Posts tagged ‘sordita’’

gennaio 9, 2013

Rigenerate cellule udito topi.

Rigenerate cellule udito topi (ANSA) – HARVARD, 9 GEN – Ritrovare l’udito grazie a un farmaco per la rigenerazione delle cellule sensoriali dell’orecchio interno: la sperimentazione sui topi e’ stata realizzata da un gruppo di ricercatori internazionale coordinato dalla scuola di medicina di Harvard. I risultati, pubblicati sulla rivista Neuron, aprono alla possibilita’ di curare la sordita’ anche nell’uomo. Lo studio dimostra per che le cellule ciliate, i sensori per l’udito presenti nella coclea, possono essere rigenerate utilizzando dei farmaci.

febbraio 2, 2012

Cellule staminali per la ricostruzione del timpano.

Primo caso in Italia di ricostruzione microchirurgica della con : l’intervento è stato effettuato all’unità operativa di otorinolaringoiatra dell’ospedale S.Spirito di Roma dall’equipe del professor Lino Di Rienzo Businco.

 

Il paziente, un uomo di 62 anni, era affetto da otite cronica con perforazione del timpano ed assenza degli ossicini (martello,incudine e staffa), e portatore di una sordità trasmissiva di oltre il 70%.
Con questo intervento é stato possibile riparare la perforazione del timpano attraverso il condotto uditivo senza necessità di tagli esterni e senza impianto di materiali estranei e quindi con possibile rischio di rigetto.

gennaio 5, 2012

Scoperto il gene della sordità della terza età.

Individuato il che potrebbe essere responsabile dell’insorgere della sordita’ correllata alla vecchiaia. E’ quanto ha annunciato un gruppo di ricercatori della Washington University School of Medicine in uno studio pubblicato sulla rivista Plos Biology.  La scoperta offre la speranza che un giorno si possa disporre di un trattamento in grado di prevenire la perdita dell’udito che colpisce la meta’ delle persone che hanno superato i 60 anni di eta’. I topolini privati del in questione, chiamato , sembravano perfettamente sani, ma avevano perso del tutto l’udito. I ricercatori hanno trovato che i due terzi delle loro esterne, le delicate dell’orecchio interno che amplificano i suoni, erano scomparse. Un danno a queste e’ associato alla perdita dell’udito. Lo studio suggerisce quindi che questo , che si trova anche negli esseri umani, potrebbe essere fondamentale per cercare di far crescere nuove , considerate il santo graal del trattamento contro la sordita’.

settembre 14, 2011

SALUTE: FARE MUSICA RALLENTA DECLINO UDITIVO.

Suonare uno strumento musicale rallenta il declino uditivo legato al passare del tempo. E’ quanto emerge da uno studio pubblicato su Psychology and Aging dai ricercatori del Baycrest’s Rotman Research Institute di Toronto (Canada), coordinati da Benjamin Rich Zendel, che spiega: ”Suonare uno strumento puo’ contribuire a migliorare l’udito in eta’ avanzata, ritardando alcuni dei cambiamenti che, con gli anni, colpiscono l’elaborazione uditiva centrale”.

Nel corso dello studio, gli esperti hanno chiesto a 74 musicisti – di eta’ compresa tra i 19 e i 91 anni – e a 89 soggetti che non sapevano suonare – dell’eta’ di 18-86 anni -, di eseguire una serie di test uditivi. Al termine dello studio e’ emerso che l’udito dei musicisti risultava piu’ fine rispetto a quello degli altri e che, inoltre, suonare ne aveva ritardato il declino uditivo di circa 20 anni: gli strumentisti settantenni riuscivano a decifrare i discorsi pronunciati in un ambiente rumoroso bene come i cinquantenni.

ottobre 19, 2010

SALUTE: DARE ASCOLTO ALLA NATURA, UN ESTRATTO DI PINO PER LIBERARE L’ORECCHIO DALL’ACUFENE

La natura arriva in soccorso dei disturbi uditivi. Ricercatori italiani guidati da Gianni Belcaro dell’Università di Chieti-Pescara stanno sperimentando una molecola estratta dalla corteccia del pino marittimo francese per curare l’acufene, i fastidiosi ronzii alle orecchie anche conosciuti con il nome di tinnito. Il segreto del pino è un antiossidante naturale che migliora il flusso di sangue all’orecchio, che sembra essere, in alcuni casi, la causa di una scarsa percezione uditiva. “Un flusso di sangue alterato è una causa comune per l’acufene – spiega Belcaro, autore dello studio pubblicato su Panminerva Medica -, una condizione molto debilitante che può influenzare la salute e la qualità della vita”.

Lo studio è stato condotto su 82 pazienti tra 35 e 55 anni affetti da un acufene moderato ad un solo orecchio, curati per quattro settimane. L’ecografia ha dimostrato che i fischi erano associati ad un apporto limitato di sangue nell’area cocleare, nell’orecchio interno. Dopo il trattamento, il rumore di fondo, indice della gravità dell’acufene, si era ridotto di circa un terzo nei pazienti che hanno ricevuto la dose più elevata di estratto vegetale, rispetto al gruppo di controllo trattato con un placebo per il quale i sintomi sono rimasti invariati. (ASCA)

maggio 21, 2010

Nuove scoperte per vincere la sordità.

Al quinto Gala annuale Sounds of Life, in programma sabato al Russo’s on the Bay, locale ‘in’ della zona di Howard Beach a New York, si parlera’ di ricerca medica e iniziera’ la gara per finanziare un nuovo progetto, teso a restituire vita normale a chi e’ colpito da sordita’.
L’obiettivo e’ quello di far nascere una joint-venture italo-americana che progetti un impianto cocleare sottocute, completamente invisibile e in grado di autoricaricarsi con i movimenti del corpo. L’idea e’ del Prof. Fabrizio Salvinelli e degli Ingegneri del Campus Bio-Medico di Roma. Nel corso della visita negli USA, il Prof. Salvinelli ricevera’ un premio per la ricerca e incontrera’ anche il team del Prof. John T. Roland, Associato in Otorinolaringoiatria e Neurochirurgia presso la New York University, per verificare la possibilita’ di portare avanti il progetto con un lavoro di collaborazione tra le due sponde dell’Atlantico.(agi)