Posts tagged ‘trasporti pubblici’

novembre 23, 2013

Il regno dell’indifferenza.

Milano, soltanto anziani e stranieri lasciano il posto alla donna incinta (fotogramma)

Il test dopo la decisione del Comune di riservare sedili sui mezzi pubblici alle donne in attesa. Le ragazze armeggiano con gli smartphone, tutti (o quasi) fanno finta di non vedere la futura mamma di LAURA FUGNOLIVisualizza altro
marzo 27, 2012

Tallinn prima capitale europea con i trasporti pubblici gratuiti.

tallinn

Tallinn prima capitale europea con i trasporti pubblici gratuiti a partire dal primo gennaio 2013. Lo ha annunciato nei giorni scorsi il sindaco della capitale dell’Estonia Edgar Savisaar. Tram e bus saranno gratis per i cittadini. Esperienze simili, ve ne avevamo già parlato, sono state avviate in cittadine della Francia e del Belgio, ma mai in una capitale. La vendita dei biglietti attualmente copre il 33% dei costi di gestione della rete di trasporto pubblico.

Tre quarti dei partecipanti ad un referendum sui mezzi pubblici gratis si è espresso a favore (ha partecipato un quinto della popolazione urbana, in tutto Tallinn conta 416 mila abitanti). Tuttavia non sono mancate le critiche nella stessa Estonia. Molti hanno visto questa mossa come una scelta più politica che motivata dall’intenzione di rendere più verde la città e c’è chi ha accusato il Governo di fare un cattivo uso dei soldi pubblici.

….a Napoli è come se lo fossero.

agosto 30, 2011

Il Trasporto pubblico più caro? A Palermo


Quanto costa muoversi con i mezzi pubblici nelle grandi città italiane e qual è la più cara? I dati arrivano da un’indagine di Confartigianato che ha utilizzato i dati del Ministero dello Sviluppo economico ed il risultato è sorprendente. La città più cara è infatti Palermo dove un pendolare può arrivare a spendere fino a 515 euro all’anno per muoversi con il trasporto pubblico.

Per avere un raffronto lo stesso tipo di utente spenderebbe 398 euro a Genova e appena 338 euro a Milano, praticamente la metà. La situazione economica, con i conti dello Stato in sofferenza e la riduzione dei trasferimenti agli enti locali, non potrà che far peggiorare complessivamente questo dato con i biglietti dei mezzi pubblici sempre più cari ed in aumento un po’ ovunque a fronte di un servizio per il quale non sono programmati investimenti tali da garantirne un aumento della qualità.