Posts tagged ‘porto marghera’

novembre 21, 2013

Italia “tossica”: top ten dei siti più inquinati.

A Marghera il luogo più inquinato d'Italia - 1 (© Ansa)

Il polo petrolchimico di Porto Marghera, in provincia di Venezia, ha riversato nella Laguna di Venezia e nell’Adriatico milioni di tonnellate di rifiuti tossici dalla fine dell’Ottocento ai giorni nostri. Tra i veleni riscontrati nei terreni e fondali della Laguna si va dalle diossine ai policlorobifenili, dal cloruro di vinile monomero, usato nella produzione di plastiche – all’arsenico, dai metalli pesanti ai fosfogessi radioattivi e decine di altre sostanze tossiche e cancerogene.

ottobre 8, 2010

Francia: nave cisterna con prodotti chimici in difficoltà.

Una nave cisterna che trasporta prodotti chimici è “in grave difficoltà” dopo una collisione con un mercantile al largo di Ouessant, in Bretagna (Francia nord-occidentale): lo ha annunciato la prefettura marittima di Brest, precisando che l’equipaggio è stato evacuato. La YM Uranus, nave di 120 metri di lunghezza che batte bandiera maltese, ha annunciato “una grave falla” dopo – a quanto sembra – essere entrata in collisione con un mercantile che trasportava materiale di scarto a circa 100 km dalla costa. I 13 membri dell’equipaggio sono stati trasferiti in elicottero dopo essersi messi in salvo sulle scialuppe alle 5:30 di questa mattina.

La nave cisterna trasportava 6.000 tonnellate di solventi fra Porto Marghera e Amsterdam, secondo quanto si è appreso. Il centro regionale operativo di sorveglianza e salvataggio, (CROSS) ha dirottato immediatamente sul luogo dell’incidente la fregata della marina nazionale Primauguet e il rimorchiatore Abeille Bourbon. La prefettura precisa che la collisione è avvenuta con il mercantile Hanjin Richzad, un’imbarcazione adibita al trasporto di materiali vari, lunga 191 metri e battente bandiera panamense, che assicurava un collegamento fra Las Palmas e Rotterdam.

Intorno alla nave cisterna non si riscontrano fughe inquinanti. E’ quanto riferisce la prefettura marittima di Brest, rispetto alla nave, battente bandiera maltese che trasportava 6.000 tonnellate di solventi fra Porto Marghera e Amsterdam, entrata in collisione con un mercantile al largo di Ouessant.