Posts tagged ‘Tg1’

settembre 17, 2012

Semu figghi di nuddu.

Il Tg1 delle 20 ieri non ha dato la notizia della devastante alluvione che ha colpito le isole Eolie, abbattendosi con particolare furia su Lipari, l’isola maggiore dell’arcipelago. Un disastro immane che passa sotto silenzio. Un silenzio assordante che non è passato inosservato e che ha scatenato l’ira di Roy Paci. Su Facebook Paci ha attaccato il Tg1:

Silenzio totale al TG1 delle 20 sul disastro delle Isole Eolie. Però adesso sappiamo che Laura Pausini è incinta e su consiglio dei medici seguirà un periodo di riposo. #Semufigghidinuddu. Dopo il violento nubifragio di stamattina, le isole Eolie sono nell’inferno. Quasi nessun telegiornale nazionale ne ha dato notizia. Lipari è in ginocchio. Strade devastate. Isolani “sequestrati” in casa. I bambini senza scuola. Nella martoriata zona di Calandra è sceso a valle un fiume di detriti di pomice e anche un bus carico di passeggeri con qualche turista è rimasto travolto. Allagati negozi e abitazioni. Una situazione mai vista che non si ricorda a memoria d’uomo. 

Continua a leggere: Alluvione Lipari, Roy Paci sul silenzio del Tg1: “Semu figghi di nuddu”

maggio 7, 2012

L’irresponsabilità della televisone nazionale.

In una giornata come qulla di ieri. Con le elezioni amministrative in 1.000 comuni italiani, le presidenziali in Francia, la sconfitta di Sarkozy, Hollande, le difficoltà elettorali della Merkel in Germania, gli scontri in Russia, il voto in Serbia, il crollo dei partiti in Grecia e l’entrata in Parlamento dei neonazisti. Con tutto quello che sta succedendo in Italia e nel mondo in questo preciso istante, ecco a voi l'”approfondimento giornalistico Rai“, ecco a chi hanno dedicato lo “Speciale Tg1” di ieri sera.

A Gigi D’Alessio.

E poi se la prendono con Beppe Grillo.
maggio 5, 2012

l’ipocrisia dei media.

Mentre aggiorno il mio blog, mia moglie ascolta e guarda latv. Stanno trasmettendo  un progamma che parla di giovani, della crisi econmica e mostra un servizio su due giovani che vivono in macchina. Cosa è successo? Fino a qualche giorno fa i giovani erano un argomento tabù in televisione. Gli unici giovani ammessi erano quelli di “Amici” di Maria de Filippi. Come mai ora invece ci si accorge della crisi economica e dei problemi dei giovani e ci si scandalizza per una situazione che da anni è sotto gli occhi di tutti? Possibile che sono diventati tutti Michele Santoro? Giornalisti fimalmente liberati e capaci di parlare chiaro? Non ci posso credere!Qualcosa mi dice che questo risveglio di attenzione ai problemi del sociale corrisponde a quello che va dicendo da qualche giorno Berlusconi, che dice che bisogna scegliere fra Monti e gli elettori. Come diceva il saggio “per il commerciante anche un’opera di bene diventa un investimento”.

febbraio 11, 2012

Parliamo di cani.

La Grecia sta fallendo e la gente patisce la fame. In Siria il potere sta massacrando i civili. la palestina soffre la prepotenza di Israele che si prepara a far guerra all’Iran e il TG1 parla di cani abbandonati.  Quando faremo la fine della Grecia di che cosa parlerà il TG1?

dicembre 27, 2011

Altrochè l’articolo 18! L’ex direttore Minzolini ruba alla RAI ma non si può licenziare e nemmeno tagliare lo stipendio.

Da dieci anni ci spiegano in coro che dobbiamo essere tutti licenziabili, tutti flessibili, cos’è questa incrostazione novecentesca del posto fisso. Ce lo spiegano un po’ tutti – anche nel Pd – ma più di tutti ce lo strillano i liberisti del Pdl (Sacconi e Brunetta in testa): cioè proprio quelli che hanno messo come direttore del Tg1 Augusto Minzolini.
Già, ma con che qualifica hanno assunto Minzolini in Rai? Leggere, per credere, la sua memoria difensiva: «Caporedattore con funzioni di Direttore». Cosa vuol dire questo? Semplice: che con quel bel contrattino, Minzolini non è licenziabile dalla Rai. Per sempre. Per sempre si potrà tenere la sua retribuzione di 550 mila euro lordi l’anno, che fanno più di 22 mila euro netti al mese, per tredici mensilità, ovviamente a spese di chi paga il canone.
Invece, Minzolini, ciccia. Era il direttore, di fatto e senza il minimo dubbio, come ci ha ricordato più volte con i suoi editoriali. Ma non di diritto, almeno non formalmente. Quindi è illicenziabile. Infatti adesso, male che gli vada, lo sposteranno a Parigi o a New York. Dove oltre al suo stipendio da nababbo, avrà in più anche l’alloggio di servizio.
dicembre 6, 2011

Minzolini rinviato a giudizio per peculato.

Augusto Minzolini Minzolini rinviato a giudizio per peculato

Il direttore del Tg1 Augusto Minzolini e’ stato rinviato a giudizio per la vicenda delle spese sostenute con la carta di credito aziendale. Il giornalista è accusato di peculato per avere sforato, in 14 mesi, il budget a sua disposizione per circa 65 mila euro. Tale somma è stata già restituità dal direttore all’azienda. A decidere il rinvio a giudizio il gup del Tribunale di Roma Francesco Patrone che ha fissato la prima udienza del processo il prossimo 8 marzo davanti alla VI sezione penale.

Sarà condannato in primo grado, assolto in secondo e assolto definitivamente in Cassazione e non caccerà un euro di risarcimento danni.

Scommettiamo? Almeno lo licenziassero.

novembre 12, 2011

Il dolore di Minzolini.

Da oggi il Premier non ha più la maggioranza in Parlamento. Il direttore Minzolini si adegua.


ottobre 24, 2011

Disinformazione di massa.

Guardate  il video dei sorrisi fra la Merkel e Sarkozy e la versione totalmente deformata del tg1. Riproporle insieme dà la misura dello scandalo informativo in questo Paese. E tuttavia al potere convengono i falsi clamorosi, perché non soltanto nascondono la realtà, ma catturano l’attenzione e distolgono dai temi sul tavolo. Che oggi è la pensione a 67 anni sulla quale pare che l’opposizione non abbia nulla da dire. E nemmeno la sinistra, salvo un intervento di Ferrero.

agosto 25, 2011

«Grazie signor Berlusconi». Minzolini,Tg1: «E’ tutto vero»

 

agosto 24, 2011

La traduzione del Tg1: ”Grazie Berlusconi”. Ma il ribelle non lo ha mai detto.

ci tocca sopportare anche questo!