Posts tagged ‘ricarica auto elettriche’

luglio 18, 2013

Auto elettriche: batterie ricaricabili in 5 minuti



Nuove stazioni di servizio Tesla risolveranno uno dei maggiori problemi per vetture non inquinanti.

NEW YORK (WSI) – Oggi giorno uno dei più grandi problemi per chi possiede veicoli elettrici sta nel fatto che questi richiedono molto tempo per ricaricarsi. Per il modello Tesla S, ad esempio, ci vogliono almeno 5 ore, in una stazione di servizio.Visualizza altro

settembre 30, 2011

La strada che ricarica le auto elettriche.

Masahiro Hanazawa, del centro ricerche Totoya, insieme a Takashi Ohira dell’Università di Toyohashi, sta lavorando a una soluzione per risolvere l’annoso problema della ricarica della auto elettriche. Stanno infatti lavorando a un prototipo di auto elettrica che viene alimentata dalla strada stessa, in modo wireless; l’idea di usare le strade per alimentare le auto non è nuova, ma è nuovo il metodo scelto: le auto si ricaricherebbero grazie a strisce metalliche annegate nell’asfalto, che trasmetterebbero energia alle batterie dell’auto grazie a particolari pneumatici, che a causa della presenza di un nastro metallico al loro interno formerebbero con la strada una sorta di condensatore, attraverso quale l’energia passerebbe sotto forma di corrente alternata.

Uno dei vantaggi di questo metodo è che, potendo essere continuamente ricaricate, le auto potrebbero utilizzare batterie più piccole, quindi pesare meno, quindi avere più autonomia. Lo svantaggio ovviamente è dover costruire strade apposite, che sarebbero ovviamente più costose del normale. E naturalmente sorgono anche dubbi su quali potrebbero essere gli effetti su animali e persone delle radiazioni elettromagnetiche emesse dalle strade.

 

http://www.altrogiornale.org/news.php

giugno 16, 2011

Il Giappone e le auto elettriche

In Giappone pur di sostenere l’espansione di auto elettriche hanno messo a punto una stazione mobile di ricarica che in tempi brevi riporta l’autonomia elettrica. In pratica è una sorta di carro attrezzi che arriva qualora le batterie dovessero lasciare a terra e l’iniziativa, per ora è in una fase di test. L’idea è di provare a rassicurare gli automobilisti rispetto all’ansia da ricarica dell’auto elettrica, in attesa che si strutturi, come è accaduto per i rifornimenti di carburante, una rete di ricarica capillare.

L’iniziativa, partita il 7 giugno, è stata messa a punto da Nissan che ha fornito il carro attrezzi con la stazione di ricarica e JAF, Japan Automobile Federation, ossia il corrispettivo della nostra ACI. E la JAF ha intrapreso una serie di iniziative per accogliere l’arrivo dei nuovi veicoli elettrici tra cui la formazione di personale sia per la manutenzione sia per il pronto intervento.

Masakazu Kume, Direttore Esecutivo di JAF ha detto:

Stiamo lavorando per favorire gli automobilisti che decidono di guidare un’auto elettrica e per dare loro la certezza di un’assistenza qualificata. Abbiamo già approntato guanti isolanti e occhiali di protezione per il nostro personale di servizio che e saremo attivamente impegnati nel rispondere alle richieste degli automobilisti di veicoli elettrici.