Posts tagged ‘timo’

ottobre 31, 2013

Erbe aromatiche,

Erbe aromatiche, che passione! Tutto quello che c’è da sapere… VAI => http://www.tuttogreen.it/come-coltivare-e-raccogliere-erbe-aromatiche/

dicembre 21, 2012

Come prevenire l’influenza con rimedi naturali.

L’influenza si può prevenire a tavola a patto che si scelga il criterio con cui alimentarsi poiché alcuni cibi rinforzano il nostro sistema immunitario. Il nostro organismo è sottoposto a continui stress termici in questa stagione: spesso viviamo in ambiente troppo riscaldati mentre fuori le temperature sono basse. L’inquinamento dell’aria, quello che quotidianamente subiamo nelle città peggiora la situazione: come difenderci? Ovviamente con uno stile di vita sano che prevede sopratutto un alimentazione sana a base di frutta e verdura di stagione e di veri toccasana come aglio e cipolla che è sufficiente consumare in piccole dosi freschi e da aggiungere nei piatti già pronti. Carote, zucca, spinaci e barbabietole rosse grazie ai carotenoidi proteggono dall’inquinamento e proteggono la ghiandola timo che serve a sostenere il sistema immunitario. I broccoli, il cavolo e il cavolfiore, i cavolini di Bruxelles sono ricchi di vitamina C e di principi antifiammatori e antinquinamento.

Anche se fa freddo non è necessario introdurre calorie in più e neanche ricorrere ai classici alimenti usati per riscaldarsi come alcol, carne e grassi. Funzionano di più la frutta fresca e di stagione, gli oli vegetali e la preziosissima frutta secca e oleosa come noci, nocciole, pistacchi freschi e mandorle. In inverno dunque è più che mai importante fare una abbondante ma leggera prima colazione a base di frutta e cereali; una colazione o pranzo con carboidrati; la merenda con frutta secca e oleosa e una cena a base di proteine anche vegetali prese dai legumi e per conciliare il sonno una buona tisana rilassante. Da preferire anche freschi per aromatizzare i piatti rosmarino, salvia, timo, maggiorana, alloro, zenzero, cannella e santoreggia per le proprietà antinfluenzali, digestive e tonificanti.

Ecco dunque il sistema di prevenzione per l’influenza a tavola e l’elenco dei cibi lo lascio dopo il salto così come selezionato da Cucina naturale.

Continua a leggere: Prevenire l’influenza e combattere l’inquinamento con 10 cibi

agosto 24, 2011

Stress cronico: scoperto il processo molecolare che porta al danno cromosomico.

La somministrazione ai topi di agonisti dell’ ha determinato la degradazione progressiva della proteina di

Per molti anni numerosi studi hanno mostrato un’associazione lo con il ; ma qual è la relazione causale tra questi due fattori? Un meccanismo molecolare in grado di fornire una plausibile risposta è stato scoperto grazie a un nuovo studio condotto presso il Duke University Medical Center.

“Il nostro è probabilmente il primo studio a proporre uno specifico meccanismo grazie al quale un marcatore di , l’elevato livello di , può alla lunga causare un al ”, ha commentato Robert J. Lefkowitz, professore di medicina e biochimica della Duke e autore seniordell’articolo apparso sulla rivista Nature.

Nello studio, a un gruppo di topi è stato somministrato un composto simile all’ che agisce sul recettore beta-adrenergico, che Lefkowitz e colleghi studiano da molti anni, riproducendo le condizioni di . In particolare, l’attenzione si è focalizzata sulla , una proteina di considerata “un guardiano” del , in grado di prevenire anomalie genetiche.

marzo 15, 2010

Il sole: il piu’ grande stimolatore del sistema immunitario

Le cellule T (timo) sono la difesa dell’organismo umano contro le infezioni. Individuando e distruggendo i patogeni esterni, queste cellule ci aiutano a rimanere sani. Una nuova ricerca svolta in Danimarca rivela che le cellule T necessitano di dosi fisiologiche di vitamina D nel sangue per poter essere attive e compiere il proprio ruolo di difesa in modo adeguato. Le cellule T sono un tipo di leucociti che rivestono un ruolo centrale nel sistema immunitario. Per poter trovare, reagire e combattere le varie infezioni dell’organismo, le cellule T devono trasformarsi, da dormienti e innocue, in cellule attive in grado di uccidere virus e batteri spesso anche pericolosi.

Gli  scienziati dell’Università di Copenaghen, in Danimarca, hanno scoperto che la vitamina D è fondamentale per la funzionalità delle cellule T. In assenza di fonti sufficienti di questa vitamina nel sangue – dicono i ricercatori – le cellule rimangono dormienti e sono quindi incapaci di “attivarsi” per combattere gli agenti patogeni esterni.

La luce del sole è una fonte di vitamina D naturale (e anche la più ovvia), spesso presente come sottoprodotto naturale dell’esposizione della pelle al sole. Pochissimi alimenti contengono quantità elevate di questa vitamina. Tra le fonti migliori ci sono i pesci grassi, come ad esempio il salmone, il tonno e lo sgombro, mentre piccole quantità di vitamina D si possono trovare nel formaggio, nel latte e nel tuorlo d’uovo. Sebbene gli esperti raccomandino una dose giornaliera compresa tra i 25 e i 50 microgrammi di vitamina D, non esistono studi esaustivi per determinarne la quantità ottimale.

Per maggiori informazioni, visitare:

Nature Immunology:
http://www.nature.com/ni/index.html

Università di Copenaghen:
http://www.ku.dk/