Posts tagged ‘sinistra’

febbraio 23, 2014

Pippo Voltaire.

civati-pippo-voltaire

Governo, Civati: “Voterei no ma non voglio lasciare il Pd“. La vignetta per il manifesto.
Scrive Cecilia: –Non è stato possibile ma se fosse stato possibile io oggi all’incontro dei civatiani avrei detto questo: “RITA E LE ALTRE.”
“Rita è un’operaia. Non è particolarmente colta né politicizzata. Rita guida le sue compagne di lavoro in uno storico sciopero che porterà al riconoscimento della parità salariale per le donne. Rita deve convincere i delegati, tutti maschi, al congresso sindacale ad appoggiare le loro rivendicazioni. Gli operai maschi sono arrabbiati e stanno chiedendo alle donne di rientrare a lavoro perché la loro protesta ha portato la Ford a chiudere gli stabilimenti ricattando il governo con la minaccia della delocalizzazione e della perdita di centinaia di posti di lavoro, in fondo la parità salariale non sembra un diritto così imprescindibile di fronte ad tale una catastrofe. Rita prende la parola al congresso dicendo semplicemente che appoggiare la loro causa, combattere per questo diritto è giusto. Non è tattico, opportuno, strategico è solo GIUSTO. Da quando in Italia abbiamo smesso di fare le cose giuste a favore di quelle opportune? Da troppo. Ricominciamo da questa opportunità: non votiamo la fiducia a questo governo perché è GIUSTO per le motivazioni che tutti conosciamo bene ed anche perché a furia di scegliere il male minore ci stiamo scordando che ogni volta comunque scegliamo un male. Per il dopo, qualsiasi dopo ci aspetti (che ci buttino fuori, che usciamo noi ecc.), basterà tenersi stretti e non avere paura.”

dicembre 12, 2013

Gramsci vota Brunetta.

gramsci-renzi-il-manifesto

Ancora su Renzi e le primarie del Pd. La vignetta è per il manifesto di oggi.

novembre 21, 2013

Congresso e altre storie.

pd-unito-foto-il-manifestoLa vignetta di oggi per il manifesto.

Scrive Paola su Facebook: “Che tristezza, mi deprimono anche, per la verità, quelli che gongolano di fronte allo sfacelo: è la democrazia che ci rimette se la sinistra va a puttane, oltre agli elettori delusi. Una marea di gente che non saprà sentirsi rappresentata, e che se andrà a votare cercherà il meno peggio. Un sacco di giovani che non sanno da che parte girarsi. Direi che in ogni caso c’è poco da tirar fuori le bandiere e i tric e trac“.

maggio 1, 2013

Barca, Landini, Rodotà e Cofferati: prove tecniche per un partito di sinistra.

Al convegno Fiom di Bologna riunite oltre duemila persone. L’ex ministro della Coesione Territoriale parla già di una nuova forma partito, mentre il leader dei metalmeccanici lancia la proposta del reddito di cittadinanza a cui fa eco l’ex sindaco di Bologna: “Mica se l’è inventato Grillo, è una battaglia storica della sinistra che Prodi provò ad attuare”

Barca, Landini, Rodotà e Cofferati: prove tecniche per un partito di sinistra (foto)

maggio 1, 2013

381.

bangladesh-strage-lavoro-benetton-polis

Trecentottantuno lavoratori tessili morti a Dacca nel crollo di un palazzo di 8 piani.

Una Sinistra normale ed il M5S dovrebbero occuparsi anche di questo. Si ricomincia guardando oltre il proprio ombelico. Non è sensibilità, è egoismo a ben vedere. Aumentare i diritti conviene a tutti. Il diritto di avere diritti, appunto.

aprile 23, 2013

Cofferati, Barca e Landini a Bologna, prove tecniche di un nuovo partito.

 

La sinistra Pd si riunisce sotto le Due Torri. Appuntamento per il 30 aprile in occasione di un convegno sul Welfare. Ci sarà pure Stefano Rodotà

 

BOLOGNA – Il prossimo 30 aprile torna a Bologna l’ex sindaco Sergio Cofferati. La sua presenza è annunciata a un seminario organizzato dalla Fiom, sul tema lavoro e welfare. Tra i relatori, insieme a Cofferati, sono previsti anche il leader nazionale della Fiom, Maurizio Landini, con cui Cofferati ha condiviso un appello in favore della candidatura di Stefano Rodotà a Presidente della Repubblica, e il ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca.
Un trio, quello formato da Cofferati, Landini e Barca, che in questo momento evoca molto di più di un semplice convegno su welfare e lavoro, viste le voci insistenti sulla possibile scissione del Pd, con Barca a guidare la cosiddetta ala sinistra del partito verso una nuova formazione politica insieme a Nichi Vendola. Curiosamente, a quello stesso convegno della Fiom è annunciata anche la presenza di Rodotà, in città lo stesso giorno per partecipare a un’iniziativa del Comitato articolo 33 sul referendum contro il contributo comunale allescuole paritarie.

febbraio 16, 2013

Amartya Sen: “L’austerità sta trascinando l’Europa nel baratro.”

Amartya-Sen

Indiano d’origine “prestato” a Harvard, Amartya Sen, 76 anni, Nobel per l’Economia nel 1998, è una delle massime teste pensanti del nostro presente. Guru liberal, raro esemplare di filosofo-economista, in questa intervista comparsa sul “Giornale” non lesina scudisciate contro la costruzione dell’euro e il vangelo dell’austerity. Criticando anche la sinistra italiana: non pervenuta. 

Continua a leggere »

novembre 29, 2012

Profumo di che?

 

luglio 15, 2012

Il fallimento del PD indica la strada della sinistra.

Il congresso del PD ha sancito il fallimento del programma del partito come mediatore di una sinistra moderata. Sulle coppie gay e sulle primarie si è verificata una rottuta che si era cercato di evitare fino all’ultimo. Sui temi dei diritti civili le scelte del partito di Bersani si spacca in maniera irrimediabile. Perche su questo terreno non si può nascondere la testa nellasabbia ma bisogan fare scelte precise o da una parte o dall’altra. I diritti dei cittadini sono un argomento troppo importante e a cui la gente è troppo sensibile per risolvere tutto in maniera pilatesca. Ho si fanno scelte di destracome si è fatto con i diritti sociali, rinunciando al welfare o si fanno scelte serie e concrete. Ma il PD non può scegliere pena la spaccatura a metà del partito. Paradossalmente lo spettacolo indecente di ieri dovrebbe far comprendere alla sinistra qualè dovrebbe essere la strada da intrparendere. Una strada che come è stato detto a Genova cerchi di unire in un sol corpo tutte le anime della sinistra come forza autonoma ed indipendente, pronta a dialogare con tutti ma in posizione di autonomia politica e programmatica. Il tempo stringe non c’è più spazio per ragionamenti di tipo diversi pena l’isterilirsi delle posizioni e la dichiarazione di impotenza ed inutilità per chi si pretende di rappresentare.

maggio 13, 2012

Comunisti in piazza contro il governo: “Vendola e Di Pietro, uniamoci”

Almeno 40mila persone ha aderito alla manifestazione organizzata oggi a Roma dalla Federazione della Sinistra. Un corteo che sta attraverso le strade del centro contro il governo Monti e le politiche dell’Unione Europea. Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani e altri movimenti hanno convocato una manifestazione nazionale da piazza della Repubblica al Colosseo. Presenti i segretari del Prc, Paolo Ferrero, e del Pdci, Oliviero Diliberto, ma anche rappresentanti dell’Italia dei Valori e di Sinistra Ecologia Libertà. Fra i manifestanti predominano le bandiere rosse ma significativa anche la presenza dei No Tav, di rappresentanti dei sindacati di base e dei movimenti per la difesa dei beni comuni. Per questo chiamiamo tutte le forze della sinistra all’unità, perché soltanto così si può mandare a casa questo Governo. E’ necessario anche che a battere un colpo sia il sindacato: siamo l’unico Paese d’Europa dove di fronte alle politiche antipopolari non c’è stato uno sciopero generale”. Per Ferrero il governo se ne deve andare e nella sua battaglia la sinistra non deve temere il successo di forze come quella di Beppe Grillo, “perché il centro dell’antipolitica è il governo Monti non Grillo. Il nostro compito è quello di organizzare un movimento di massa contro il governo, siamo impegnati su questo e per questo chiamiamo all’unità le forze della sinistra. Bisogna smettere di inseguire il Pd, che a sua volta insegue l’Udc… Soltanto dall’opposizione al governo può venir fuori una alternativa, non da altro”. Secondo Ferrero “il mestiere della sinistra è oggi quello di costruire l’opposizione, cosa succederà nelle prossime elezioni dipenderà da quanta opposizione sociale e di sinistra ci sarà a questo Governo. Se arriveremo alle elezioni sulla base di un movimento di massa sarà una buona cosa”.