Posts tagged ‘Torino’

luglio 26, 2018

Italo calvino: uno di noi.

italo calvinoContano due principi: non farsi mai troppe illusioni e non smettere di credere che ogni cosa che fai potrà servire.

— Italo Calvino

 

dicembre 28, 2014

Cesare Pavese? I remember!


Hai mai conosciuto una persona che fosse molte cose in una, le portasse con sè, che ogni suo gesto, ogni pensiero che tu fai di lei racchiudesse infinite cose della tua terra e del tuo cielo, e parole, ricordi, giorni andati che non saprai mai, giorni futuri, certezze, e un’altra terra e un altro cielo che non ti è dato possedere?

Cesare Pavese.

gennaio 10, 2014

anche tu…….

 

     Anche tu sei l’amore.
Sei di sangue e di terra
come gli altri. Cammini
come chi non si stacca
dalla porta di casa.
Guardi come chi attende
e non vede. Sei terra
che dolora e che tace.
Hai sussulti e stanchezze,
hai parole – cammini
in attesa. L’amore
è il tuo sangue – non altro.

Cesare Pavese

ottobre 9, 2013

Al mercato con lo Scec. Le altre monete crescono

Al mercato di piazza Foroni a Torino si paga con lo Scec
Sono 38 in Italia le valute sociali e locali: e ora le ha scoperte
la politica …Visualizza altro

giugno 24, 2013

Fratelli d’Italia.

fratelli-italia-ius-soli

Manifestazione dei Fratelli d’Italia contro lo ius soli, in occasione della consegna degli attestati ai piccoli stranieri nati a Torino. I simpaticoni hanno perlomeno sbagliato nome al partito.

marzo 8, 2013

Torino verso la ripublicizzazione dei servizi idrici.

Qualche ora dopo il successo plebiscitario nel referendum della primavera 2011 contro la privatizzazione dell’acqua, il Comitato Acqua Pubblica Torino disse che avrebbe vigilato affinché il successo, una volta sbollita l’euforia di quell’importantissimo traguardo, non diventasse lettera morta. Lunedì 4 marzo a Torino la delibera di iniziativa popolare fortemente sostenuta dal Comitato è stata approvata in Consiglio Comunale, con l’aggiunta di due emendamenti.

Grazie a questa delibera, la SMAT Spa che gestisce l’acquedotto torinese (ma non solo) potrebbe diventare una società speciale consortile. Entro 30 giorni dall’approvazione del documento dovrà avvenire una verifica dei costi benefici sui piani fiscale, patrimoniale, giuridico ed economico, secondo quanto introdotto da un emendamento firmato dal capogruppo del PD, Stefano Lo Russo e previa la verifica di sostenibilità del piano d’ambito dell’Ato e dei piani di investimento adottati dall’azienda, come indicato da un emendamento primo firmatario Maurizio Marrone (Fratelli d’Italia).

Continua a leggere: Torino verso la ripublicizzazione dei servizi idrici

luglio 20, 2012

Fiat: coronaca di un fallimento annunciato.

La Fiat dice addio alla produzione di due auto: la Lancia Musa e la Fiat Idea. Gli operai avrebbero dovuto lavorare sulla linea per un’altra settimana, ma la società ha deciso di interrompere in anticipo. Adesso 2600 operai dello stabilimento di Mirafiori andranno in cassa integrazione a zero ore fino a quando non verrà iniziata la produzione dei nuovi modelli. Ilche vuol dire, nella migliore delle ipotesi, a fine 2013. Ma in realtà non si sa quando, dato che non ci sono progetti vicini ad uno sbocco, a quanto si sa.
E’ stato anche annunciato dalla Fiat che la settimana prossima gli operai addetti alla costruzione della MiTo lavoreranno solo due giorni, mentre per gli altri sarà cassa integrazione. La società torinese spiega che è dovuto ad un problema di consegne di pezzi da parte di una delle società dell’indotto.
Ma al di là  del caso specifico, appare evidente che la società ormai fa acqua da tutte le parti: a Pomigliano 11 giorni in più di cassa integrazione a fine agosto; Mirafiori; il continuo calo di vendite sia in Italia che in Europa che va avanti da tre anni; nessun nuovo modello da molti anni e nessuno di successo da oltre 20 anni… se questa è una fabbrica ben gestita…

e la classe politica?

aprile 16, 2012

Capitali verdi europee 2014:nessuna città italiana in corsa.

European Green Capital 2014Il titolo di capitale verde europea del 2014 se lo contenderanno le città di Bristol, Copenaghen e Francoforte; questo il responso della Commissione Europea che, come ogni anno, ha lanciato il concorso per la città che più di tutte si è distinta per iniziative di sostenibilità ambientale. Le tre finaliste sono state scelte fra diciotto città candidate da una giuria di esperti indipendenti che ha valutato tutta una serie di indicatori, su tutti: il contributo locale ai cambiamenti climatici globali, il grado di efficienza del trasporto locale, l’uso sostenibile del suolo nelle aree verdi urbane, la qualità dell’aria, l’inquinamento acustico, la produzione e gestione dei rifiuti, l’efficienza energetica in tutti i settori, ma anche parametri particolarmente innovativi quali gli investimenti in eco-innovazione e il grado di occupazione sostenibile.

Si attende ora di sapere quale fra questi centri urbani, il prossimo 29 giugno, arriverà alla vittoria finale che verrà decretata con una cerimonia a Vitoria-Gasteiz, in Spagna. Dall’istituzione del premio nel 2010 finora sono state quattro le città ad aggiudicarsi il titolo di capitale verde europea: Stoccolma nel 2010, Amburgo nel 2011, Vitoria-Gasteiz (Spagna) nel 2012 e Nantes per il 2013.

Fra le città italiane Torino era fra le candidate, ma i parametri riscontrati non sono stati considerati soddisfacenti.

marzo 23, 2012

Imparano presto.

Torino, via Carlo Alberto 41/G, una strada in pieno centro dove, tra le altre, c’è anche una prestigiosa boutique di scarpe. Sabato mattina. A un certo punto arrivano due Lancia Thema blu, blindate. Ne scendono sei uomini, armati, che si guardano intorno sospettosi, guardinghi. Chi sono? Cosa sta succedendo? Sulle prime, uno si aspetterebbe chissà che. Invece, sono solo gli agenti che fanno da scorta al ministro del Lavoro, Elsa Fornero. D’accordo, i ministri viaggiano con la scorta, lo sappiamo. Ma perché scomodarla, con le sue due auto blu, e coinvolgere persino due “gazzelle” dei carabinieri messe a presidiare i varchi di entrata e uscita della strada? Perché il ministro, quella mattina, ha voglia di fare shopping. Di comprarsi un bel paio di scarpe. Bloccando un intero isolato per un bel pezzo. E così, anche un semplice acquisto, se c’è di mezzo un membro della casta, diventa un piccolo show, con gran dispiegamento di forze e parata di auto blu.
gennaio 28, 2012

Forza No Tav, siamo con voi!

Manifestazione No Tav:

Prosegue l’iniziativa No Tav chiamata ‘Macerie’: a Torino, gli attivisti che si oppongono alla Tav Torino-Lione sfilano con le carriole contenenti “le macerie del cantiere di Val di Susa”, appunto. La manifestazione è iniziata alle 14.30 presso la stazione ferroviaria di Porta Nuova, in direzione Piazza Castello. All’altezza di via Roma, alcuni manifestanti hanno lanciato uova piene di vernice contro le serrande abbassate della libreria de ‘La Stampa’. Il leader del movimento, Alberto Perini, ha affermato: “Gli arresti non ci spaventano”. Il ministro del Welfare, Elsa Fornero, si augura che il corteo non sia occasione di ulteriori violenze, anche se è stato disposto un massiccio servizio d’ordine. Solidali con i No Tav di Torino, alcuni manifestanti veneti e campani avevano occupato, questa mattina, le stazioni centrali delle città di Mestre e Napoli.

continua su: http://www.fanpage.it/manifestazione-no-tav-gli-arresti-non-ci-spaventano/#ixzz1knFfd84b
http://www.fanpage.it