Posts tagged ‘renata polverini’

Mag 18, 2013

Doppia scorta per il mostro.

La notizia diffusa da Dagospia: "Mentre nelle zone ad alto tasso criminale le volanti sono senza benzina, il Viminale raddoppia la scorta alla Polverini"

Riportiamo di seguito la denuncia di Dagospia:

“Doppia scorta per Renata Polverini. Nonostante il Viminale sia alle prese con i tagli alle spese, che vanno a incidere sulla sicurezza dei cittadini, all’ex Governatrice della Regione Lazio, e attuale senatrice del Pdl, viene assegnata una seconda macchina per vigilare sulla sua incolumità personale. La decisione arriva pochi giorni dopo l’aggressione verbale subita dalla Polverini all’interno di un ristorante romano da un gruppo di cittadini.

Sembra infatti che non fosse la prima volta per l’ex Governatrice. Un mese fa era già accaduto un episodio analogo. Questa volta scenario dell’incidente un noto bar romano dove la Polverini si era fermata per un caffè. In questo caso ad aggredire verbalmente l’ex Governatrice sarebbe stato un singolo cittadino. L’episodio, però, sarebbe stato denunciato solo in seguito.

ed è pure un cesso.

settembre 23, 2012

A sua insaputa! …e un’altra!

In questa melma istituzionale fioccano dichiarazioni
che affermano tutto ed il contrario di tutto.
Un presidente che non sappia delle malefatte
della sua cricca dovrebbe dimettersi,
in quanto incapace.
In caso contrario dovrebbe dimettersi lo stesso,
in quanto complice.
dicembre 22, 2011

Ringraziate il Pd che l’ha fatta eleggere.

Di notte hanno approvato la delibera che consentiva di non tagliare i vitalizi concedendoli anche agli assessori esterni. Di giorno, invece, meno di 72 ore dopo, hanno approvato la manovra che taglia la spesa pubblica e aumenta le tasse sui residenti.

Succede nella Regione Lazio gestita da Renata Polverini che nel pomeriggio di giovedì 22 dicembre ha dato l’ok ad una manovra, scrive il Messaggero, da 1,7 miliardi totali fatta per 1,4 miliardi di tagli e per i restanti 300 milioni di nuove entrate. A dare il via libera sono stati in 40. Ventuno, invece, i voti contrari: tutti dall’opposizione che parla di “sfida all’opinione pubblica”.

grazie PD. Siete stati veramente in gamba a non far eleggere Emma Bonino.

novembre 18, 2010

Quanto è brava Polverini.

 

Due mesi di lavoro per un importo di 8000 euro circa, da moltiplicare per 744 persone per un totale di quasi 6 milioni di euro da distribuire pronta cassa.

In tempo di crisi, un lavoro, seppur interinale, vale molto sul mercato della politica. Ecco perché la Regione Lazio, assessorato all’Agricoltura, ha inventato un meccanismo complicato per superare la barriera che dava la preferenza ai dipendenti regionali e si è rivolta sul mercato del lavoro. Privato.

Come tutte le storie da furbetti del quartierino, quella del censimento dell’agricoltura è complessa e ha diversi attori. Affaritaliani è riuscito a ricostruire il marchingegno geniale e perverso che ha permesso alla Regione Lazio di superare tutte le barriere procedurali e normative e dare un incarico per oltre 6 milioni di euro senza passare per le gare d’appalto. A meno che non sia stata fatta nel silenzio da Lazio Service, quando ancora i “regionali” potevano ambire al lavoro.

ottobre 3, 2010

La Polverini come la Gelmini.

La presidente della regione Lazio Renata Polverini ha deciso di chiudere 24 ospedali pubblici, tagliandone quindi i 2800 posti letto. Si dice sempre che la Sanità dev’essere riformata, eppure la Polverini nel Lazio la sta distruggendo! A vantaggio di chi opera questa mannaia? Ma ovviamente degli ospedali privati: quelli cui accedono solo i ricchi e sono gestiti prevalentemente dalla Chiesa! Un esempio di questi beneficiari privati?

Il Campus Biomedico di Trigoria, che è di proprietà dell’Opus Dei. Grazie agli aiuti della Polverini questa, che è una clinica privata già ricca perché in mano alla Chiesa, potrà aumentare i propri posti letto.

Chi si può concedere il lusso di pagarsi una clinica privata, per definizione cara come il fuoco? I ricchi, ovviamente! Mentre invece i poveracci, le persone normali, quelli per cui un politico come la Polverini dovrebbe lavorare, avranno meno possibilità di alloggiamenti e di cure… Ma in fondo che importa! La Destra sostiene Chiesa e ceto borghese medio alto, mica la gente comune! Un film già visto, no?

Un’altra clinica privata che godrà dei soldi tolti alle strutture sanitarie pubbliche è il Policlinico Casilino, che potrà aumentare anch’esso il numero dei posti letto grazie ai finaziamenti della regione Lazio. Guarda caso il proprietario di questa struttura carissima è il giornalista e senatore del PDL Giuseppe Ciarrapico.(Informazione libera)

febbraio 20, 2010

La CEI contro Emma Bonino

Attorno al dibattito politico si sta imponendo uno strano modo di ragionare. Chi è al centro di uno scandalo, e in questi mesi non sono certo mancati gli eventi di dubbio gusto, tenta di dispensare morale a chi concettualmente potrebbe essergli contro.

Malgrado quanto successo a Dino Boffo, direttore dell’Avvenire costretto a dimettersi grazie ad una probabile segnalazione fatta dal direttore dell’Osservatore Romano a Vittorio Feltri, la CEI (Conferenza Episcopale Italiana) attacca duramente Emma Bonino.

Ci sta che alla chiesa le posizioni laiche, e contemporanee, dell’esponente radicale non piacciano. Quel che colpisce è il distinguo che viene fatto dalla candidata del Partito Democratico e quella del Popolo delle Libertà.Certo che a noi cattolici questa gerarchia di preti affaristi chiede davvero troppo.

febbraio 18, 2010

La resistibile ascesa di Renata Polverini


 Renata Polverini possiede due appartamenti (con quattro ingressi) per complessivi 16,5 vani catastali più tre box e due cantine in un palazzo non lussuoso ma incastonato nel verde della collina di San Saba, tra Aventino e Testaccio. Come ha fatto ad accumulare un patrimonio che vale oggi circa 1,5 milioni di euro? La leader sindacale nel 2002 ha acquistato una delle sue case a prezzo stracciato dallo Ior, la banca del Vaticano. Mentre la seconda è arrivata (a prezzo più alto) da una società vicina allo Ior, la Marine Sud Investimenti, intestata per il 99 per cento a una società anonima.

Non solo: la leader sindacale ha comprato con lo sconto un appartamento all’Eur dell’Inpdap, l’ente nel quale l’Ugl è rappresentato. Non c’è nulla di illecito ma è bene chiarire tutto. Renata Polverini è sostenuta dalla Chiesa contro l’abortista Emma Bonino, che però non sembra altrettanto ricca. Ma, per risanare la sanità laziale dovrà intervenire anche sulle cliniche del Vaticano.

E poi c’è la questione dei soldi. Ogni volta la sindacalista ha acceso un mutuo per comprare ma le rate sono state onorate grazie a uno stipendio rilevante per una sindacalista. Al Magazine, disse di guadagnare “solo” 3 mila euro al mese. Ma nella classifica delle dichiarazioni dei redditi pubblicate nel 2008 risultava davanti agli altri leader sindacali con 140 mila euro lordi annui. Per fortuna va meglio con gli affari. Il 28 marzo del 2002 compra dall’Inpdap vicino all’Eur, al Torrino, un secondo piano di sette vani catastali più box e cantina. Sono i palazzi abitati anche da sindacalisti e politici raccomandati, quelli descritti dal Giornale di Vittorio Feltri nel 1995.

Evidentemente Affittopoli non riguardava solo i sindacati di centrosinistra. Dopo quella campagna, alla fine degli anni novanta, l’allora rampante sindacalista ottiene un appartamento appena costruito in affitto. Poco dopo lo compra, grazie allo sconto riservato a tutti gli inquilini e pari al 40 per cento, al prezzo stracciato di 148 mila e 583 euro. La casa sarà poi venduta il 4 aprile del 2007 per un prezzo dichiarato di 234 mila euro, 150 mila in contanti e il resto come accollo del mutuo.
Ancora più interessante è la storia dell’abitazione di San Saba. Polverini compra dallo Ior, la banca del Vaticano coinvolta in tanti scandali, il 17 dicembre del 2002 un primo piano con doppi ingressi, 5 camere, cameretta più tre bagni, cucina e tre balconi, più due box e cantina, al prezzo di 272 mila euro, un vero affare. Il prezzo di mercato è il doppio. “Non c’è stato nessuno sconto dello Ior”, dice oggi Renata Polverini, “ho seguito la stessa trafila degli altri acquirenti di appartamenti nel palazzo . Ho comprato tramite un’agenzia”. Meno di due anni dopo, nel 2004, il leader Ugl compra un secondo appartamento gemello al piano terreno dalla Marine Sud Investimenti amministrata da Michele D’Adamo. Il piano terra costa 666 mila euro, più del doppio, e ha solo un box. Le ipotesi sono due: lo Ior ha fatto un prezzo basso alla Polverini oppure ha dichiarato meno del pagamento reale. Se pensate di votare per lei alle regionali del Lazio, pensateci bene, con il clima che corre, pensate quanti buoni affari potrà fare la Polverini da Presidente della Regione Lazio. Tanto poi arriva Berlusconi e dice che deve rimanere, perché sono tutte chiacchiere inventate dai magistrati