Posts tagged ‘rifiuti di roma’

settembre 24, 2013

Vi fidate di Zingaretti?

Zingaretti, Falcognana mini-sito e parco Malagrotta Zingaretti, Falcognana mini-sito e parco Malagrotta

(di Paola Lo Mele)

ROMA – Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti parla in Consiglio. Il tema, caldo, è il nodo dei rifiuti di Roma e Falcognana, il sito individuato per accogliere parte di quella trattati dopo la chiusura della discarica di Malagrotta previsto il 30 settembre. “Ribadiamo con chiarezza che non c’è nessun pericolo per la salute – dice il governatore – Basta mega discariche, ma smettiamola anche di agitare paure: non ci sarà mai una nuova Malagrotta, chi lo dice dice bugie per cavalcare il populismo”.

“Malgrotta è una ferita che deve essere sanata – afferma Zingaretti -. Dove oggi è insediata la discarica più grande d’Europa potrà e dovrà sorgere un parco aperto ai cittadini con 300 mila nuovi alberi. Già oggi posso annunciare l’impegno della Regione Lazio a mettere almeno 10 milioni di euro nel prossimo bilancio per avviare la riforestazione dell’area di Malagrotta”. In tarda serata l’Aula approva una risoluzione proposta della maggioranza in cui si impegna la Giunta, tra le altre cose, “a far rispettare le condizioni di operatività della discarica di Falcognana in merito alla durata temporale limitata della sua funzione, alla quantità di materiali conferiti, alla garanzia che questi siano completamente trattati, al divieto assoluto di prevedere qualsiasi ampliamento della discarica”.

gennaio 27, 2013

Rifiuti di Roma, via ai primi carichi nel Lazio e ai controlli del Noe: presidio a Colfelice.

Questa mattina i primi bastimenti carichi di rifiuti urbani provenienti da Roma sono arrivati agli impianti di Albano e Viterbo, sotto l’attenta “scorta” e il controllo dei Carabinieri del Noe (Nucleo Operativo Ecologico), come deciso soltanto ieri dal ministro Corrado Clini (una decisione certamente non sorprendente).

La decisione del ministro di impiegare il Noe per controllare gli impianti laziali destinati a fronteggiare e sostenere in parte l’emergenza rifiuti che attanaglia la Capitale assicurerebbe l’applicazione delle misure contenute nel decreto sui rifiuti di Roma: in particolare i Carabinieri dovranno accertare che le informazioni relative alla capacità di trattamento degli impianti di destinazione, inviate dalle autorità al ministero, siano corrette e complete.

Continua a leggere: Rifiuti di Roma, via ai primi carichi nel Lazio e ai controlli del Noe: presidio a Colfelice

dicembre 22, 2012

Rifiuti di Roma: fallisce il bando per l’esportazione e si chiudono i Tmb.

Uno smacco che paradossalmente rappresenta la prima tutela della legalità sui rifiuti di Roma: il bando di gara internazionale pubblicato da Ama (la multiutility dei rifiuti da 256milioni di debiti e da meno di 2milioni di utili nel 2011) per avviare un processo di esportazione all’estero di 1200 tonnellate al giorno di rifiuti (per una spesa complessiva stimata dalla stessa Ama in 100milioni di euro, è andato deserto.

Sono successe due cose fondamentali nelle ultime ore di emergenza rifiuti capitolina (negata, almeno da Ama): la gara è andata deserta e, cosa che complica (non si sa in quale misura) il quadro emergenziale, il voto dell’Assemblea Capitolina per la riconversione di uno dei due impianti di Tmb di Roma, quello di via Salaria, al centro di annose polemiche per gli odori che si diffondono per il quartiere.

Continua a leggere: Rifiuti di Roma: fallisce il bando per l’esportazione e si chiudono i Tmb

condividi 0 commenti

ottobre 2, 2012

Malagrotta, un nome un programma.

Tre mesi: mancano solo tre mesi alla chiusura definitiva della discarica di Malagrotta, il sito che ingoia la totalità dei rifiuti prodotti dalla città di Roma; eppure cominciano a circolare delle voci, inquietanti, su una possibile proroga (l’ennesima, dopo che dal 1988 l’invaso è stato dichiarato esaurito) dell’apertura della discarica.

Dopo la bocciatura unanime del nuovo sito in Conferenza dei Servizi da parte di Comune, Provincia e Regione (che pure aveva all’epoca indicato il sito dei Monti dell’Ortaccio senza far eseguire alcun rilievo sul posto), e sopratutto dopo le dimissioni del Presidente Polverini, la soluzione per l’annoso problema è sempre più complessa.

Lo stesso commissario straordinario Goffredo Sottile sostiene che:

Sono molto preoccupato per questa situazione. Potremmo non farcela per fine dicembre. Dal punto di vista dei lavori dipenderà anche dalle condizioni meteorologiche dei prossimi mesi.

Continua a leggere: Rifiuti di Roma, l’ennesima proroga per Malagrotta è dietro l’angolo