Posts tagged ‘sistema carcerario’

agosto 7, 2021

La malavita non porta niente di buono!

Di Antonella Ricciardi.

Intervista a Maria Morabito

Maria Morabito, moglie dell’ex boss della ‘ndrangheta, Pasquale Condello, torna a esprimere un intenso appello contro le faide, ed a favore dello Stato di Diritto. In particolare, Maria considera scorretta la non precisazione, sul giornale “Domani”, che ampie parti del libro dedicato al marito, “Il supremo-storia di un comandante del male”, siano state romanzate ed in parte non rispondenti a verità, per esplicita ammissione degli autori, che, però, a loro volta, non chiariscono quali siano le parti di cronaca vera rispetto a quelle frammiste di pura fantasia e di verità solo parziali. Pasquale Condello non ha più contatti con la devianza, nella sua vita ha cercato anche il bene ed il suo non avere denunciato altri è da inquadrare nella contrarietà alla delazione e nel desiderio di proteggere la famiglia La sua vita, assieme a quella dei familiari, si svolge alla ricerca della legalità ad Archi, quartiere di Reggio Calabria, dove non mancano disagi, e sono presenti molte povere case: perfino baracche dell’epoca del terremoto del 1908, di Reggio di Calabria e  Messina.   

L’appello di Maria Morabito contro la violenza e gli assassinii, oltre che per la legalità, include anche l’appello per il diritto alla salute, e quindi alla vita, per i detenuti, che, condannati ad una pena detentiva, non sono però stati condannati a morte ed alla mancanza di cure, ed in quanto tali devono essere trattati. In particolare, Pasquale Condello è da tempo gravemente malato psichiatrico: la patologia lo porta ad isolarsi rispetto anche ad avvocati e familiari; inoltre, non tutto è chiaro sul trattamento ricevuto, e sul modo in cui lo ha vissuto: anni fa, fu ritrovato con strani ematomi, nel carcere di Parma, mai del tutto spiegati. La sua situazione di salute, che neanche la direzione sanitaria del carcere di Novara, dove attualmente si trova, è riuscita a migliorare, fa propendere per una possibile collocazione in struttura detentiva esterna al carcere: anche eventualmente in una delle REMS, cioè struttura sanitaria di accoglienza per autori di reati con problemi mentali… Un tempo, Pasquale Condello era sano, ma la sua mente non ha retto l’impatto con le misure del regime di 41 bis, applicate anche in modo particolarmente drastico. Del resto, la percentuale di persone che escono mentalmente non integre dalla reiterazione continua di questo regime è elevata e non viene considerata casuale da organizzazioni impegnate nei diritti umani, che denunciano le condizioni di carcerati ridotti in uno stato impressionante: simili a zombies, depressi, e che parlano con gli insetti, e rimuovono, per non soffrire,  il mondo esterno, che gli richiama quello su cui non hanno più potere, e non gli appartiene più. La realtà vera è comunque, che per Pasquale Condello la   priorità sia l’essere curato stabilmente all’esterno del carcere, anche a prescindere dal futuro regime detentivo, data la condizione di contrastato tra il regime carcerario e la sua salute.

Ricciardi: “Il giornale Domani per una settimana pubblica alcuni stralci dal libro “Il Supremo-ascesa e caduta di un comandante del male”, dedicato alla vicenda di cronaca legata a tuo marito, Pasquale Condello. Il volume, pubblicato quest’anno, scritto dal giornalista del Corriere della Sera Andrea Galli, e dall’ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, Giuseppe Lumia, fonde, però, cronaca vera e parti romanzate, da non prendere alla lettera, per loro stessa ammissione. Tuttavia, sulla testata giornalistica on line ciò non è precisato. Puoi spiegare meglio, ad esempio, perchè non risponde a verità il fatto che Pasquale Condello sia stato responsabile dell’assassinio del boss Antonio Macrì?

Morabito: “Quando ho saputo dell’uscita del libro “Il supremo”, ho voluto leggerlo anche se non amo questo genere. Parlava di mio marito, quindi ero molto interessata a ciò che avevano scritto gli autori. Già dalle prime pagine sono rimasta esterrefatta, leggendo questa storia  molto romanzata, dove si racconta che mio marito è stato l’autore dell’omicidio di Antonio Macrì. Io all’epoca non conoscevo mio marito, ma non è stato mai accusato di questo omicidio. Mi è dispiaciuto molto che venga aggravata la figura di mio marito, con cose che non ha mai fatto.”

Ricciardi: “Tuo marito, pur avendo commesso degli errori, in una situazione sociale esplosiva, dove la ‘ndrangheta aveva a tratti sostituito uno Stato poco presente, si è sempre dichiarato contrario al traffico di droga. Nell’estratto dal libro, pubblicato, ciò non viene considerato, viene piuttosto detto il contrario, pur divergendo dalla realtà. Inoltre, nell’opera, romanzata esplicitamente, Pasquale Condello viene indicato anche in quanto responsabile di sequestri di persone. Eppure, dagli atti processuali Pasquale Condello non risulta essere stato condannato per droga e sequestri. Puoi spiegare meglio la situazione al riguardo?”

Morabito: “Ho letto di mio marito che ha fatto traffico di droga sequestri di persona. Mio marito non ha mai fatto queste cose, nè tantomeno ha avuto mai accuse o processi per tali cose. Non mi sembra giusto accreditare a Pasquale Condello cose che non gli sono mai state contestate, è scritto come un romanzo tutta la prima parte, ma bisogna rispettare la realtà, perché si sta parlando di una persona reale.”

Ricciardi: “Tra gli altri aspetti non rispondenti alla realtà, c’è anche il fatto che il padre di tuo marito viene descritto morto di malattia; invece, suo padre morì per un incidente sul lavoro, in un periodo di scarse tutele sociali. Puoi raccontare ulteriormente la realtà effettiva, su questo drammatico evento?

Morabito: “Certo se si vuole scrivere un romanzo la storia può essere inventata, semi inventata come si vuole, ma se si sta parlando di una persona, bisogna rispettare la realtà, perchè non è affatto giusto peggiorare la figura di una persona. Ho notato tante incongruenze, tra cui pure dove si parla della morte di mio suocero, avvenuta per incidente sul lavoro e non per malattia.”

Ricciardi: “Ci sono altre parti del libro su tuo marito differenti dalla verità effettiva? Se sì, quali?

Morabito: “Io non ho mai saputo che mio marito è stato arrestato all’hotel “Commodore. Nè farò indagini su questo. Io so che era stato arrestato per la prima volta al ristorante “Il fungo”, da cui poi nacque il processo “I sessanta”, dove fu condannato per associazione mafiosa. Tra la bomba a villa S.  Giovanni e la morte di Paolo De Stefano mio marito non ha avuto nessun messaggio in carcere, come viene detto nel libro. Infatti proprio per questo è stato assolto allora per la morte di Paolo de Stefano. Io avrei preferito che gli autori di questo libro fossero venuti a conoscerci, a parlare con noi: molte cose inesatte si sarebbero potute evitare. Avrei avuto un cordiale colloquio con loro.”

Ricciardi: “Attualmente, tuo marito non ha alcun ruolo di comando, ed è in condizione di grave malattia in carcere, dove addirittura non riuscite a vederlo da ottobre (e da anni, per quanto riguarda tuo figlio); puoi raccontare meglio questa realtà?”

Morabito: “Sì ad oggi mio marito non sta bene; è un malato psichiatrico, che ha bisogno di essere curato. Noi ottobre non lo vediamo. Respinge il colloquio anche con gli avvocati. Io spero che possa essere curato, come tanti altri detenuti malati, perché sono esseri umani e hanno diritto come tutti a ricevere cure appropriate. È un diritto questo che non deve essere negato a nessun detenuto, chiunque egli sia e qualunque cosa abbia fatto. Sì mio figlio è un bravo ragazzo, lavora onestamente, non ha mai avuto processi per associazione mafiosa. Per una condanna di favoreggiamento nei riguardi del padre gli era stata affibbiata la sorveglianza speciale, ma all’appello gli è stata tolta, perché ritenuto ragazzo che lavora onestamente, che mantiene la famiglia e conduce una vita congrua al suo guadagno. Questa per me è stata veramente una grande vittoria, perché giustizia era stata fatta. La verità era venuta fuori.

Siamo una famiglia che aspira alla legalità. Io ho cresciuto i miei figli, con questi valori e sentimenti. Ho inculcato loro l’onestà, il lavoro e ne sono fiera. Dobbiamo essere noi donne, noi madri, mogli a essere le prime a voler un cambiamento. La malavita non porta niente di buono. Vivere una vita onesta non ha prezzo, di fronte a qualsiasi ricchezza illegale.”

aprile 22, 2020

Il Myanmar rilascia 25mila detenuti: è la più grande scarcerazione di massa degli ultimi dieci anni

Ogni anno in Myanmar in concomitanza con il Capodanno che in Birmania viene festeggiato ad Aprile, vengono scarcerati un certo numero di detenuti. L’anno scorso, secondo i media statali, sono stati circa 23.000. L’anno precedente erano stati 8.000, quest’anno quasi 25.000, con ogni probabilità circa un quarto della popolazione carceraria.

Secondo l’AAPP, un’associazione che assiste i prigionieri politici, sarebbero oltre 90.000 le persone sotto il tetto del sistema carcerario che soffre di pesante sovraffollamento con strutture detentive che avrebbero raggiunto il doppio o il triplo della loro capacità. Non esistono invece stime ufficiali sul numero dei detenuti fornite dal governo.

Ufficialmente in Myanmar non esistono neanche prigionieri politici ma i gruppi per i diritti umani birmani sostengono che le persone incarcerate per la loro attività politica siano dozzine. Secondo l’associazione per i diritti umani Athan, nel 2019 più di 331 persone erano state perseguite per reati legati alla libertà di espressione; tra loro ci sono i membri di una compagnia di poesia satirica e alcuni studenti che avevano protestato contro la chiusura di internet imposta dal governo.

Il presidente birmano ha citato “motivi umanitari” tra le ragioni del rilascio ma alla domanda specifica su che tipo di prigionieri fossero stati rilasciati è stato risposto che la prigione non mette “etichette”. Secondo Amnesty International diversi prigionieri noti per reati di opinione e attivisti non sono stati inclusi nell’amnistia.

Nonostante la più grande scarcerazione degli ultimi dieci anni le carceri del Myanmar restano affollate, insalubri e carenti di servizi sanitari. Una situazione ancora più grave durante l’epidemia di COVID-19, allorché il distanziamento sociale e l’autoisolamento sono praticamente impossibili.