Posts tagged ‘PNAS’

agosto 18, 2012

Cosmetici naturali e detergenti con triclosano: cuore e i muscoli sono a rischio.

Un nuovo studio pubblicato su PNAS evidenzia che il triclosano nome INCI triclosan potrebbe indebolire muscoli e cuore.

Questo antibatterico ha anche funzione di conservante molto diffuso e usato in una vasta gamma di prodotti cosmetici quali saponi, dentifrici, deodoranti, detergenti per la casa, creme cosmetiche, colluttori, prodotti per l’igiene intima e finanche nelle plastiche dei contenitori per cucina. Si trova anche in cosmetici naturali e biologici poiché in merito non esiste una legge che stabilisca che questo ingrediente sia vietato nei prodotti bio e naturali ma solo che ne deve essere presente un quantitativo (uguale per tutti i cosmetici e detergenti) inferiore allo 0,3%.

Continua a leggere: Cosmetici naturali e detergenti con triclosano: cuore e i muscoli sono a rischio

settembre 18, 2010

Dieta povera di carboidrati e rischi cardiovascolari

Rinunciare a pasta e pane per poter vantare una linea invidiabile può mettere a rischio la salute delle arterie e, alla fine, anche del cuore. Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center (Usa), infatti, questi regimi alimentari sono efficaci nell’aiutare a perdere rapidamente peso, ma a lungo andare possono avere un effetto negativo per la salute vascolare. Aumentando il pericolo di aterosclerosi, prima causa di ictus e infarto. Non solo. La dieta povera di calorie altera la capacità di formare nuovi vasi sanguigni nei tessuti colpiti da un limitato afflusso di sangue, fenomeno che può verificarsi nel caso di un infarto. Complicando in questo modo il recupero.

Lo studio, condotto sui topolini e pubblicato dal team di Anthony Rosenzweig su ‘Pnas’, ha anche scoperto che – nonostante chiare evidenze di una patologia vascolare – i classici marker che rivelano il pericolo cardiovascolare (come il colesterolo) non risultavano alterati negli animali messi a dieta. Come dire: il pericolo c’è, ma non è semplice scoprirlo. “Il nostro studio suggerisce che, almeno negli animali – spiega lo studioso – questo tipo di dieta potrebbe avere effetti avversi dal punto di vista cardiovascolare, che non si riflettono in semplici esami dei valori del sangue”.