Posts tagged ‘sciopero’

luglio 26, 2013

chi se ne frega di Dolce e Gabbana.

gennaio 30, 2012

Sciopero tir: 100mila tonnellate di cibo da buttare.

Oltre centomila tonnellate di frutta, verdura, fiori e latte buttati o rovinati, duecentomila ore di lavoro perse nella raccolta, magazzinaggio e lavorazione dei prodotti e 200 milioni di euro di danni nella filiera agroalimentare mentre i consumatori in una settimana hanno tagliato del 30 per cento gli acquisti di frutta e verdura che sono venuti a mancare dagli scaffali dove i prezzi sono anche raddoppiati per alcune categorie di ortaggi.

Continua a leggere “Sciopero tir: 100mila tonnellate di cibo da buttare” »

novembre 17, 2011

Studenti in piazza.

Oggi studenti di nuovo in piazza: per rimettere in piedi il Paese si riparta da noi! Oggi, 17 novembre in più di 50 città d’Italia da Venezia a Palermo passando per Padova, Bologna, Ancona e Napoli gli studenti torneranno in piazza per la giornata internazionale di mobilitazione studentesca per il diritto allo studio ed il libero accesso ai saperi. Nonostante la dolorosa parentesi del governo Berlusconi si sia finalmente chiusa, dopo anni di mobilitazioni per difendere le nostre scuole e le nostre università distrutte da tagli trasversali e da riforme che annullano il diritto allo studio e il libero accesso ai saperi per tutti e tutte, sentiamo l’esigenza di scendere ancora una volta in piazza per dire al Paese e a questo nuovo Governo che solo ripartendo da noi, dall’istruzione e dai giovani si può rimettere in piedi il Paese.

settembre 23, 2010

Treviso. Scioperano due giorni: al rientro trovano nuove dipendenti al loro posto.

Dopo due giornate di sciopero per la mancata retribuzione di alcuni mesi di lavoro, al loro rientro le lavoratrici delle nove sedi di Mazzorato Moda di Veneto e Friuli Venezia Giulia, rete rilevata la scorsa primavera da Commerciale Friuli Srl di San Giorgio di Nogaro, si sono viste sostituite da altre dipendenti.

La denuncia è di Mirco Ceotto, della Fisascat Cisl di Treviso, che ha annunciato il ricorso alla magistratura per chiedere l’immediato rientro al lavoro delle impiegate e il risarcimento dei danni. Le addette, dipendenti di nove filiali con sedi a Bibione (Venezia), Conegliano (Treviso), Fontanafredda (Pordenone), Mogliano Veneto (Treviso), Padova, Vigonza (Padova), Sacile (Pordenone), San Stino di Livenza (Venezia) e Trieste, al termine delle due giornate di sciopero del 18 e 19 settembre, al loro rientro avrebbero trovato delle sostitute e sarebbero state poste in ferie forzate. «Da luglio – spiega Ceotto – chiediamo di incontrare i vertici aziendali, ma non abbiamo mai ricevuto alcuna risposta. Alla terza richiesta di incontro, la scorsa settimana, abbiamo dichiarato lo stato di agitazione e l’azione di sciopero, ma l’azienda ha nuovamente taciuto e dunque abbiamo proclamato lo sciopero».(informazione libera)

marzo 2, 2010

Sciopero degli immigrati:Torino 1 marzo 2010

febbraio 15, 2010

Buonanotte compagni

Buonanotte agli operai della FMA, fabbrica dimenticata di Pratola Serra.

Il pezzo comincia così “La gente ruba, parla e mente per la ricchezza e quello che questa porterà, ma non sanno che nel giorno del giudizio il loro oro e argento saranno liquefatti” Magra consolazione ma è cosi.

Buon ascolto.

gennaio 25, 2010

Giudici di pace in sciopero per 2 settimane

I giudici di pace entrano da domani in sciopero fino al 5 febbraio. Niente udienze dunque. Alla base della protesta,spiega in una nota l’associazione Unagipa , “il mancato riconoscimento dei diritti fondamentali della tutela previdenziale e assistenziale, della continuità del servizio e delle garanzie di autonomia”.Non è il primo sciopero dei magistrati onorari, infatti già a luglio e dicembre 2009 i giudici di pace avevano scioperato per una settimana e, con l’ultima protesta di fine anno, avevano contribuito al rinvio del ddl sulla magistratura onoraria di fatto già pronto per essere esaminato in consiglio dei Ministri ma sgradito alla categoria. Il fatto che con un emendamento al decreto sulle sedi disagiate il governo abbia previsto una proroga fino al 31 dicembre 2010 ai giudici di pace in scadenza viene ritenuto “inaccettabile” dall’Unagipa.
Si tratta – sostiengono il presidente e il segretario dell’associazione, Gabriele Longo e Alberto Rossi – di soluzioni “parziali e di mera proroga”, mentre i giudici di pace chiedono “l’approvazione di un provvedimento organico che riconosca alla categoria i diritti rivendicati e assicuri ai cittadini e alle imprese pari dignità e garanzie di efficienza, professionalità e imparzialità della funzione giurisdizionale da chiunque svolta”.

dicembre 26, 2009

OPERAI ALMEC: NATALE SENZA SALARIO

Da due mesi non si vede l’ombra di uno stipendio, tanto meno della tredicesima. Parliamo in tutto di 200mila euro circa, che ad oggi ancora non sono visibili sui conti correnti degli operai. Si sono appellati a tutti, compreso il Prefetto di Avellino Ennio Blasco, protagonista oggi di un’ estenuante trattativa diretta su due fronti: la proprietà , il Gruppo Caponi di Pontedera, in possesso anche della Tecnocontrol della città  toscana e i gruppi bancari, che hanno bloccato il credito necessario al pagamento degli stipendi. Nulla da fare e il tutto si rimanda al 28 dicembre quando a Palazzo di Governo si rincontreranno rappresentanze Rsu Almec, proprietà  e i portavoce dei gruppi creditizi….e intanto NATALE DAVANTI AI CANCELLI.

novembre 26, 2009

Forti con i deboli

solidarietà agli operai della ALCOA