Posts tagged ‘stevie wonder’

aprile 22, 2013

Sam Cooke – Feel it

Samuel Cook[1] (January 22, 1931 – December 11, 1964), known by his stage name Sam Cooke, was an American gospel, R&B, soul, and pop singer, songwriter, and entrepreneur. He is considered to be one of the pioneers and founders of soul music.[4] He is commonly known as the King of Soul for his distinctive vocal abilities and influence on the modern world of music. His contribution in pioneering soul music led to the rise of Aretha Franklin, Bobby Womack, Al Green, Curtis Mayfield, Stevie Wonder, Marvin Gaye, and popularized the likes of Otis Redding and James Brown.[5][6][7]

Cooke had 30 U.S. top 40 hits between 1957 and 1964, and a further three after his death. Major hits like “You Send Me“, “A Change Is Gonna Come“, “Cupid“, “Chain Gang“, “Wonderful World“, and “Twistin’ the Night Away” are some of his most popular songs. Cooke was also among the first modern black performers and composers to attend to the business side of his musical career. He founded both a record label and a publishing company as an extension of his careers as a singer and composer. He also took an active part in the American Civil Rights Movement.[8]

On December 11, 1964, Cooke was fatally shot by the manager of the Hacienda Motel in Los Angeles, California, at the age of 33. At the time, the courts ruled that Cooke was drunk and distressed, and that the manager had killed Cooke in what was later ruled a justifiable homicide. Since that time, the circumstances of his death have been widely questioned.

luglio 3, 2011

Living for the city- Stevie Wonder – Buonanotte compagni.

Storia di un giovane che va a New York in cerca di fortuna e finisce in galera durante una retata antidroga.

giugno 4, 2011

Superstition – Stevie wonder – buonanotte compagni

Stevie Wonder fece uscire superstition durante il tour dei Rolling Stones a cui partecipò come supporter, nell’estate del 1972. L’intento, abbastanza scoperto, era di aprire la sua musica a un pubblico (oltre che a un mercato) più vasto, come quello del rock. Difficile immaginare un pezzo più perfetto per tentare il crossover: l’ex bambino prodigio, allora 22enne, l’aveva composto contando di piazzarlo a Jeff Beck, ma dopo averne ascoltato un demo, Berry Gordy – mentore di Stevie e fondatore dell’etichetta Mo-town – fu categorico nel costringerlo a tenere il pezzo per sé. Fu così che Wonder, all’alba del suo 15esimo album (Talking Book), ottenne finalmente la sua prima, meritatissima #1 nella classifica Usa. Mentre, in un perfetto caso di chiusura del cerchio, Jeff Beck interpreterà comunque Superstition l’anno dopo, nell’album di esordio del suo supergruppo Beck, Bogert & Appice, insieme a Tim Bogert e Carmine Appice dei Vanilla Fudge.

agosto 6, 2010

Ray Charles e Stevie Wonder.

Personalmente ritengo queste persone due idoli, fra  i migliori musicisti di sempre. Ray cieco da quando aveva 5 anni, Stevie dalla nascita e sono stati due dei più grandi Cantanti/Tastieristi Blues della storia. Ray Charles ha contribuito alla storia della musica, quando è morto si è mossa mezza america in suo onore. Stevie Wonder è cieco ma suona Tastiera, Armonica, Basso e Batteria… persona molto attiva nel sociale, con un concerto è in grado di smuovere l’intero pubblico con pochi battiti di mani.

Insieme in living for the city.
Tutto da godere!

maggio 10, 2010

Buonanotte compagni.

Se non vado errato quasi nessuno si è ricordato di Aldo Moro e proprio nessuno di Peppino Impastato. L’antifascismo non è di moda. Per questo motivo mi sono iscritto all’ANPI, per non essere di moda. Almeno non ci sono equivoci e nessuno mi può paragonare al ministro Sacconi, che si professa socialista. Segno dei tempi, come Emilio Fede che si permette di svillanneggiare Saviano. E’ un servo, sarà anche figlio di un carabiniere, ma dei crabinieri non ha la lealtà, l’orgoglio, la dignità. I Carabinieri caro Fede sono servitori dello Stato tu sei servo di un bandito.

E’ un po di tempo che non facciamo un pò di rock. Vi ricordate Stevie Wonder, che per essere libero di esprimersi a venun anni lasciò la Motown, la sua prima casa discografica. Insiema a Robert Margouleff e malcom Cecil imparò a suonare il Tonto’s una specie di sintetizzatore elettronico  e così inicide cinque album di seguito. Sono di quel periodo Music of My mind, Talking Book, Innervision, Fulfillingness’ first finale e infine songs in The Key Of Life.  Nei brani di questo periodo Stevie Wonder indica la sua personale strada per curare i mali del mondo: la fede e la musica. Antonio magari è d’accordo solo sulla seconda soluzione.

Sentito che pezzo! Unbelievable great stuff!!!!!!!!!