Posts tagged ‘sanità’

novembre 11, 2013

Farmaci pericolosi, ordinato il ritiro urgente. Ecco quali sono

farmaci 630

A cura di Maria Romano

E’ di qualche giorno il comunicato dell’AIFA,  Agenzia Italiana del Farmaco, che ha emanato un provvedimento cautelativo con il quale vieta l’utilizzo di nove farmaci prodotti dalla ditta Geymonat per difetti di qualità. Nello specifico, è possibile che in questi farmaci ci sia un quantitativo di principio attivo inferiore a quello approvato e indicato in etichetta.

Si tratta dei seguenti medicinali:

Alvenex 450 mg (indicazioni: sintomi attribuibili ad insufficienza venosa; stati di fragilità capillare)

Gastrogel 2g/10ml (indicazioni: ulcera gastrica, ulcera duodenale; gastrite acuta, gastriti croniche sintomatiche; gastropatie da FANS, esofagite da reflusso).

Sucrate 2g gel orale (indicazioni: ulcera gastrica, ulcera duodenale; gastrite acuta, gastriti croniche sintomatiche, gastropatie da FANS, esofagite da reflusso)

Intrafer 50 mg/ml e Intrafer 100mg/5ml (indicazioni: terapia degli stati latenti o manifesti da carenza di ferro)

Testo Enant 100 mg e Testo Enant 250 mg/2 ml (indicazioni: castrazione, eunucoidismo, ipogenitalismo, criptorchidismo, turbe della potenza sessuale e oligospermia; metropatie, fibromiomatosi uterina e talune forme di carcinoma mammario della donna, come coadiuvante)

Nabuser 30 (indicazioni: artrite reumatoide, osteoartrosi, spondilite anchilosante, artropatia gottosa, reumatismo extraarticolare; affezioni periarticolari come: borsiti, tendiniti, sinoviti e tenosinoviti, periartrite scapolomerale; processi infiammatori acuti inclusi quelli muscolo-scheletrici, lesioni da sport)

Citogel 2g/10ml (indicazioni: ulcera gastrica, ulcera duodenale; gastrite acuta, gastriti croniche sintomatiche; gastropatie da FANS; esofagite da reflusso)

Ecomì 1%, Ecomì 150 mg e Ecomì 100 mg (indicazioni: infezioni dermatologiche di origine micotica e batterica; infezioni vulvovaginali di origine micotica e batterica)

Venosmine 4% e Venosmine 450 mg (indicazioni: coadiuvante nel trattamento delle varici e delle complicazioni flebitiche, delle emorroidi interne ed esterne e, in genere, negli stati di fragilità capillare e nelle loro manifestazioni).

L’AIFA invita tutti coloro che dovessero avere in casa confezioni di questi farmaci a non utilizzarle, in attesa del completamento delle indagini e dell’acquisizione dell’esito degli approfondimenti tecnici eseguiti dall’Istituto Superiore di Sanità, che potrebbero portare alla revoca del provvedimento AIFA qualora dovesse essere accertata la totale assenza di difetti di qualità.

Nelle farmacie e presso i grossisti i medicinali sono al momento bloccati.

La Geymonat è la stessa ditta produttrice delle supposte per neonati Ozopulminsequestrate nel giugno scorso. fonte http://www.vitadamamma.com

ottobre 2, 2013

Il rapporto: “Cala la spesa sanitaria in Italia”. Spendiamo il 24% in meno degli altri paesi Ue

I dati del IX Rapporto sanità Cies-Crea dell’Università Tor vergata di Roma. Secondo i ricercatori ulteriori tagli non sarebbero sostenibili per il Sistema sanitario nazionale. L’Italia però passa l’esame nella gestione dei conti della sanità. Dal 2005 al 2011 il disavanzo di esercizio è passato da 5,7Visualizza altro

gennaio 5, 2013

e Monti che ne pensa?

I fornitori delle strutture ospedaliere avanzano almeno 40 miliardi di euro. Un dato, rileva la Cgia di Mestre, comunque ufficioso visto che il Lazio, la Campania, l’Abruzzo, la Sicilia e la Calabria non hanno comunicato l’ammontare dei propri debiti. In media pagano dopo 300 giorni, ma nel Sud i tempi di pagamento raggiungono i 973 giorni in Calabria, gli 894 giorni in Molise e i 770 giorni in Campania. Il debito con i fornitori non e’ certo, ma secondo una stima della Cgia non dovrebbe essere inferiore ai 40 mld di euro. L’impossibilita’ di quantificare con precisione l’indebitamento complessivo delle Asl e degli ospedali e’ legato al fatto che molte Regioni non hanno comunicato alla Corte dei Conti i dati riferiti al 2011. Una ‘singolarita” che ha riguardato Campania, Abruzzo, Calabria, Lazio e Sicilia.

Che ne pensa Monti di questo scandalo?

dicembre 21, 2012

Sanità, scuola e retorica della “razionalizzazione”.

davanzatidi Guglielmo Forges Davanzati, da Micromegaonline

Per “razionalizzazione” si intende un’operazione di politica economica finalizzata a rendere più efficiente il funzionamento di un sistema economico, attraverso il contenimento (o l’azzeramento) degli sprechi. Il termine è talmente abusato nel dibattito italiano da renderlo sostanzialmente vuoto e, al tempo stesso, da renderlo socialmente accettato, dal momento che è difficile immaginare che un cittadino dotato di buon senso possa invocare politiche che incentivino prassi inefficienti. Va però rilevato – cosa ben nota agli addetti ai lavori – che, in Italia, con la massima intensità negli ultimi anni, per razionalizzazione si intende, di fatto, un’azione unicamente finalizzata a ridurre la spesa pubblica, che prescinde del tutto da considerazioni relative all’efficienza ed è unicamente motivata con l’obiettivo di accumulare avanzi primari.

Continua a leggere »

dicembre 2, 2012

Un articolo su il manifesto ancora sulle gravi affermazioni di Monti sulla sanità.

novembre 28, 2012

Monti il dittatore tenue.

Ulteriore attacco alla Sanità pubblica e allo stato soci

novembre 28, 2012

Che significa “non pubblico.”?

2 comments

Monti: “trovare forme di finanziamento non pubblico“. Non pubblico, cioè privato.

luglio 27, 2012

Sanità

Sono stato all’ospedale civile di Bergamo per una medicazione. Erano le nove del mattino e stazionavano una quarantina di persone. L’infermiere di turno dopo molte insistenze mi ha detto con fare seccato che sarebbe stato il mio turno alle sette di sera o al massimo il giorno dopo. essendo un codice bianco non potevano darmi alcuna certezza.   Tornato a casa giù nel profondo, incivile, scansafatiche  e corrotto sud mi sono recato per lo stesso motivo all’Ospedale civile di Solofra, provincia di Avellino. Dopo mezz’ora di attesa ero medicato. Profondo sud ed il Presidente della >Regione campania pur essendo del centrodestra non è neppure indagato.

luglio 7, 2012

Lo stato rinuncia alla sua funzione.

I tagli imposti dal governo con la spending review mettono a dura prova la maggioranza (o almeno una parte di essa) che sostiene il governo dei Professori mentre Province e Regioni, e con loro i sindacati, sono in rivolta. Le misure di austerity che Mario Monti con l’ausilio del supercommissario Enrico Bondi ha imposto agli italiani, fanno infatti infuriare i governatori e mettono in imbarazzo, tra i partiti che sorreggono l’esecutivo, soprattutto quello guidato da Bersani che si trova a fare i conti con una ‘batosta’ da 26 miliardi di tagli in tre anni, molti dei quali in settori storicamente tutelati dal centrosinistra.

Ma i tagli alla sanità, con la cancellazione quasi immediata di 18 mila posti letto, e la mannaia che cala sui dipendenti statali, sono misure difficili da far mandare giù anche ai governatori e, soprattutto, al sindacato. Che in questa tornata vede il ritorno di un nuovo asse tra Cgil e Uil, pronte allo sciopero generale, e una Cisl che, come i centristi di Casini, cerca di ritagliarsi il ruolo del ‘responsabile’ sostenitore di quel governo che impone sacrifici per mettere in salvezza il Paese. La sforbiciata al servizio sanitario, invece, mette in serio imbarazzo il Pd: Pier Luigi Bersani la bolla, preoccupato, come una vera e propria “mazzata”.

luglio 3, 2012

Dopo la riforma della sanità in America ci prova anche Monti in Italia.

 

Spending review: tagli alla Sanità.