Posts tagged ‘referendum’

giugno 15, 2011

La riforma fiscale secondo Tremonti

Come sempre, è solo una proposta. Anzi, di meno: è solo un’idea. Però quella di Giulio Tremonti è finalmente chiara, in attesa di verificarne la fattibilità. E il ministro ne parla all’assemblea della Confartigianato (e Luisa Grion di Repubblica lo riporta):

La situazione è difficile, va data una scossa: all’interno della maggioranza lo chiede la Lega («Coraggio» esorta Maroni) e ora lo mette in conto anche il ministro Tremonti: «Si apre una fase di possibile lavoro », ha detto ieri parlando alle piccole imprese della Confartigianato, platea sensibilissima al tema. Ma il ministro dell’Economia ha fatto di più: pur precisando che la riforma va fatta a costo zero (proprio ieri la Banca d’Italia ha segnalato un nuovo scatto del debito pubblica, da marzo ad aprile è cresciuto di 22 miliardi). Il progetto che ha in testa prevede di riassumere la questione in tre aliquote e cinque imposte.

giugno 14, 2011

TE LO DIAMO NOI IL NUCLEARE !!!

Il declino del “miglior” premier degli ultimi centocinquant’anni è ormai inarrestabile.
Quattro referendum in piena fronte ( per non dire altro ).
L’Italia s’è desta !!!
giugno 14, 2011

Quorum

giugno 14, 2011

Teorema.

giugno 14, 2011

Buongiorno Italia.

piccolettaÈ solo l’inizio”, abbiamo scritto il prima pagina il 14 febbraio all’indomani della grande manifestazione delle donne, sordi agli insulti e allo scherno che si levava dai giornali della destra, al sarcasmo greve, alle offese personali. Era solo l’inizio ma insieme era l’approdo di un lungo cammino, ostinato e silenzioso, sotterraneo: il cammino che ci ha portati sin qui, 30 milioni di persone alle urne, una vittoria dei cittadini e dell’Italia intera. La vittoria di quelle parole che insieme in questi anni abbiamo rinominato da capo: verità, autenticità, coraggio, dignità, responsabilità, giustizia.

giugno 14, 2011

….e la Lega balla da sola.

Se è vero che Umberto Bossi ascolta Radio Padania per capire gli umori del popolo, allora ieri, dopo la batosta referendaria finita anche nella testa del Senatùr, che imitando Craxi aveva detto di andare al mare, dev’essere suonato più di un campanello d’allarme. Perché gli ascoltatori, come illustra un articolo di Alberto D’Argenio su Repubblica, sembrano essere piuttosto arrabbiati con la Lega, e chiedono di mollare una volta per tutte il Cav.:

Il primo che chiama in diretta è Stefano da Bergamo: «Meglio soli che male accompagnati. Se la Lega vuole andare avanti l’unica soluzione è che Berlusconi vada a Villa Certosa a fare il bunga bunga. Con lui si va a fondo». «Buona Padania e buona Sicilia », saluta da Messina un altro ascoltatore. «Mi aspetto da Bossi una parola forte e chiara dopo l’ennesimo segnale della gente insoddisfatta della politica di Berlusconi». Lui ha votato Sì al referendum, come Ester da Melegnano secondo la quale il governatore del Veneto Luca Zaia «ha dato un bell’esempio: non si può dire non andate a votare, i cittadini sanno cosa c’è da votare ». Una polemica sentita da molti elettori del Carroccio, come dimostrano le zone ad alta densità leghista dove l’affluenza è stata sopra la media nazionale.

giugno 13, 2011

Ci dispiace, ma i si fanno male.

giugno 13, 2011

Silvio affoga in un mare di “SI”

giugno 13, 2011

Italia vs Padania 5-4

Dopo il voto delle amministrative Berlusconi e il suo sodale Bossi avevano detto che una vittoria alle amministrative non significava niente. Parlando in termini calcistici il capo del governo affermava che il governo vinceva ancora per 4 a 1 e che la partita non era ancora finita. Bene! Con le quattro pappine di oggi l’Italia è passata a condurre per 5 a 4 e non è ancora finita.

giugno 13, 2011

E’Fatta!

PRIMI DATI: QUORUM RAGGIUNTO

Le prime cifre parlano chiaro: per tutti e quattro i quesiti si è registrata un affluenza sopra il 52%