Posts tagged ‘trapianto’

marzo 16, 2013

Cellule cerebrali umane impiantate nei topi, che diventano più intelligenti.

Più intelligenti e con una capacità di  migliorata. Sono i topi sottoposti ad un  di   del , precisamente della . Queste assieme ai costituiscono il  nervoso ed hanno una funzione nutritiva e di sostegno per i , assicurando l’isolamento dei  e la protezione da corpi estranei in caso di lesioni. cellule umane 300x217 Cellule cerebrali umane impiantate nei topi, che diventano più intelligentiLa scoperta è stata messa a segno all’University of Rochester Medical Center di New York e lo studio è stato pubblicato sulla rivista ‘Celle Stem Cell. Un passo importante perché è uno dei primi lavori ad indagare il ruolo delle  gliali nello sviluppo delle capacità conoscitive dell’uomo.Un passo che potrebbe aprire una strada a terapie più mirate per le neurologiche, la schizofrenia e la malattia di Huntington.
I risultati hanno dimostrato che la , pur non avendo un ruolo nella conduzione degli impulsi elettrici neuronali, è importante nel modulare l’attività .

Annunci
marzo 7, 2013

Liposuzione e lipofilling le pratiche estetiche più amate dagli italiani

È la , ossia l’eliminazione del  in , l’ di  estetica più praticato nel 2012 in Italia, mentre l’aumento del seno, il più praticato nel 2011, finisce addirittura fuori dal podio, al quarto posto.cellule grasso 259x300 Liposuzione e lipofilling le pratiche estetiche più amate dagli italiani È quanto emerge dai dati dell’Associazione Italiana di  Plastica Estetica (Aicpe), presentati in occasione del convegno “estetica: facciamo il punto” organizzato a Firenze il 2 e 3 marzo. “Per il secondo anno consecutivo abbiamo realizzato un’indagine dedicata alla  plastica a fine estetico – afferma il presidente di Aicpe, Giovanni Botti -. Lo scopo è cogliere tendenze e fotografare delle situazioni, per capire quale direzione sta prendendo questo settore, che oggi ricopre un ruolo all’interno della nostra società”.

Dal sondaggio, a cui hanno risposto 255 chirurghi plastici in tutta Italia, risulta che nel 2012 la  plastica ha registrato un calo: quasi 9 specialisti su 10 (88%) dichiarano di aver operato meno dell’anno precedente, con un calo dell’attività compreso tra il 10 e il 15%.al terzo posto si impone il  di autologo, che si conferma una delle novità più importanti del settore. “L’innesto di  prevede di iniettare del precedentemente prelevato da una zona del  in un’altra – precisa Botti -. Piace perché consente di ottenere risultati naturali utilizzando tessuto proprio e non sostanze di sintesi o protesi. Si tratta di una tendenza in atto: basti pensare che l’anno scorso in Gran Bretagna per la prima volta, il numero di interventi di innesto di  () ha superato, seppur di poco, quello delle liposuzioni. Occorre peraltro ricordare che il tessuto adiposo da trapiantare è dapprima prelevato in un’altra zona del  ricorrendo comunque perlomeno a una e.

dicembre 6, 2012

SLA: continua la sperimenazione delle cellule staminali, nessun risultato avverso.

settembre 17, 2012

Trapianti di organi tra viventi adesso è possibile: passata la legge.

kidneytransplant

01:41 am | Via libera dal Senato alla legge che consente il trapianto parziale tra viventi, a titolo gratuito, di polmone, intestino e pancreas. Il Senato ha approvato all’unanimità, con 223…

17 settembre 2012 / Leggi tutto

luglio 31, 2012

AIDS: trapianto di midollo eradica il virus in altri due pazienti.

trapianto_midollo

 Timothy Brown, l’uomo ribattezzato ‘paziente Berlino’ guarito dall’Hiv dopo un trapianto di midollo, non è più solo. Alla 19esima Conferenza internazionale sull’Aids che si chiude oggi a Washington,…

Leggi tutto »

giugno 18, 2012

Emofilia: il tipo “A”, è possibile curarlo con trapianto midollo osseo.

Il di potrebbe curare l’ . La notizia arriva dal Dipartimento di Scienze della Salute di Novara. Un team di ricercatori ha recentemente scoperto come il di abbia un potente effetto terapeutico su questa , grazie alla produzione della . L’ A, infatti, e’ una malattia caratterizzata da una grave insufficienza della del sangue, dovuta alla carenza o alla ridotta funzionalità di una delle proteine della : il fattore VIII o FVIII.

maggio 5, 2012

Autismo: con trapianto di midollo si rallenta la sindrome di Rett.

Ricercatori della University of Virginia School of Medicine negli Usa hanno utilizzato un di per bloccare i sintomi della , una malattia facente parte delle disfunzione di tipo autistico.

 

Lo studio, effettuato su top’ di laboratorio, e’ stato pubblicato su ‘Nature’. “Normalmente,il viene utilizzato per trattamenti delle disfunzioni del . Evidentemente esiste un collegamento tra e la , una malattia neurologia debilitante per le ragazze e mortale per i ragazzi, causata da una mutazione di un gene sul cromosoma X” ha spiegato Noel C. Derecki, ricercatore a capo dello studio.

“Abbiamo effettuato un di in topi con gravi casi della malattia, e poche settimane di vita. I topi hanno recuperato benissimo, mettendo su peso, camminando e respirando meglio”.

marzo 7, 2012

Pediatria: bambino affetto da una devastante malattia renale salvato da terapia innovativa.

Un bimbo salvato dagli effetti devastanti di una malattia renale genetica che lo avrebbe costretto a un doppio  -fegato, mortale nella metà dei casi. E una madre tornata a vivere dopo 40 mesi trascorsi in ospedale, accanto al suo piccolo malato.

 

La nefrologia italiana festeggia la Giornata mondiale del , che si celebra l’8 marzo insieme alla Festa della donna, annunciando il “successo formidabile” di una terapia pionieristica eseguita per la prima volta nel nostro Paese e fra le prime al mondo. A raccontare la storia a lieto fine del baby-paziente, che oggi ha 5 anni ma ha iniziato la sua odissea a 6 mesi, è Rosanna Coppo, presidente della Società italiana di nefrologia (Sin). E’ proprio nel Reparto di nefrologia,  e  da lei diretto, all’ospedale Regina Margherita di Torino, che il bambino è stato curato con un farmaco ‘intelligente’ sperimentale, abbinato a un singolo  di . Ad agosto l’operazione, oggi il responso finale: “La funzionalità renale è tornata perfetta”, ed “è stata aperta una nuova via che permetterà di salvare molte vite”. “All’età di 6 mesi il bimbo viene ricoverato con pallore e debolezza – ricorda Coppo oggi a Milano, durante un incontro sulle iniziative in programma per la Giornata del  promossa da Sin e Fir (Fondazione italiana ) – Gli esami rilevano anemia grave con emolisi, ossia rottura dei globuli rossi in circolo, e insufficienza renale acuta”. Immediatamente la madre, 30 anni, altri 2 figli più grandi, riconosce con terrore un quadro clinico ‘fotocopia’ di quello della sorella, costretta alla a soli 29 anni per una malattia rara: “Una forma atipica di sindrome emolitico-uremica. Nella forma più tipica – precisa l’esperta – questa patologia non è altro che l’infezione responsabile dell’epidemia scoppiata l’estate scorsa in Europa, dovuta a una contaminazione alimentare da batterio Escherichia Coli”. Nella ‘versione’ meno diffusa, invece, la malattia non è infettiva bensì genetica, “causata dalla mancanza di una proteina prodotta dal fegato – spiega Coppo – che normalmente ha il compito di inibire un fattore chiave del sistema immunitario, il cosiddetto complemento. Lo stato di perenne attivazione del complemento dissemina i vasi dell’organismo, e soprattutto dei reni, di microtrombi” che finiscono per uccidere l’organo-filtro del nostro corpo. Il bimbo, come sua zia, era condannato alla . Il piccolo viene dunque messo in all’ospedale Regina Margherita di Torino. “Per un anno fa  peritoneale a domicilio – continua la presidente Sin – ma un anno dopo siamo stati costretti a passare all’emodialisi in ospedale: per la madre e il suo bambino significava recarsi 5 giorni a settimana in un centro fuori città, per sedute lunghe 3-4 ore”.

marzo 7, 2012

Trapianto capelli: nuova tecnica per impiantare follicoli dei peli delle gambe

Nuove frontiere per combattere la : per risultati naturali si punta sull’uso di  di altre parti del corpo
Trapiantare i  delle gambe sulla testa di uomini che devono fare i conti con una incipiente potrebbe rivelarsi una valida soluzione per una chioma più naturale

Lo suggerisce dalle pagine della rivista Archives of Dermatology Sanusi Umar, consulente di dermatologia presso l’Università della California di Los Angeles. A detta dell’esperto d’oltreoceano i  delle gambe avrebbero una struttura più simile a quella dei  della zona anteriore della testa, in genere la prima a subire un diradamento.
GLI EFFETTI – Il dermatologo ha per ora testato il nuovo approccio in due pazienti con risultati incoraggianti come si legge sulla rivista scientifica. In un caso ha utilizzato esclusivamente  delle gambe per ricreare la linea di  originale sulle tempie del proprio paziente, trapiantando ben 1025 piliferi. Nel secondo caso, invece, ha utilizzato sia  delle gambe (circa 1000) sia 600  prelevati da altre aree del capo. In entrambi i casi il  ha dato vita, nei nove mesi successivi, ad una attaccatura dei  dall’aspetto morbido e naturale . Il 75-80 per cento dei  trapiantati si è allungato nel suo nuovo «alloggiamento» e, a 3-4 anni di distanza, la perdita di  trapiantati è stata minima.

febbraio 28, 2012

Trapianto di fegato: un modello matematico per stabilirne la necessità e salvare vite umane.

Ricercatori dell’universita’ dello Utah hanno sviluppato un insieme di equazioni di calcolo che aiuta a comprendere se e in quali quantita’ i pazienti assumono il come e valutare se e’ necessario un di per sopravvivere.

 

“E’ un’importante opportunita’ per usare i metodi matematici per migliorare la pratica medica e salvare vite umane”, ha spiegato Fred Adler, docente di Matematica e Biologia e coautore dello studio che ha sviluppato e testato il nuovo metodo. Lo studio e’ pubblicato su Hepatology, rivista specifica per le malattie e la funzionalita’ del . Adler e il suo team hanno dimostrato che attraverso l’utilizzo dei risultati di soli quattro comuni esami di laboratorio medico – noti come , , e – l’ e’ in grado di prevedere con precisione e in modo rapido quali pazienti soggetti a overdose di sopravvivranno con i soli trattamenti medici e quali avranno necessariamente bisogno di un di per sopravvivere.