Posts tagged ‘popolo viola’

ottobre 9, 2011

“Uniti per il cambiamento globale”, anche il popolo viola in piazza il 15 ottobre.

Il Popolo Viola partecipa alla giornata europea ed internazionale di mobilitazione prevista per il 15 ottobre. Il Coordinamento Nazionale del popolo viola condivide in toto il testo dell’appello nei suoi contenuti. La strategia neoliberista, incentrata su un sistema economico perverso e demenziale, che antepone il profitto dei grandi centri di interesse al benessere dell’individuo, sta progressivamente trascinando l’economia di intere nazioni nel baratro del debito verso la rinuncia alla sovranità ed a qualunque prospettiva di stato sociale.  La manovra finanziaria che il governo italiano ha predisposto per “uscire dalla crisi” è l’ennesimo colpo mirato alla cancellazione del diritto al lavoro, all’istruzione e al welfare mentre dilapida miliardi delle nostre tasse in nuove dotazioni belliche.Siamo convinti che esista un’altra via, fondata su un linguaggio comune a tutti gli esseri umani, che trova spazio condiviso nei confini della democrazia e nei princìpi della Costituzione.

aprile 4, 2011

L’Italia in piazza per la democrazia.

Domani in piazza per la democrazia. Tutto è pronto per la mobilitazione che si svolgerà domani a Roma, in concomitanza con il ritorno in Aula del processo breve.

Da Montecitorio a piazza Sant’Apostoli, molti i presidi e gli happening fino alla “notte bianca” previsti dal comitato promotore – Popolo Viola, Articolo 21, Libertà e Giustizia e MoveOn.

Si inizierà alle 14.30 con un presidio permanente in Piazza Montecitorio e alle 20.00 ci si sposterà in Piazza Sant’Apostoli dove fino a mezzanotte si alterneranno artisti, rappresentati della società civile, dei partiti, del mondo delle associazionismo in un happening dedicato alla democrazia all’insegna del tricolore e della costituzione, senza simboli di partito.

In piazza anche il Pd

In piazza ci sarà anche il Partito democratico. Lo ha detto il segretario Pier Luigi Bersani, in un’intervista a “Repubblica”. Bersani critica Alfano «ministro impastato di arroganza e servilismo» che «tradisce il suo mestiere e ha uno stile sartoriale perché adatta sempre i suoi provvedimenti ai voleri del capo». La riforma costituzionale, prosegue, «ha un punto essenziale che è inaccettabile: dà alla politica un potere improprio nell’esercizio della giustizia. Contro questo e contro le leggi ad personam combatteremo in Parlamento e nelle piazze».

marzo 26, 2011

Acqua e nucleare, oggi referendari in piazza.

acqua
In piazza a Roma, oggi, per l’acqua pubblica, per rilanciare l’appuntamento con i referendum del 12 e 13 giugno per dire no anche al nucleare e per abrogare la legge sul legittimo impedimento. Alla manifestazione, promossa dal Comitato referendario «2 Sì per l’Acqua Bene Comune», dal Forum dei Movimenti per l’Acqua e da altri comitati, hanno aderito anche Italia dei valori, il Popolo viola e la Federazione della sinistra.
Il corteo
Partirà alle 14 da piazza della Repubblica, per ribadire «le ragioni del nostro sostegno al referendum contro la privatizzazione dell`acqua e per portare avanti le nostre battaglie anche fuori dal Parlamento», ha spiegato in una nota il leader dell`IdV, Antonio Di Pietro. «Quest`occasione – ha aggiunto – servirà a sensibilizzare l`opinione pubblica sull`importanza dell`appuntamento referendario: il 12 e 13 giugno i cittadini potranno dare una bocciatura sonora alle scelte scellerate di questo governo. Saranno loro a mandare a casa l`esecutivo che ha trasformato l`acqua da bene comune a privilegio per pochi, ha riportato in Italia la pericolosissima energia nucleare, attraverso un piano che prevede la costruzione di 13 centrali su tutto il territorio nazionale, ed ha varato una norma che consente a Berlusconi di ergersi al di sopra del principio della “legge uguale per tutti2. Il grande impegno del forum dei movimenti per l’acqua, che ha raccolto le firme per due referendum, unito a quello dell`Italia dei Valori contro il nucleare e il legittimo impedimento, darà agli italiani la possibilità di voltare pagina e sfiduciare questo governo irresponsabile». «A Roma – ha affermato Oliviero Diliberto, portavoce della Federazione della sinistra – saremo in piazza a difesa dell’acqua, contro il ritorno del nucleare nel nostro Paese e contro la guerra in Libia. Tre temi di strettissima attualità, tre argomenti su cui ogni coscienza realmente democratica deve attivamente intervenire».

ottobre 3, 2010

No B-day 2. Un grande successo.

Al grido di “Licenziamolo”, rivolto a Berlusconi, il Popolo viola riempie la storica piazza romana per il No B.Day 2. Dopo un corteo lungo tre chilometri, dove non è mancata anche qualche polemica quando un gruppo locale del Popolo Viola di Torino ha contestato agli organizzatori romani che alla testa del corteo c’erano troppe bandiere ed esponenti dell’Idv di Di Pietro, tutto poi si è ricomposto e decine di migliaia di persone hanno riempito piazza San Giovanni. 10 mila secondo la Questura, 500mila secondo gli organizzatori, certo è che i pullman, tantissimi, e la lunghezza del corteo fanno immaginare che la mobilitazione è stata un successo. Costituzione, lavoro, informazione, questi i temi del dibattitto enunciati dai tanti ospiti intervenuti sul palco. Da Salvatore Borsellino, Ernesto Nassi dell’Anpi, Luca Telese, Stefano Rodotà, Paul Ginsborg, solo per citarne alcuni.

settembre 4, 2010

Uomini senza vergogna.Fuori la mafia dallo stato.

Una ventina di attivisti del MoVimento 5 Stelle di Beppe Grillo e del Popolo viola hanno protestato davanti alla tendostruttura che ospita nel centro di Torino la festa nazionale del Pd e dove e’ giunto il presidente del Senato, Renato Schifani,  prontagonista di un confronto con l’esponente Pd Piero Fassino. I grillini hanno urlato slogan e insulti nei confronti di Schifani e lo hanno accusato di essere un “mafioso” e un “colluso”. Critiche per l’invito al presidente del Senato anche al Pd che hanno scatenato un acceso diverbio tra i manifestanti e alcuni esponenti del partito, tra cui il sindaco di Settimo Aldo Corgiat e il parlamentare Stefano Esposito. Tra i manifestant c’era Salvatore Arduino, figlio di un ex consigliere comunale del Pci e futuro candidato del MoVimento 5 Stelle alle prossime elezioni comunali: “Sono profondamente deluso da questa sinistra – ha spiegato – che si è allontanata dagli insegnamenti di Berlinguer”.

BEPPE GRILLO, QUESTO E’ SOLO L’INIZIO  – “Questo è solo l’inizio. Devono rendersi conto che è finita. Che si blindino con i poliziotti antisommossa, chiamino Maroni e l’esercito. Paghino la gente che va ai comizi per applaudirli. Oppure se ne vadano a casa”: così Beppe Grillo commenta all’ANSA le contestazioni di una ventina di attivisti del MoVimento 5 Stelle e del Popolo viola alla festa nazionale del Pd dove è previsto il presidente del Senato, Renato Schifani, per un confronto con Piero Fassino. “Io non sono l’autore o il sobillatore, io interpreto quello che vedo e che sento: la gente non ce la fa più”, ha aggiunto Grillo, per il quale i grillini sono “persone educate, perbene che manifestano un pensiero assolutamente giusto”.

marzo 7, 2010

Non ci resta che ridere.

Avete qualcosa di scomodo da firmare ??
Una pagella disastrosa, una cambiale ?? … C’è chi vi toglie dai guai senza problema !!!

marzo 7, 2010

La gente non ne può più.

La gente non ne può più dell’illegalita elevata a sistema di governo. La gente non ne può più di una banda di filibustieri che governano in dispregio di ogni legge. la gente non ne può più di un bandito che quando una legge non gli va giù la abolisce o ne fa una contraria. Si può governare all’interno di un quadro istituzionale in cui i poteri si controbilanciano garantendo la governabilità e le legalità. Il partito del fare ha abolito tutto questo. Ecco perchè il Popolo viola torna in piazza oggi alle 15 a Piazza Navona per denunciare quella che definisce “l’incostituzionalita’ del decreto legge salva-liste”. “La societa’ civile e’ vivamente invitata a partecipare per ribadire – ha sollecitato una nota del movimento – l’impegno nella difesa della Costituzione in maniera pacifica e non violenta”. Ieri si erano tenuti un sit-in e un’assemblea pubblica davanti alla piazza di Montecitorio. I partigiani hanno sconfitto il fascismo, quello vero, non quello da operetta di La Russa e Gasparri, sconfiggeranno anche questo fascismo della lega di Berlusconi, Maroni e Bossi. Cominciate a contare i giorni, compagni, non ci siamo mai arresi ed alla fine vinceremo noi, perchè la gente è stanca.
  .