Posts tagged ‘probiotici’

aprile 21, 2020

L’alimentazione corretta al tempo del coronavirus.

Prof.ssa Simona Bertoli

Responsabile Centro Ambulatoriale Obesità

Le domande che in tanti si stanno ponendo in questo periodo circa l’alimentazione sono:

  • esiste una dieta che ci aiuta a difenderci dall’infezione del Covid-19?
  • deve cambiare la nostra dieta e in che modo?

Purtroppo al momento non conosciamo bene questo virus e sappiamo poco delle sue caratteristiche e degli alimenti che potrebbero prevenirlo e combatterlo.

NUTRIENTI CHE AIUTANO IL SISTEMA IMMUNITARIO

Tuttavia possiamo aiutare il nostro sistema immunitario attraverso l’assunzione di nutrienti specifici o di alimenti ricchi di nutrienti funzionali. In particolare, per alcune vitamine (Vit. A, C, E e D), per alcuni micronutrienti (zinco e selenio) e per i probiotici sono state dimostrate proprietà immuno-stimolanti.

LA VITAMINA C

Oltre 140 studi su animali suggeriscono che la vitamina C può prevenire o alleviare i sintomi di infezioni causate da batteri, virus e protozoi. Nel raffreddore per esempio la vitamina C sembra ridurre la durata dei sintomi.

Gli effetti della vitamina C contro le infezioni devono essere ulteriormente indagati: a oggi, infatti, solo due studi hanno dimostrato un beneficio terapeutico della vitamina C per i pazienti con polmonite.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E VITAMINA C, STOP ALLE BUFALE

febbraio 1, 2012

Disturbi metabolici e obesità: implicazione anche dei batteri intestinali.

Non solo la passione per il , la scarsa attività fisica e i cattivi stili di vita. L’ e i disturbi matabolici potrebbero essere la conseguenza di alcune modificazioni nella flora batterica intestinale.

 

A rivelarlo è Antonio Gasbarrini, componente dell’European Association of Gastroenterology Endoscopy and Nutrition (Eagen), intervenuto al Congresso internazionale ‘Aidpit-Epita’ a Innsbruck.
Secondo lo specialista, “dai risultati degli ultimi studi condotti sui topi emerge che le modificazioni intervenute nella flora batterica intestinale possono anche avere importanti implicazioni sullo sviluppo di massa grassa, insulino-resistenza e infiammazione a bassa intensità”.
Dalle prime considerazioni scientifiche su queste ricerche le persone obese sembrano avere “livelli diversi di qualche tipo di batterio intestinale – spiega Gasbarrini – rispetto ai soggetti non-obesi. Una condizione che può influire sul loro modo di elaborare diversi cibi. In futuro, potrebbe essere possibile individuare il profilo specifico del microbiota associato ad un rischio di malattia metabolica attraverso l’uso di , o mirati”.

agosto 20, 2010

Batteri probiotici e formaggi: un sostegno per il sistema immunitario nella terza eta’.

Non solo apporta vitamina D, rinforzando le ossa: il formaggio rafforza anche il sistema immunitario degli anziani, agendo come vettore per i batteri probiotici. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista FEMS Immunology & Medical Microbiology dai ricercatori dell’Università di Turku (Finlandia), che rivela che il consumo giornaliero di formaggio probiotico aiuta ad affrontare i cambiamenti legati all’età nel sistema immunitario, impedendo il processo di immunosenescenza. “L’assunzione di batteri probiotici è un metodo già noto per aumentare la risposta immunitaria. Noi abbiamo scoperto che il formaggio può essere utilizzato come vettore del batterio stesso”, spiega Fandi Ibrahim, che ha guidato la ricerca.

Gli scienziati si sono concentrati su due varietà di batteri probiotici “buoni”. La squadra ha chiesto ai volontari di età compresa tra 72 e 103 anni, divisi in due gruppi, di consumare per quattro settimane a colazione una fetta di formaggio addizionata con probiotici oppure una porzione di formaggio al naturale. I volontari sono poi stati sottoposti a esami del sangue per rilevare al presenza dei batteri probiotici nell’organismo.

I risultati hanno evidenziato che gli anziani che avevano assunto il formaggio a base di probiotici avevano ottenuto un aumento della risposta immunitaria attraverso l’attivazione delle cellule NK e l’incremento dell’attività fagocitaria: “Abbiamo dimostrato che l’assunzione regolare di formaggio probiotico può contribuire a rafforzare il sistema immunitario – spiega Ibrahim – e che, assunto regolarmente, può aiutare a migliorare la risposta immunitaria in una persona anziana nei confronti di una o più problematiche esterne”. (ASCA)