Posts tagged ‘Premio Nobel’

agosto 12, 2013

Il Nobel al condannato.

Ideona appena rispolverata dall’Esercito di Silvio.

novembre 13, 2010

San Suu Kyi libera, uniti per nostri obiettivi.

festa della democrazia nel mondo: Il premio Nobel della Pace riacquista la libertà dopo sette anni di arresti domiciliari. E’ la figlia del ‘Padre della patria’ generale Aung San, ucciso quando lei aveva solo due anni. ”Ora occorre ‘lavorare insieme, all’unisono” per raggiungere l’obiettivo di una Birmania democratica”, le prime parole della dissidente ai suoi sostenitori

ottobre 6, 2010

Premio Nobel agli inventori del grafene.

A cosa serve la nostra invenzione? Sarebbe come chiedere a che serve la plastica”. Lo scienziato Andre Geim ha appena vinto il Nobel per la fisica insieme al collega Konstantin Novoselov, entrambi dell’università di Manchester. Da Stoccolma il comitato che assegna il premio gli telefona a sorpresa per dargli la notizia e chiedergli a cosa servirà il grafene, il nuovo materiale che hanno inventato. Lui resta senza parole. “Non lo so. E’ come presentare un pezzo di plastica a un uomo di un secolo fa e chiedergli cosa ci si può fare. Un po’ di tutto, penso”.

Il grafene è stato descritto dal comitato dei Nobel di Stoccolma come “il primo materiale a due dimensioni”. E’ infatti talmente sottile da aver praticamente eliminato la dimensione dello spessore. Per arrivare a un’altezza di un millimetro occorre sovrapporre tre milioni di fogli di grafene. La sua “trama” è formata da un unico strato di atomi di carbone e se fosse visibile si presenterebbe come un grande lenzuolo a celle di alveare. “Il grafene è sottile, resistente, leggero eppure densissimo, praticamente trasparente e flessibile” ha spiegato il comitato dei Nobel nella motivazione della sua scelta. E’ formato da un elemento molto comune – il carbonio, il mattone essenziale degli esseri viventi – ed è un buon conduttore di elettricità. Per dire a cosa può servire un materiale così – descritto dai due scienziati russi su Science a ottobre del 2004 – l’unico limite è la fantasia.

ottobre 27, 2009

Filosofo in cerca di pace.

imagesSe il Presidente degli Stati Uniti, Barak Hobama, non avesse ricevuto il premio Nobel per la pace, probabilmente lo avrebbe ricevuto Gazi Bin Muhammad, principe saudita che è uno dei protagonisti del dialogo interreligioso. Professore di filosofia islamica all’Università di Giordania, il principe era nella lista dei candidati al Nobel per la Pace perché da sempre incoraggia il dibattito tra l’Islam e le altre fedi. Nel 2005 ha riunito i migliori studiosi mussulmani per mettere a punto “un contrattacco teologico contro il terrorismo. Bin Muhammad è apprezzato per la sua capacità di mettere in luce i punti di contatto tra Oriente e Occidente.

Dopo la lezione di Ratisbona di Benedetto XVI, nel 2006, considerata da molti un attacco all’Islam, Gazi Bin Muhammad, che ha studiato a Cambridge, ha firmato insieme ad altri intellettuali islamici una lettera di risposta intitolata “Una parola in comune tra noi”. “Se non ci sarà pace e giustizia tra queste due comunità religiose”, ha detto Gazi Bin Muhammad, “non ci sarà pace duratura nel mondo.