Posts tagged ‘trieste’

aprile 14, 2011

A Trieste 50 scienziati studiano alla scuola internazionale di sicurezza nucleare

A Trieste, da lunedì 11 aprile e per due settimane 50 scienziati, proventi per la maggior parte da Pesi in via di sviluppo, seguiranno lezioni di sicurezza nucleare. Mai come nel pieno dell’emergenza nucleare di Fukushima Daiichi, il tema sembra più necessario. La scuola però è stata progettata un anno fa e voluta dal presidente Obama, in virtù della stima che nel mondo vi sono 920 obiettivi sensibili nucleari, cioè a rischio terrorismo. La sede dove si stanno tenendo i corsi è quella del prestigioso Centro internazionale di Fisica Teorica Abdus Salam (Ictp).

Ha detto , Miroslav Gregoric responsabile dell’area prevenzione dell’Aiea:

I potenziali obiettivi nucleari includono 480 reattori nucleari utilizzati per scopi scientifici, 440 reattori impegnati nella produzione energetica e 25 mila armi nucleari. Le maggiori preoccupazioni sono rappresentate da possibili furti di armi finalizzati a creare bombe nucleari improvvisate, il sabotaggio degli impianti o il trasporto di materiale radioattivo.

La scuola nasce grazie alla collaborazione dell’Iaea, ossia l’Agenzia internazionale oer la sicurezza atomica, che fornisce 12 docenti; il Ministero degli affari esteri e con gli sponsor Cei (Iniziativa Centro Europea) e Fondazione per l’avanzamento della scienza del Kuwait. Tra gli esperti anche 9 provenienti dall’Interpol e altri dall’Agenzia JRC di Ispra.

marzo 12, 2011

A Trieste adottano gli asini.

Non solo Campania e Sicilia per gli asini impegnati in lavori socialmente utili. I lavori di cui parliamo sono quelli di raccolta dei rifiuti è adesso anche a Trieste girano due simpatiche asinelle che affiancano un operatore ecologico a sua volta affiancato da una persona incaricata del benessere delle due asine. La scelta è stata fatta dopo attente riflessioni da parte dell’ente incaricato alla pulizia delle strade ed è stata approvata dalla Giunta comunale.

Attualmente si tratta di una periodo di prova. Già qualche tempo fa era stata provata questa strada ma i sindacati hanno protestato lamentando che le due asine toglievano posti di lavoro. Adesso i tempi sembrano essere maturi per continuare su questa strada soprattutto visto che gli asini verranno impiegati una zona definita “il salotto della città” dove La presenza di mezzi non è benvista a causa dell’elevato rumore e dell’inquinamento (senza considerare i segni che i pneumatici lasciano sulle pietre della pavimentazione). Voi vorreste gli asinelli in giro per la vostra città? Personalmente mi piacerebbe vedere gli asinelli anzichè quei furgoni puzzolenti e rumorosi.

ottobre 23, 2010

“Classi differenziate per i disabili” Bufera sul leghista Fontanini

I disabili nella scuola? “Ritardano lo svolgimento dei programmi scolastici, più utile metterli su percorsi differenziati”. Il leghista Pietro Fontanini interviene a un convegno promosso dal Consorzio per l’assistenza medico-pedagogica a Palmanova e si scatena la bufera. Le dichiarazioni del presidente della Provincia di Udine, confermate da più testimoni e contestate dalla platea di 300 operatori sul tema della disabilità, trovano in serata la reazione “attonita e indignata” dell’assessore alla sanità Vladimir Kosic. Ma il primo a prendere le distanze, già al tavolo dei relatori, è Paolo Ciani, consigliere regionale del Pdl.

LA DENUNCIA A riferire le parole di Fontanini è Francesco Martines, capogruppo del Pd in Provincia. “Ritengo queste affermazioni offensive nei confronti delle famiglie che vivono situazioni di disabilità – scrive Martines in una nota – e nei confronti di operatori che cercano in tutti i modi di rendere operative teorie e comportamenti di massima integrazione e inclusione nel mondo della scuola e nella società”.

Perchè non organizzare dei campi di concentramento e dei bei forni crematori? Mi meraviglio che non lo abiano ancora proposto.