Posts tagged ‘preti pedofili’

novembre 27, 2011

Pedofilia: Papa, flagello per societa’ Tutte le istituzioni esigano regole

La pedofilia è “un flagello che colpisce ogni livello della società”, e “così come la Chiesa è giustamente tenuta a esigere norme di comportamento a questo riguardo, tutte le altre istituzioni, senza eccezioni, dovrebbero essere tenute alle stesse regole”. Lo ha detto il Papa parlando ai vescovi americani.

Rivolgendosi nella Sala del Concistoro ai vescovi Usa giunti in visita Ad Limina, Benedetto XVI ha ricordato che “questo nostro incontro è il primo dalla mia visita pastorale del 2008 nella vostra nazione, che era rivolta a incoraggiare i cattolici d’America in seguito allo scandalo e al disorientamento causati dalla crisi degli abusi sessuali dei decenni recenti”.

Bene! Benedetto XVI° ha avuto l’onestà di ammettere lo scandalo della pedofilia all’interno della chiesa, lo stesso coraggio che era mancato a Giovanni Paolo II°. Questo gli va riconosciuto.

agosto 26, 2011

Boston, pubblicati nomi preti accusati di abusi sessuali.

La diocesi di Boston ha pubblicato una lista parziale dei preti accusati di abusi sessuali. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i gruppi a difesa delle vittime di abusi hanno chiesto alla diocesi per lungo tempo di pubblicare la lista, seguendo le orme di altre diocesi. In una lettera aperta, il cardinale O’Malley afferma di aver deciso di pubblicare la lista di 132 preti e due decani “dopo considerazioni serie e preghiere”. “La mia speranza è che lo sforzo che sto annunciando dia conforto a coloro che hanno subito abusi sessuali dal clero”.

Quando il Vaticano si renderà conto che per evitare altri scandali di questo genere dovrà togliere l’assurdo divieto del matrimonio dei sacerdoti, che è un divieto invewntato nel Medio Evo ma che non ha alcuna base teologica?

giugno 11, 2011

La Chiesa cattolica americana fa finta di ignorare i preti pedofili.

La Conferenza Episcopale degli Stati Uniti non adotterà nuove linee guida per contrastare con più efficacia le molestie sessuali dei sacerdoti

Nei prossimi giorni si riunirà a Seattle la Conferenza episcopale degli Stati Uniti. Il vertice della Chiesa cattolica americana dovrà discutere di come superare lo scandalo più grave della sua storia, decine di  migliaia di abusi sessuali compiuti da sacerdoti su minori e altri fedeli. Da Seattle però sembra che nessuna nuova notizia arriverà, perchè secondo i vescovi statunitensi la lotta alla pedofilia nella Chiesa si combatte già con discreti risultati.

maggio 22, 2011

Olanda, prete salesiano: “Rapporti con bambini non necessariamente dannosi”

Stanno destando molto clamore le dichiarazioni di padre Herman Spronck, capo dei Salesiani per l’Olanda, rilasciate durante un’intervista a rtl.nl rilanciata poi dal sito Messa in latino.

“Personalmente non condanno a priori le relazioni tra adulti e bambini. […] Sono stato una volta avvicinato da un ragazzo di 14 anni che aveva una relazione con un religioso più anziano. La cosa non era più consentita e il ragazzo ne era davvero scosso, persino ferito. Diceva: ‘Padre Herman, ma perchè volete proibirlo?’. Bene, che cosa diresti a un ragazzo così? […] Ci sono naturalmente alcune norme sociali alle quali tutti dovrebbero attenersi. Ma ci si può chiedere se esse non siano troppo strette. Formalmente dirò sempre che ognuno deve rispettare la legge. Ma simili relazioni non sono necessariamente dannose”.

maggio 14, 2011

Arrestato parroco di sestri ponente per pedofilia

Il parroco della chiesa di Santo Spirito di Sestri Ponente, don Riccardo Seppia e’ stato arrestato dai carabinieri del Nas di Milano per violenza sessuale su minore. Al momento e’ solo emerso che il reato imputato al parroco, nativo di Sestri Ponente, sarebbe stato compiuto a Genova, benche’ ad eseguire l’arresto sarebbero stati i carabinieri del Nas di Milano insieme con i colleghi di Genova. A sorpresa il presidente della Cei, cardinal Bagnasco, celebrera’ messa in parrocchia.

febbraio 9, 2011

Preti pedofili: due nuovi casi in Svizzera

Due nuovi casi di abusi sessuali commessi da sacerdoti sono stati segnalati alle autorità della diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo. La commissione “SOS Prevenzione” allestita in seno alla diocesi ha proceduto agli interrogatori delle persone in causa. Secondo quanto comunicato oggi dalla diocesi, il primo caso riguarda il cantone di Ginevra ed è stato già segnalato alla giustizia penale. Il secondo riguarda il canton Vaud, ma i fatti sono ormai caduti in prescrizione. Il dossier è comunque stato trasmesso alla Santa Sede. I preti in questione, inoltre, sono stati sollevati dalle loro funzioni sacerdotali per la durata delle indagini. (ats)

novembre 1, 2010

Le vittime dei preti pedofili manifestano a Roma

Hanno chiesto ”solidarieta”’ al mondo, invitando tutti a sposare la loro causa. Hanno manifestato davanti a Castel Sant’Angelo, a due passi da San Pietro, non ”contro la Chiesa”, ma contro il suo silenzio, per evitare che altri bambini, in futuro, possano a loro volta subire abusi da altri preti pedofili. Con cartelli e slogan, magliette bianche con su scritto ”Basta” o ”Enough”, a seconda della nazionalita’, una sessantina di vittime di preti pedofili si sono date appuntamento oggi a Roma.

Sono arrivate da tutto il mondo, richiamate a un passo da Piazza San Pietro dove pero’ non sono potute entrare (ad eccezione di due rappresentanti che – raccontano gli organizzatori – hanno consegnato delle lettere di vittime alle Guardie Svizzere) dall’associazione Survivor’s Voice, fondata dagli americani Gary Bergeron e Bernie McDaid, due uomini abusati quand’erano bambini da preti pedofili. Vittime arrabbiate (”soprattutto per la copertura e la protezione del problema all’interno della Chiesa cattolica”, ha sottolineato McDaid), che non hanno esitato a gridare ”shame” (”vergogna”) quando padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa vaticana, e’ sceso per ”portare un saluto agli organizzatori”. Una contestazione che il sacerdote non ha percepito come tale.

settembre 25, 2010

Io, abusata da un prete a 11 anni vi racconto una vita di vergogna

“Erano giovani, belli, intelligenti, puliti. Molti li ho ritrovati su Facebook, sono rimasta annichilita nel sapere che erano ancora in contatto con quel prete. Soprattutto se penso a quello che hanno subito, più grave e pesante ancora di quel che è toccato a me, forse perché ero una bambina e loro dei maschietti. Gli abusi e le violenze che abbiamo patito hanno cambiato per sempre la nostra vita, non c’è risarcimento per qualcosa che ti impedisce di essere te stesso, ti fa perdere la fiducia, stravolge per sempre la tua vita amorosa”.  

Laura M. ha 35 anni, un compagno, un lavoro da insegnante in un piccolo centro del nordest. Insieme a quello di molti altri sconosciuti che hanno risposto all’appello il suo sarà uno dei racconti che oggi a Verona vorrebbe cambiare la storia italiana delle vittime della pedofilia nelle chiese, nei seminari, nei collegi. Quelle vittime di preti pedofili che – secondo il gruppo ‘La colpà (infolacolpa. it) che ha organizzato l’incontro al Palazzo della Gran Guardia, scegliendo non per caso uno dei luoghi più visibili della città – in Italia fanno ancora così fatica a denunciare gli abusi subiti, a essere creduti, a ottenere giustizia. Il racconto di Laura è arrivato prima con una timida mail: “Gentili signori, ho visto il vostro annuncio su Internet. Non so se il mio caso vi può interessare perché non mi sono mai rivolta alla polizia e ancora oggi non ho il coraggio di svergognare quel prete, che sia pure molto anziano è ancora presente nella sua comunità”. Dall’altra parte, la donna ha trovato incoraggiamento e comprensione: “È capitato anche a noi, a volte si convive tutta la vita col peso di un’ingiusta vergogna”. Così, è riuscita a continuare: “Avevo 11 anni quando ho sentito per la prima volta su di me il sesso di un uomo. Era il mio parroco, e ogni scusa era buona per restare solo con me e attirarmi in casa sua, sopra la sacrestia. Io resistevo, ma ero debole, indifesa, non capivo quanto fossero gravi quelle molestie e non avevo il coraggio di ribellarmi a un adulto del quale mi fidavo ciecamente. Lo scandalo scoppiò quell’estate, un ragazzino più piccolo raccontò a casa quel che gli stava capitando e scoprimmo così che la cosa andava avanti da anni, che alcune famiglie avevano cambiato parrocchia senza però mai pensare a proteggere i figli degli altri…”.

settembre 19, 2010

Il Papa e la pedofilia.

Il Papa: “Sulla pedofilia non siamo stati vigili”. Infatti vi hanno beccato.

luglio 10, 2010

Fatti non parole.

Il Papa: “Si apre una nuova era. Internet va evangelizzato” 

Dalle parole ai fatti:

Un sacerdote è stato sorpreso a fare sesso con una 15enne adescata in chat.