Posts tagged ‘tonno radioattivo’

settembre 17, 2013

Arriva anche in Italia il tonno radioattivo.

 

La psicosi tonno radiottivo corre velocissima sul web, il motivo sarebbe la pesca del pesce nella porzione di oceano prospicente proprio alla tristemente famosa centrale nucleare.

 

Il messaggio recita:

“CONTROLLATE IL TONNO PIU’ ECONOMICO CHE TROVATE NEI SUPERMERCATI, DOVE C’E’ STAMPATO FAO 61 o 71 E’ TONNO PROVENIENTE DAL MAR DEL GIAPPONE DOVE E’ STATA RIVERSATA L’ACQUA CONTAMINATA DI FUKUSHIMA.
Molti produttori fanno inscatolare il tonno in località NON SOSPETTE con etichette italiane o europee per NON far capire che il pescato proviene dal Giappone. Controllate sempre il NUMERO FAO.”

L’allarme è stato analizzato da Paolo Attivissimo il famoso trova bufale del web che ha smentito il messaggio in toto riportando e argomentando le sue ragioni.

Attivissimo innanzitutto afferma:

“Prima di tutto l’indicazione “FAO 61” o “FAO 71” sulle scatolette indica davvero la zona di pesca del prodotto, secondo la suddivisione adottata dalla FAO (Food and Agriculture Organization, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura): la zona 61 è il Pacifico nord-occidentale, mentre la 71 indica il Pacifico centro-occidentale.

Sappiamo quindi la provenienza dichiarata del tonno. Ma è vero che il pesce proveniente da queste aree è pericoloso per via delle radiazioni provenienti dal disastro di Fukushima? Secondo le indagini pubblicate da Le Scienze, no, per una questione di dosi. Anche se la radioattività di Fukushima è in effetti rilevabile nei pesci della zona usando strumenti estremamente sensibili, la dose dovuta al consumo di tonno proveniente da Fukushima è stimata tra 0,9 e 4,7 microsievert, ossia molto meno della radioattività naturale che ci circonda (in Italia, per esempio, è in media pari a 3000 microsievert). Di tutti i rischi che affrontiamo quotidianamente nell’alimentazione, quello del tonno radioattivo è decisamente da ridimensionare e valutare in base ai fatti e non alle paure istintive”.