Posts tagged ‘Tony Blair’

maggio 2, 2020

GRANDI SPERANZE DELUSE…

di Fabio Cannizzaro

Per coloro a cui fosse sfuggito 23 anni fa, oggi, il 2 maggio del 1997 il leader del Labour Party, Tony Blair diventava Primo ministro del Regno Unito.

La sua nomina interrompeva il lungo periodo di governo conservatore inaugurato nel 1979 da Margaret Thatcher.

La speranza di molti in quelle ore era che quel quarantenne laburista cambiasse le cose dopo quel lungo periodo di conservatorismo politico e liberismo economico.

Era un’attesa che andrà complessivamente delusa.

L’azione di governo di Blair si ispirerà alla sua idea di laburismo, che del resto già dal 1994 sviluppava nel partito. Il suo slogan era quello del “New Labour”, inteso come una “Terza via” che nell’accezione di Blair andava letta come superamento della tradizionale vicinanza ai lavoratori e alle loro organizzazioni nonché come allontanamento dalla tradizionale concezione del socialismo.

La stagione di governo blairiana durerà due lustri e sarà caratterizzata anche da qualche scelta apprezzabile come penso, ad esempio, alla devoluzione dei poteri al Parlamento scozzese e alle Assemblee di Galles ed Irlanda del Nord.

Il suo laburismo e la sua azione di governo, tuttavia, è restato sempre nelle linee teoriche come nelle scelte un laburismo al traino del neoliberismo imperante dando l’impressione che la sua azione politica non potesse e non volesse emanciparsi dal “Model” thatcheriano.

In politica estera la sua fu una linea di forte appoggio agli USA e in particolare all’Amministrazione Bush.

Durante il suo governo il Regno Unito partecipò in prima linea, prima nel 2001, alla guerra in Afghanistan e poi, nel 2003, a quella in Iraq.

Il Labour in quegli anni ha vissuto una stagione complessa, difficile che ha influenzato anche ampi settori del socialismo continentale europeo senza che mai mancasse rispetto alle scelte di Blair la fiera opposizione della sua sinistra interna.

Sinistra che alla fine prevarrà chiudendo definitivamente, irreversibilmente la stagione blairiana con l’elezione a leader laburista di Jeremy Corbyn.

Ricordare oggi la traiettoria di Tony Blair e delle sue idee serve a non dimenticare che il socialismo ha poco senso, peso e prospettiva quando rinuncia e/o prova a modificare i suoi valori piegandoli ad interessi liberistici e liberali.

Socialismo Sempre!

L’immagine può contenere: 1 persona

luglio 18, 2013

Anche Prodi nel suo piccolo…..

Kazakistan, “Prodi riceve uno stipendio milionario dal dittatore Nazarbayev”

 

Silvio Berlusconi non è l’unico politico italiano ad avere rapporti con Nursultan Nazarbayev. Un articolo pubblicato a marzo da Spiegel International punta i riflettori sul legame tra l’ex premier Romano Prodi e il dittatore kazako. “Per essere un tiranno, il signore del Kazakistan ha a sua disposizione alcuni insoliti sostenitori: gli ex cancellieri tedesco e austriaco Gerhard Schröder e Alfred Gusenbauer, gli ex primi ministri britannico e italiano Tony Blair e Romano Prodi, così come l’ex presidente polacco Aleksander Kwaniewski e l’ex ministro degli interni tedesco Otto Schily”, afferma il quotidiano, ricordando che “tutti costoro sono membri nei loro Paesi di partiti socialdemocratici”.

Gusenbauer, Kwaniewski e Prodi, prosegue lo Spiegel, “sono ufficialmente membri dell’Intenarnational Advisory Board di Nazarbayev. Si incontrano diverse volte ogni anno, nella più recente occasione due settimane fa (quindi all’inizio di marzo, ndr) nella capitale kazaka Astana, e ciascuno di loro percepisce onorari annuali che raggiungono le sette cifre”. Secondo la stampa britannica, l’ex primo ministro britannico Blair, pure lui advisor, “riceve ogni anno compensi che possono arrivare a 9 milioni di euro (11,7 milioni di dollari)”

ottobre 6, 2012

L’ambiguità dei socialisti europei di fronte alla crisi dell’euro.

Decine di migliaia di persone sono scese in piazza a Parigi nel week-end contro la decisione del governo e del presidente Hollande di ratificare il fiscal compact e contro la manovra per il rientro del deficit. Manovra, va detto, decisamente più “equa” delle omologhe leggi finanziarie dei paesi deboli, ma per sempre improntata al rispetto dei vincoli di bilancio dettati dalle vecchie e nuove regole europee. Accanto a ciò, lo spettro di una prossima riforma deregolamentatrice del mercato del lavoro.

Continua a leggere »