Posts tagged ‘rocco palese’

marzo 26, 2010

REGIONALI PUGLIA: QUATTRO I CANDIDATI PRESIDENTE

 

Sono quattro i candidati presidente alle prossime regionali in Puglia. I due schieramenti principali vedono il centrosinistra proporre la conferma di Nichi Vendola, 50 anni, leader di Sinistra, ecologia e libertà, sostenuto oltre che dalla sua formazione politica, da Pd, Federazione Sinistra e Verdi, Italia dei Valori, lista Pannella-Bonino e da La Puglia per Vendola; il centrodestra propone la candidatura di Rocco Palese, 56 anni, capogruppo Pdl nell’ultima legislatura regionale con il sostegno delle liste del Popolo della Libertà, dell’Udeur Popolari, dei Pensionati , della Puglia prima di Tutto (già presente nel precedente consiglio)(agi)

febbraio 28, 2010

Elezioni regionali 2010 puglia: Vendola in vantaggio.

Secondo l’ultimo sondaggio di Crespi Ricerche, Vendola conduce la corsa verso le urne con il 45% dei consensi, seguito dal candidato del centrodestra, Rocco Palese (43%), e da Adriana Poli Bortone (12%) in gara con la maglia dell’Udc,Io Sud,Mpa. Resta alto il numero degli indecisi (18,5%) sebbene i dati assegnino virtualmente la regione al presidente uscente.

Dando uno sguardo ai voti di lista, anche in questo caso, il distacco tra gli schieramenti è molto contenuto. Il centrosinistra guida il confronto con il 43,5% dei consensi, un punto e mezzo in più della coalizione di centrodestra (42%) e uno e mezzo in meno del candidato governatore.Nel dettaglio, il Partito democratico si conferma prima forza della coalizione con il 20,5%, seguito da Sinistra ecologia e libertà (9,5%), Italia dei Valori (8,5%), Prc+Pdci (8,5%), Prc+Pdci (2,5%) e Lista Pannella, Bonino (1%).

Nel centrodestra, il sondaggio di Crespi Ricerche, conferma il Pdl primo partito sul territorio regionale con il 38,5% dei consensi, seguito da La Destra (1,5%) e Udeur (1%). Il 42% complessivo si discosta di un punto percentuale (in meno) rispetto ai consensi del candidato governatore.

Sia Vendola che Palese, quindi, portano alla coalizione un valore aggiunto rispetto all’ordinario bagaglio di consensi delle coalizioni di riferimento. Intanto si va avanti a colpi di campagna elettorale. Nichi Vendola punta molto sulla questione morale: «L’idea prosegue Vendola che uno possa essere eletto parlamentare per conto della ‘ndrangheta come si vede dalla cronaca di questi ultimi giorni non è semplicemente un’ipotesi di fantapolitica. Il rapporto incestuoso tra politica e affari ogni giorno si arricchisce di episodi. Le continue picconate alla Costituzione repubblicana che provengono dal presidente del Consiglio e dai rappresentanti del Pdl: insomma un elenco che mi fa dire che la legalità e il rispetto delle regole rischiano di appartenere ad una sensibilità e ad una cultura fuori moda». E aggiunge: «Se vincerò le elezioni regionali, il 30 marzo sarò dietro il portone di Palazzo Chigi per la restituzione del mal tolto: i miliardi di fondi Fas sottratti alla Regione Puglia, che il governo con il preannunciato piano per il Sud intende continuare a gestire in proprio ». Dichiarazioni, queste ultime, che rinfocolano il duello con il candidato del centrodestra, Rocco Palese: «Vendola non sa di che parla. Per lui Fas e Por sono solo sinonimi di Bancomat da usare per autopromuovere la Giunta Regionale e finanziare sperperi».

 crespi_puglia_int_voto_27_02_2010.jpg

crespi_puglia_candidati_27_02_2010.jpg
febbraio 10, 2010

Elezioni regionali 2010 previsioni di voto e commenti a poco più di 40 giorni dal voto.

Stabilite oramai praticamente tutte le alleanze, la differenza, nelle varie regioni in bilico, la farà la campagna elettorale e la presenza, o meno, di varie candidature più o meno di disturbo.

 L’UDC corre da solo in Puglia dopo la vittoria di Vendola, ma si lega alla Marini in Umbria. Il Centrodestra sembra soffrire e potrebbe conquistare solo 4-5 regioni, mentre solo all’inizio di febbraio Paolo Bonaiuti dichiarava che un risultato inferiore a 8 a 5 per il partito della libertà doveva considerarsi una sconfitta. Si prospetta quindi un risultato inferiore alle aspettative.

Ma vediamo le previsioni regione per regione:

PIEMONTE: Situazione di assoluta incertezza, la candidatura di Rabellino disturberà sicuramente Cota, tanto da fargli perdere anche un punto. D’altro canto la presenza di Bono per il Movimento 5 Stelle disturberà la Bresso. Da vedere se correrà anche il PCL, non ci sono notizie al momento e non è stato preso in considerazione. Queste le percentuali

Bresso (CSX) 49%

Cota (CDX): 47%

Altri: 4%

 LIGURIA: E’ diventato ufficiale l’appoggio dell’UDC a Burlando, che rischia però di veder scappare i Radicali. Dovrebbe correre anche Sanguineti del PCL. Con questo scenario il Centrosinistra ha un vantaggio lieve ma che può solo aumentare, imbarcando i Radicali, che, tra l’altro, dovrebbero avere difficoltà nella raccolta delle firme. Queste le percentuali:

Burlando (CSX) 50%

Biasotti (CDX): 48%

Altri: 2%

 LAZIO: Il Centrodestra  ha problemi gravi. In primis, la Polverini si sta rivelando un candidato imbarazzante, sotto tutti i punti di vista, c’è molto scontento intorno a questa persona. Se a questo aggiungiamo la presenza sicura di Fiore e la probabile di Romagnoli comprendiamo come i 4 punti che fino a poco tempo fa venivano accreditati alla candidata della destra  non ci sono più; anzi ora è la Bonino a condurre, anche perché sta raccogliendo simpatie anche a destra, fra gli imprenditori  e nel mondo cattolico.

Queste le percentuali:

 Polverini (CDX): 48%

Bonino (CSX): 48%

Altri: 4%

 (altro sondaggio)

candidati

Polverini (CDX): 49,5%

Bonino (CSX): 48,5%

Altri: 2%

partiti

Centrodestra: 51,5%

Centrosinistra: 47,0%

Altri: 1,5%

 CAMPANIA: Acque agitate tra il Centrodestra e l’UDC, contrasti sulla candidatura alla provincia di Caserta, reclamata a viva voce dall’UDC, l’accordo da molti dato sempre per definito tarda a venire.   Qualora ciò non accadesse la situazione potrebbe riaprirsi. Nel frattempo De Luca sta lavorando a pieno ritmo. Il PSI chiede l’accordo con Sinistra e Libertà, per eleggere dei propri candidati. Comunque tutto il centrosinistra sembra schierato con il sindaco di Salerno. Caldoro pur dato ancora per vincente vede assottigliarsi il margine di vantaggio.

Queste le percentuali:

Caldoro (CDX): 51%

De Luca (CSX): 47% 

Altri: 2%

PUGLIA: Vendola vince le primarie, l’UDC candida la Poli Bortone e il PDL lancia Rocco Palese. Dopo questo terremoto il risultato è una perfetta parità con la Poli Bortone che attira un pò di voto disgiunto dal Centrodestra; se questa terza candidatura decollerà Vendola vincerà facilmente, se invece scendesse le possibilità di Palese crescerebbero notevolmente.
Queste le percentuali:

Vendola (CSX): 44% 

Palese (CDX): 42%

Poli Bortone (IO SUD): 13% 

Altri: 1%

CALABRIA:Il Centrosinistra  è diviso, Loiero non vuole mollare, Callipo tira dritto sostenuto da Di Pietro, si parla di corsa a 3. E’ probabile tuttavia che alla fine troveranno un accordo, in questo caso abbiamo testato Loiero. Scopelliti sembra avanti di 4 punti ma è testa a testa nel voto di lista.

Queste le percentuali:

Scopelliti (CDX): 51%

Loiero (PD): 24% 

Callipo (IDV): 23% 

Altri: 2%

LOMBARDIA: A Milano è tutta una gara di presenzialismo, i candidati cercano di piacere con la presenza alle manifestazioni, con  manifesti ammiccanti e sorrisi a tutto spiano. Ma la sostanza è che Formigoni è sempre in testa con Penati a guardare da lontano e l‘UDC al di sotto degli standards nazionali. Non ci sono speranze per il centrosinistra.

Queste le percentuali:

Formigoni (CDX): 52%

Penati (CSX): 38% 

Pezzotta (UDC): 4,5%

Cappato (LPB): 2%

Agnoletto (FDS): 1,5%

Crimi (M5S): 1%

VENETO: «Giancarlo Galan, attuale governatore del Veneto, sarà un ottimo ministro dell’agricoltura». Lo ha detto il premier, Silvio Berlusconi, nel corso della presentazione del libro di Bruno Vespa, aggiungendo di non avere dubbi sul fatto che Roberto Cota, candidato Pdl del Piemonte vincerà le elezioni.

Quindi piena sintonia fra PDL e Lega nel Veneto.
Il candidato del centrosinistra Bortolussi si mostra ottimista: «Sento un clima positivo, resta il rammarico del mancato accordo con L’Udc, ma ci proveremo lo stesso a vincere». Da parte sua, Luca Zaia, conosciuta la scelta del Pd ha ricambiato i complimenti: «Mi spiace per Laura Puppato che conosco e so essere brava amministratrice, benvoluta dalla gente; conosco anche Giuseppe Bortolussi e lo reputo in gamba».

Queste le percentuali:

Zaia (CDX): 60%

Bortolussi (CSX) 33%

De Poli (UDC): 6%

Altri: 0,5%

 

 

Ecco infine le previsioni percentuali per le rimanenti regioni dell’Emilia, Marche e Umbria:

 

EMILIA ROMAGNA

Errani (CSX) 56%

Bernini (CDX): 40%

Galletti (UDC): 4%

MARCHE

Spacca (CSX): 50%

Marinelli (CDX): 45%

Cand. FDS (FDS): 3%

Venturelli (PCL): 1%

Altri: 1%

UMBRIA

Marini (CSX): 50%

Modena (CDX): 46%

Altri: 4%

gennaio 24, 2010

PDL in Puglia si litiga sul candidato presidente.

Raffaele FittoIl ministro degli Affari regionali Raffaele Fitto non solo non risponde sull’ipotesi di Attilio Romita quale candidato del centrodestra in Puglia, ma pare abbia inviato una lettera al leader in cui sponsorizza apertamente la candidatura di Rocco Palese, attuale capogruppo degli azzurri alla Regione.
Di fatto non avendo ufficializzato ancora nulla, il
Popolo della libertà attende l’esito delle Primarie del centrosinistra prima di indicare il suo candidato governatore per la regione.
Le dichiarazioni del leader dell’Udc Pierferdinando Casini, che ha detto di non stare col centrosinistra, in caso di successo di Vendola alle Primarie, è una motivazione in più per attendere. Anche se i rumors dell’ultim’ora parlano di un avvicinamento di Casini al centrosinistra anche in caso di vittoria di Vendola. 
Le soluzioni al vaglio di Silvio Berlusconi continuano ad essere di due tipi: una esterna, l’altra politica.
Quelle esterne riguardano appunto Attilio Romita e Stefano Dambruoso. Le quotazioni di quest’ultimo ieri sembravano in rialzo rispetto al giornalista del Tg1.
Per la soluzione politica spicca su di tutti il nome di Adriana Poli Bortone. La Leader di Io Sud sarebbe la persona giusta per sancire l’accordo tra il Pdl e l’Udc, partito che ha sempre espresso gradimento per la senatrice salentina. Ieri la Poli avrebbe avuto un incontro con i vertici del Pdl e in particolare con il ministro Sandro Bondi.

Fonte: Antenna sud