 2011

Up, nel 2025 in Italia piu’ rinnovabili e gas,meno petrolio.

(archivio) (archivio)

Piu’ gas e meno petrolio, questo lo scenario disegnato dalle previsioni dell’Unione Petrolifera sulla domanda energetica e petrolifera italiana tra il 2011 e il 2025. Il cambio del mix, non troppo pesante, avverrebbe in un contesto di moderata crescita con un consumo complessivo che passerebbe dalle 177,5 milioni di Tep del 2011 alle 195,5 del 2025.

Secondo le previsioni dell’associazione dei petrolieri, il peso del petrolio dovrebbe scendere dall’attuale 40% al 37% nel 2015 e al 34% tra quindici anni. A compensare questa flessione pensera’ il gas che nel 2025 dovrebbe arrivare a soddisfare circa il 40% del fabbisogno nazionale. Un’altra parte del fabbisogno elettrico sara’ coperto dall’incremento delle rinnovabili che dovrebbero arrivare al 14% rispetto al 10% attuale.