Posts tagged ‘soppressione ato’

novembre 16, 2010

Acqua pubblica, una moratoria sulla Legge Ronchi.

 

Moratoria immediata sulle scadenze della Legge Ronchi e soppressione degli Ato, le richieste del Forum dei movimenti per l’acqua. Il 4 dicembre una giornata di mobilitazione

Nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Roma il 12 novembre, il Forum promotore del referendum per l’acqua pubblica ha avanzato due precise richieste: una moratoria immediata sulle scadenze della Legge Ronchi per fermare i processi di privatizzazione dell’acqua pubblica e la soppressione degli Ato (Ambiti territoriali integrati), in attesa del referendum previsto per la primavera del 2011.

 Tali istanze saranno al centro di una giornata di mobilitazione prevista per il 4 dicembre. In questa occasione saranno organizzate nelle città italiane centinaia di iniziative di sensibilizzazione sull’acqua pubblica.

Simona Savini del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua ha dichiarato: “mentre siamo in attesa di sapere quando si voterà per i 3 referendum assistiamo ad una accelerazione dei processi di privatizzazione. Una moratoria che invece congeli le scadenze della Legge Ronchi sarebbe un atto di civiltà e di rispetto nei confronti del milione e 400mila cittadini che hanno sottoscritto i quesiti referendari. Indipendentemente da come i partiti la pensino sui referendum, chiediamo il sostegno per un atto in difesa della democrazia”. La gestione di un bene fondamentale per la vita non può essere affidato ai privati.

ottobre 27, 2010

Una moratoria per l’acqua.

Qualche mese fa i movimenti in difesa dell’acqua hanno dato una prova di maturità senza precedenti, raccogliendo oltre un milione e quattrocentomila firme di donne e uomini di questo Paese che hanno capito che la battaglia per l’acqua pubblica è una battaglia di civiltà, per la tutela e l’accesso universale ad un bene comune. Concetti incompatibili con ogni forma di privatizzazione e di consegna al mercato di un bene essenziale alla vita. Per questo motivo il comitato promotore chiede oggi alle forze politiche e istituzionali l’immediata approvazione, comunque entro il 31.12.2010, di un provvedimento di moratoria sulle scadenze previste dal “decreto Ronchi” e sulla normativa di soppressione delle Autorità d’Ambito territoriale.Il rischio infatti è quello che accelerino i processi di privatizzazione in corso rendendo vani i referendum e svuotandoli di senso.

Contemporaneamente, poiché in caso di elezioni anticipate, la scadenza referendaria, attualmente prevista per la primavera 2011, verrebbe posticipata di un anno, i comitati chiedono l’approvazione di un provvedimento di deroga a quanto previsto dalla Legge 352/1970, in modo da poter svolgere i referendum comunque entro il 2011.