Posts tagged ‘sahara’

dicembre 16, 2011

Una Grande Muraglia verde nel Sahara per fermare la siccità.

 

la grande muraglia verde nel sahara La desertificazione avanza e le conseguenze della siccità sopratutto nell’Africa sub sahariana sono devastanti. Un progetto per arginare il fenomeno vede il coinvolgimento di 11 paesi che proveranno a costruire una Grande muraglia verde che si estenderà per 7000 Km di lunghezza e 15 km di larghezza.

Il muro verde dovrebbe attraversare Mauritania, Algeria, Libia, Egitto, Marocco, Niger, Tunisia, Mali, Senegal, Ciad e Sudan. I Paesi coinvolti dovranno combattere con le severe condizioni climatiche e particolari del deserto. Sebbene il Sahara e il Sahel, la zona al confine, siano aree aride si trovano comunque grandi fonti di acqua come il lago Ciad o il bacino senegalese-mauritano.

febbraio 18, 2011

Il sole del Sahara e il vento per Europa 100% rinnovabili.

”In Europa il 100% di copertura della domanda elettrica con le rinnovabili si potra’ articolare” creando ”una forte rete di interconnessione” eolica tra i mari del nord e le centrali solari del Sahara.

Lo dice il direttore scientifico di Kyoto Club, Gianni Silvestrini, nel corso del convegno annuale ”100% rinnovabili-la sfida per le energie verdi entro il 2050” organizzato a Roma in occasione del compleanno del protocollo di Kyoto.

Secondo Silvestrini dovra’ esserci comunque ”una forte spinta all’efficienza energetica, una riduzione dell’intensita’ elettrica, nuove applicazioni nei trasporti e nell’edilizia”.

E’ possibile ipotizzare – prosegue – una richiesta al 2050 poco superiore all’attuale” per un fabbisogno elettrico che ”in Italia potra’ assestarsi sui 330-350 terawattora all’anno”. Nel nostro Paese – osserva Silvestrini – sara’ possibile soddisfare la domanda elettrica con impianti idroelettrici, eolici, geotermici e a biomassa (per un terzo della domanda), con importazioni di elettricita’ verde dall’Africa (per un quarto), e per il resto ci si dovrebbe affidare al 40-45% di energia solare con tecnologia fotovoltaica.

giugno 26, 2010

Desertec: energia solare proveniente dal Sahara.

In Germania è nato un consorzio di imprese, il quale si propone di realizzare una progetto ambizioso, per produrre energia nel deserto del Sahara e distribuirla in Europa, oltre che nella stessa Africa.

Secondo il nostro premio Nobel Carlo Rubbia, per rifornire d’elettricità un terzo dell’Italia, servirebbe un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un giga watt.  Basterebbe un anello solare grande come il raccordo anulare di Roma. Si potrebbero realizzare impianti del genere nelle nostre regioni meridionali o in Africa per trasportare energia nel nostro Paese.

In un’intervista rilasciata nel corso di un incontro con i ministri dell’energia di Algeria, Marocco e Tunisia, la commissaria europea per l’energia Guenther Oettinger ha detto che l’Europa importerà l’elettricità solare generata dal Nord Africa entro i prossimi cinque anni. Entro questo periodo,  difatti, dovrebbero essere funzionanti alcuni modelli che potranno rifornire di alcune centinaia di megawatt il mercato europeo.

La commissaria ha detto che i volumi iniziali verrebbero da piccoli progetti pilota, ma la quantità di elettricità andrebbe ad aumentare di migliaia di megawatt con progetti che includono il sistema solare Desertec, il quale prevede un investimento di ben 400 miliardi di euro.

Il progetto Desertec nel suo complesso è una visione per i prossimi 20-40 anni, con investimenti di centinaia di miliardi di euro. Per integrare una maggiore percentuale di energie rinnovabili, solare ed eolica, necessita del tempo.

Il consorzio Desertec Industrial Intiative include alcune grandi aziende, come RWE, Munich Re, Siemens e Deutsche Bank. Tuttavia il progetto necessita di molto denaro pubblico per andare avanti, che potrà essere sovvenzionato dalla Unione europea o la Commissioone europea, soltanto dopo la presentazione di un dettagliato business plan da parte del consorzio