Posts tagged ‘risparmio’

ottobre 29, 2013

Imprese, aperture e chiusure: saldo peggiore degli ultimi 10 anni

 

Il saldo tra aperture e chiusure di imprese nel terzo trimestre 2013 è stato pari a +12.934 unità, il più basso in assoluto della serie degli ultimi dieci anni. Il dato è stato presentato all’assemblea di Unioncamere

(Labitalia) – Il saldo tra aperture e chiusure di imprese nel terzo trimestre 2013 è stato pari a +12.934 unità, ilVisualizza altro

gennaio 10, 2013

I fattori psicologici che aggravano la crisi.

pigadi Gustavo Piga

Escono i dati Istat su risparmi, consumi e reddito. Dopo avere letto il comunicato che mi dice che:

a) dal terzo trimestre 2011 al terzo trimestre 2012, i redditi disponibili delle famiglie sono scesi di 1,9%;

b) dal terzo trimestre 2011 al terzo trimestre 2012, i consumi delle famiglie sono scesi del 2,2%;

c) dal terzo trimestre 2011 al terzo trimestre 2012, i risparmi delle famiglie sono cresciuti dello 0,3%.

a) ci ricorda che il 2012 è un anno di recessione. Nulla di nuovo in questo senso. Ma che tipo di recessione? E che tipo di aspettative paiono avere le famiglie che vengono rivelate da questi dati?

Normalmente se una recessione è intesa come passeggera e non permanente dovremmo vedere che il calo dei consumi odierni è minore del calo dei redditi: non vogliamo ridurre i tenori di consumo oggi così tanto e li scarichiamo in parte anche sui consumi futuri. Come? Risparmiando di meno o indebitandoci di più oggi. Continua a leggere »

novembre 21, 2012

Rifiuti, riciclo e recupero portano risparmi inimmaginabili.

Risparmi per 72 miliardi di euro l’anno, la creazione di 400.000 posti di lavoro entro il 2020, e un incremento del fatturato di 42 miliardi di euro al…Visualizza altro

aprile 25, 2012

ECCO LA LISTA DEI PRODOTTI PER RECUPERARE OLTRE 1400 € SULLA SPESA.

Condividete sulle vostre bacheche questa nota

www.ioleggoletichetta.it

 

Lo sapevate ad esempio che i pannolini Coop sono prodotti da Huggies? Che il latte fresco Conad è prodotto dalla Granarolo? Che il caffè  Biologico Esselunga è prodotto da Pellini? E che lo yogurt Conad è prodotto dalla Vipiteno?

 

Volete recuperare oltre 1400 € all’anno sulla spesa? Allora seguite IO LEGGO L’ETICHETTA siamo già oltre 15.000 consumatori che condividono le loro segnalazioni  IO LEGGO L’ETICHETTA    Tramite l’etichetta infatti il consumatore può conoscere il nome e la sede del fabbricante o del confezionatore o del venditore di un alimento; a volte il nome dell’operatore è sostituito da un marchio depositato. Per legge va sempre indicata la sede dello stabilimento di produzione o di confezionamento: sono proprio queste indicazioni, ossia lo stabilimento di produzione con riferimento al suo indirizzo preciso, che rivelano l’origine del prodotto e la sua casa di provenienza, al di là del marchio che viene utilizzato per metterlo in vendita ad un prezzo più conveniente.Ti sei iscritto alla newsletter per rimanere sempre aggiornato? Basta compilare il form sul sito www.ioleggoletichetta.it

 

ECCO LA LISTA DEI PRODOTTI PER RECUPERARE OLTRE 1400 € SULLA SPESAETICHETTIAMOCI! IO LEGGO L’ETICHETTA è fatto da tutti voi, è un progetto collaborativo che vede la partecipazione di sempre più persone che hanno a cuore il risparmio in tempo di crisi e la ricerca di una maggiore consapevolezza nel consumo e nel fare la spesa. Questa lista, che continuerà ad essere aggiornata, (pertanto non consideratela mai definitiva) nasce dal contributo di tutti e dalle vostre segnalazioni. Ci potrebbero essere delle correzioni da apportare e delle verifiche da effettuare, in quanto i produttori potrebbero essere cambiati. Qualora trovaste una segnalazione errata comunicatecelo scrivendoci a info@ioleggoletichetta.it E ora continuate con le Vostre segnalazioni di prodotti fabbricati negli stessi stabilimenti, caricatndo le foto sul sito di  IO LEGGO L’ETICHETTA    o sulla pagina Facebook www.facebook.com/ioleggoletichetta    Iniziamo a risparmiare in maniera intelligente. Leggiamo le etichette! ETICHETTIAMOCI!

 

Raffaele Brogna – raffaele.brogna@ioleggoletichetta.it

aprile 29, 2010

Alcune mosse per difendere il risparmio dalla tragedia greca.

 
 
 
 
–>Alcune mosse per difendere i risparmi dallo tsunami-Grecia (Marka)<!–
Come difendere i propri risparmi in questi momenti di turbolenza? È una domanda, che molti si stanno facendo in questi momenti drammatici per l’Europa.La  risposta non è facile. I mercati, sia quello azionario sia quello delle commity sia quello del reddito fisso, si trovano in un momento delicato. Il sole24ore.com, in un bell’articolo ha girato ad alcuni esperti i vostri dubbi e quesiti.