Posts tagged ‘renato brunetta’

settembre 11, 2013

Il cavaliere di plastica.

In questi giorni di decadenze politiche, 
non poteva mancare 
una trasmissione specifica sul caso …
luglio 10, 2013

L’esercito di Silvio.

Home page del sito ufficiale Pdl.

 

– clicca per ingrandire –
maggio 22, 2010

Italia svendesi: approvato il federalismo demaniale.

L’Italia è il paese più bello del mondo, accattatevillo. Approvato ieri il cosiddetto federalismo demaniale, cioè il trasferimento dallo Stato alle Regioni e alle Province del demanio con tutti i suoi beni. Con possibilità di venderne alcune parti per fare cassa: boschi, laghi, collinette e fiumiciattoli, purchè non sia al confine tra due regioni quasi tutto si può vendere su richiesta delle Regioni.

Che hanno trentasei mesi per fare domanda. Scaduto il termine, al netto delle proroghe, tutto ciò che poteva essere trasferito e non è stato richiesto rimane fuori dallo scambio.

L’idea di fondo del decreto legislativo che lancia l’Italia nell’era del federalismo è che il bel paese ha un patrimonio naturalistico di incredibile valore. Incredibile ma non inestimabile: le Regioni sono invitate a vendere qualche pezzo pregiato al miglio offerente per appianare i debiti.

Se questo è lo spirito, si può facilmente immaginare che le Regioni più inguaiate si daranno da fare ben di più di quelle con i conti in regola. Sconvolgente, per questo, il commento del vulcanico ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta:”Premia le formiche e punisce le cicale. Fa risparmiare, ottimizza i costi standard. Viva il federalismo fiscale e viva il primo decreto legislativo. Quanto prima si faranno i decreti attuativi tanto meglio sara’ per il Paese”(ecoblog)

In tempi di crisi come questi e con questo governo sicuramente Province e Regioni svenderenno  l’Italia a palazzinari e speculatori?

febbraio 16, 2010

Scende la fiducia degli italiani nei confronti di Berlusconi.

Sembra che gli Italiani malgrado la droga quotidiana di telegiornali fasulli comincino a riflettere su quello che Berlusconi è e su cosa rappresenta il suo governo. Infatti da quanto emerge dalla rilevazione mensile che l’Ipr Marketing fa per conto di ‘Repubblica.it’ sulla fiducia a Premier, Governo, Ministri e Partiti presenti in Parlamento sembra che la fiducia nei confronti di  Berlusconi scenda di due punti toccando il (46%) con una sfiducia record da parte degli scontenti(52%); Governo e Pdl stabili (40% e 46%); Pd e Idv in crescita rispettivamente di 3 e 2 punti (40% il primo, 38% il secondo).

I PARTITI – In questa speciale classifica sulla fiducia ai partiti, il comando della graduatoria rimane nelle mani del PDL, che si conferma al 46% di fiducia. E’ da notare però una netta ripresa dell’opposizione di sinistra; se per il PD si registra una crescita del 3%, che gli consente di tornare al 40%, anche l’Italia dei Valori sale di due punti rispetto allo scorso mese e arriva al 38%. L’UDC, stabile al 40%, si conferma al momento seconda forza alle spalle del Pdl, sebbene ora affiancata dal PD. La Lega Nord rimane stabile al 31%. Per quanto riguarda i ministri ci fa piacere registrare che il meno amato dagli italiani sia Maurizio Sacconi, titolare del dicastero del Welfare con un 62%. Alle sue spalle il Ministro della Paura Roberto Maroni, stabile al 60%. Segue al 58% un poker di ministri: Angelino Alfano (stabile), Giulio Tremonti (+1%), Renato Brunetta (-3%), Claudio Scajola (+2%). Praticamente uno peggio della’altro. Mi piacerebbe sapere che percentuale gli Ialiani danno alla bella Mara Carfagna.

gennaio 21, 2010

Le ultime decisioni del PDL sulle elezioni regionali.

Silvio Berlusconi valuterà nei prossimi giorni la possibilità di accordi con l’Udc a livello locale per le prossime elezioni regionali. Casini dal canto suo, non esclude alleanze territoriali  come nel Lazio, in Campania ed in Calabria. Resta in ogni caso la diffidenza di Berlusconi che preferirebbe un’alleanza solo nel Lazio. Questo è emerso nella riunione dell’Ufficio di presidenza del Pdl, a Palazzo Grazioli, nel corso della quale sono emerse alcune indicazioni sulle candidature, che dovranno essere ufficializzate nei prossimi giorni, a partire da quella di Magdi Cristiano Allam in Basilicata, mentre Renato Brunetta è ufficialmente candidato alla poltrona di sindaco di Venezia. Per quanto riguarda la Puglia è emerso, tra gli altri, il nome di Atilio Romita.