Posts tagged ‘screening’

settembre 26, 2012

Diagnosi di tumori al seno: le protesi le rendono difficili rendendosi fuorvianti per screening corretti.

 

luglio 20, 2012

Tumori: screening mammografico non avrebbe alcuna incidenza sulla mortalità.

mammografiaUno studio ha mostrato che lo screening mammografico non ha avuto impatti sulla mortalita’ per cancro al seno fra le donne svedesi che hanno fra 40 e 69…
20 luglio 2012 / Leggi tutto »
settembre 13, 2011

Tumori ereditari: insorgenza in età sempre più precoce tra le donne.

Nelle donne, l’insorgenza dei tumori ereditari tende a essere sempre piu’ precoce nelle nuove generazioni. Uno studio appena pubblicato sul Cancer, organo della American Cancer Society, dimostra che le donne che sviluppano alcuni tumori ereditari tendono a svilupparli prima delle donne della generazione precedente.

 

Gli autori dello studio sottolineano dunque l’importanza di anticipare il monitoraggio per diagnosi di cancro in modo da determinare meglio le attivita’ di consulenza, e cura. E’ noto che le donne che hanno mutazioni nei geni hanno un alto rischio di sviluppare al seno e in giovane eta’. Poiche’ mutazioni di questo tipo sono spesso ereditate, alcuni ricercatori dell’Universita’ del Texas, si sono chiesti se una donna con mutazione nei geni della generazione successiva tendera’ a sviluppare il cancro prima dei propri genitori.

agosto 2, 2011

Tumore del seno: la diminuzione netta delle morti non è merito diretto dello screening

La diminuzione del numero di morti per del sarebbe piuttosto da ascrivere al miglioramento dei trattamenti.

Lo dei tumori al non avrebbe avuto un ruolo diretto nella riduzione della mortalità del della mammella riscontrata negli ultimi anni: a sostenerlo è un nuovo studio pubblicato on line dal British Medical Journal in cui sono stati analizzati i trend della mortalità per questa causa in diverse nazioni.

La diminuzione del numero di morti per al sarebbe piuttosto da ascrivere al miglioramento dei trattamenti.

Il numero di morti per al è in calo in molti paesi sviluppati, ma è difficile determinare quanto della riduzione osservata negli ultimi 20 anni sia dovuto allo e quanto a una migliore gestione del tumore.

giugno 4, 2011

PSA e tumore alla prostata: occhio all’eccessivo allarmismo.

Ogni anno in Italia si registrano tra i 45 mila e i 50 mila nuovi casi di alla diagnosticati con il test del (l’antigene prostato specifico). Ma di questi nuovi casi, il 70% è a basso rischio, e solo il 30% è a rischio intermedio o alto. Il risultato di questa sovradiagnosi, che in alcuni casi sfocia nel sovratrattamento, è che nel 2007 sono state eseguite 30 mila Tac alla inutili, per un costo di circa 30 milioni di euro.

Il dato arriva dall’incontro “Il della tra diagnosi precoce, certezze scientifiche  e innovative prospettive di cura”, il 26 maggio scorso a Roma, cui hanno  partecipato Giario Conti, Direttore dell’Unità Operativa di Urologia dell’Ospedale Sant’Anna di Como e presidente Auro.it (Associazione Urologi Italiani) e Giacomo Cartenì, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Oncologia Medica dell’Ospedale Cardarelli di Napoli.

gennaio 16, 2011

Campagna UE di prevenzione contro tumori del collo dell’utero.

Individuare una strategia comune e realizzabile per la promozione dello screening del tumore al collo dell’utero nei nuovi Stati membri dell’Unione Europea, con particolare attenzione alle donne in eta’ riproduttiva (30-69 anni) e ai gruppi piu’ difficili da raggiungere.

 

Sono questi gli obiettivi di AURORA, un progetto cofinanziato dalla Commissione Europea (attraverso l’Agenzia Esecutiva per la Salute e i Consumatori – EAHC), coordinato dall’Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (O.N.Da) in collaborazione con l’Associazione ISES (Istituto Europeo per lo sviluppo economico). AURORA, iniziato il primo dicembre 2010, parte ufficialmente oggi con la prima riunione operativa in Lussemburgo. Sara’ sviluppato nell’arco di 36 mesi e rappresenta una solida partnership di 11 stati membri della Comunita’ Europea: Bulgaria, Romania, Lettonia, Repubblica Ceca, Cipro, Slovacchia, Slovenia, Ungheria, Polonia, Grecia ed Italia. Al centro dell’attenzione e’ la promozione e lo scambio europeo di informazioni e conoscenze sullo sviluppo e l’applicazione di buone pratiche di prevenzione del tumore al collo dell’utero, il secondo tumore femminile per diffusione e mortalita’, con picchi proprio nei Paesi che piu’ recentemente hanno aderito all’Unione Europea.

gennaio 8, 2011

Alzheimer: si hanno tre molecole note che permettono test e diagnosi accurata.

Grazie allo screening di moltissime proteine ritenute anomale nel sangue dei pazienti si è arrivati a tre molecole che permettono una diagnosi accurata .
Utilizzando una nuova tecnologia basata su migliaia di molecole sintetiche per la ricerca di anticorpi specifici, un gruppo di ricercatori dello Scripps Research Institute ha sviluppato un nuovo metodo diagnostico potenzialmente in grado di rivelare la patologia di Alzheimer con un semplice esame del sangue.

 

il nuovo metodo si basa sul fatto che molte patologie portano alla produzione di proteine modificate; a un certo stadio della malattia, il sistema immunitario potrebbe cominciare a riconoscerle come estranee e a mettere in atto una risposta. Finora tuttavia i tentativi di identificare queste proteine anomale non avervano avuto successo.

Kodadek e colleghi hanno utilizzato un approccio innovativo utilizzando un’ampia gamma di molecole scelte in modo casuale, denominate peptoidi, per cercare gli anticorpi trovati nel flusso sanguigno di animali o pazienti con specifiche patologie e non in soggetti di controllo sani.