Posts tagged ‘steven van zandt’

giugno 26, 2010

Buonanotte compagni.

Il 3 gennaiom dell’82, nella camera da letto di casa sua a Colts Neck, New Jersey, Bruce Springsteen collega il suo registratore a cassette a quattro piste Teac, che gli ha procurato un suo tecnico del suono a un mixerino echoplex che ha in casa. Così registra quanto ha scritto negli ultimi mesi. Affidando una copia del nastro al suo produttore dichiara che è quello che ha in mente in quel momento. Quel nastro in sala d’incisione non riesce a trasmettere la stessa forza e si decide di farlo uscire così com’è. Nebraska racconta storie di dolore e morte, di solitudine. anche se Bruce non se ne rende conto questo è il momento migliore della sua produzione. Queste musiche lo consacreranno come il custode dell’ortodossia del rock.