Posts tagged ‘rimedi naturali’

novembre 11, 2011

Rimedi naturali: 10 usi alternativi della cipolla

La cipolla  non è soltanto un alimento, ma anche una vera e propria medicina, che per secoli è stata utilizzata nella pratica terapeutica popolare. Ha proprietà antianemiche ed antibatteriche. Inoltre aiuta il lavoro dei reni e favorisce l’abbassamento del livello di glucosio nel sangue, caratteristica che la rende utilissima ai diabetici. E’ considerata un vero e proprio antibiotico naturale, capace di contrastare i sintomi di raffreddoreinfluenza. Noi proviamo a suggerirvi alcuni utilizzi alternativi di questa portentosa pianta erbacea:

1. Sciroppo per la tosse;2. Cataplasma contro il raffreddore;3. Contro la caduta dei capelli;4. Punture di insetti;5. Alleviare le cicatrici;6. Combattere il colesterolo;7. Benessere dell’intestino;8. Contro il mal di denti;9. Pulizia delle scarpe;10. Macchie di cenere.

ottobre 9, 2011

Gastrite, i rimedi omeopatici per alleviare i sintomi.

La gastrite colpisce circa il 35% della popolazione italiana, soprattutto dopo i 40 anni, ma inizia ad essere più frequente anche tra i più giovani, compromettendo la qualità della vita. Per fortuna non mancano i rimedi naturali per alleviare i sintomi più comuni, come il classico bruciore di stomaco.

Rimedi naturali contro la gastrite

  • Liquirizia: svolge un’azione antinfiammatoria e antispasmodica sulla muscolatura liscia dello stomaco. Tuttavia, è controindicata per chi soffre di pressione alta, per chi assume contraccettivi orali, per i diabetici e per le donne in gravidanza. Si consiglia di utilizzare un estratto secco titolato in glicirrizina almeno al 4%, nella dose di 6-8 mg di estratto per chilo di peso corporeo 2 volte al giorno, la mattina appena svegli e il pomeriggio.
  • Camomilla e melissa: la camomilla allevia le infiammazioni e gli spasmi del tratto gastrointestinale, ma anche la melissa svolge un’azione spasmolitica sulla muscolatura liscia del tratto digerente grazie all’olio essenziale che contiene, oltre ad avere una blanda azione sedativa e ansiolitica. Anche in questo caso, però, bisogna fare attenzione, poiché la melissa è sconsigliata per chi soffre di ipotiroidismo, in gravidanza e durante l’allattamento. Si consiglia l’infuso utilizzando 2-3 g di parti aeree in una tazza d’acqua calda, da bere 2-3 volte al giorno.
agosto 31, 2010

SALUTE: MALATTIE CARDIACHE E DIABETE, LA RICETTA PER LA PREVENZIONE PARTE DALLA CANNELLA

SALUTE: MALATTIE CARDIACHE E DIABETE, LA RICETTA PER LA PREVENZIONE PARTE DALLA CANNELLA

Uno studio condotto non su grandi numeri ma che dà buone speranze nella lotta contro diabete e malattie cardiache: sperimentato su 22 statunitensi affetti da pre-diabete, una condizione clinica che precede lo sviluppo del diabete vero e proprio, l’estratto di cannella si è rivelato efficace nell’abbassare il rischio di sviluppare malattie cardiache e diabete dal 13 al 23%. Lo studio, pubblicato sul Journal of American College of Nutrition, ha messo in evidenza le potenzialità della spezia, grazie agli antiossidanti in essa contenuti, di abbassare i livelli di zuccheri presenti nel sangue.

Il gruppo di ricercatori francesi e americani, guidati da Richard Anderson del Beltsville Human Nutrition Research Center dell’United States Department of Agricolture (Beltsville, Maryland, Usa), hanno somministrato alla metà dei partecipanti, due volte al giorno per 12 settimane, 250 mg di cannella solubile disciolta in acqua, mentre all’altra metà è stato fatto consumare un placebo.

Il sangue dei volontari – tutti sovrappeso, obesi o gravemente obesi con alterati indici di glicemia a digiuno – esaminato prima e alla fine dell’esperimento, ha messo in evidenza l’abbassamento dei livelli degli zuccheri nel circolo ematico nei soggetti che avevano assunto la soluzione a base della spezia fino al 23%.

Ulteriori ricerche su numeri maggiori di volontari saranno utili, spiegano dall’Agricultural Research Service dell’United States Department of Agricolture, per comprendere più a fondo gli effetti della cannella. (ASCA)

Maggio 6, 2010

Gaqmbe gonfie: come rimediare.

Quando le vostre gambe sembrano portare il peso del mondo ed i piedi pulsano, gonfi, dentro le scarpe è ora di trovare una soluzione. Piccoli accorgimenti quotidiani sono utili per prevenire il disturbo, ma per trattare il sintomo ci vuole qualcosa in più. Cerchiamo allora di capire cosa ci offre la natura: edera, mirtillo, vite rossa, centella e radice di rusco aiutano a mantenere elastici i capillari, favorendo la risalita del flusso sanguigno dai piedi in su. Escina, betulla ed estratto di gambo d’ananas hanno una buona capacità drenante dei liquidi in eccesso.

Il mentolo da sollievo con la sua freschezza: applicarlo sulle gambe gonfie e pesanti significa sentire il sangue arrivare fino all’ultima cellula ossigenabile, una sensazione da brivido! Il tutto può essere assunto attraverso capsule o tisane, ma ci sono in commercio anche rimedi locali, i cosiddetti cosmetici defatiganti: creme, gel e  spray. I prezzi sono variabili e quindi accessibili a tutti. L’unico impegno è applicarli! Come? Spalmandoli con delicatezza, partendo dal piede e salendo fino all’inguine, quel poco che basta per riattivare la circolazione e far penetrare il prodotto attraverso la pelle.(http://www.medicinalive.com/)