Posts tagged ‘positroni’

maggio 3, 2012

Dopamina: neurotrasmettitore tra pigrizia e iperattività.

Pigri e svogliati o lavoratori indefessi? Il segreto starebbe in un : la . Lo rivela uno studio della Vanderbilt University, pubblicato sul ‘Journal of Neuroscience’.

 

Stando alla ricerca, infatti, le persone che investono molto sul lavoro – anche a fronte di guadagni non proprio immediati – presentano una maggiore attività della nel corpo striato e nella ventromediale, due aree del importanti nel meccanismo della ricompensa e della motivazione.
Al contrario, i meno propensi a dare il massimo presentano livelli più elevati del nell’, una regione del coinvolta nella , nel comportamento sociale, e nell’autoconsapevolezza. I ricercatori guidati da Michael Treadway hanno coinvolto venticinque giovani volontari in un test per vedere quanto duramente fossero disposti a lavorare per una ricompensa in denaro

luglio 12, 2011

Alzheimer: scienziati finanziati dall’UE per la ricerca do nuovi approcci diagnostici.

Una diagnosi più precoce del morbo di Alzheimer è un passo più vicina grazie a un team di ricercatori finanziati dall’UE che ha sviluppato nuovi approcci per misurare i biomarcatori per la diagnostica e un sofisticato sistema per integrare le informazioni in modo analitico.

Questo sistema, che offre ai ricercatori un metodo oggettivo per misurare lo stato di un paziente, è un risultato del progetto (“From patient data to personalised healthcare in Alzheimer’s disease”) che è sostenuto con 2,89 Mio EUR nell’ambito del Tema “Tecnologie dell’informazione e della comunicazione” (TIC) del Settimo programma quadro (7° PQ).

“Lo scopo di è quello di sviluppare un indicatore obiettivo per diagnosticare il morbo di Alzheimer il prima possibile,” ha detto il dott. Jyrki Lötjönen del Centro di ricerca tecnologica finlandese VVT, coordinatore scientifico del progetto. “Le attuali linee giuda diagnostiche sottolineano l’importanza di vari biomarcatori nella diagnostica. Abbiamo sviluppato nuovi approcci per estrarre biomarcatori da dati di diagnostica per immagini, dati elettrofisiologici e campioni di sangue e uno strumento software unico e clinicamente utile per integrare tutte queste misurazioni eterogenee.” è stato lanciato nel 2008 e si concluderà a novembre 2011.