Posts tagged ‘pisapia’

giugno 2, 2012

Che te ne fai di Frank Zappa!

Questo è il  palco – sobrio, austero, visto che c’è la crisi – preparato per l’arrivo di Papa Benedetto XVI a Milano.

maggio 30, 2012

Pisapia: «Registro delle unioni civili, se non decide il Consiglio, farò io entro l’anno»

 

Giuliano Pisapia e la moglie Cinzia Sasso il 2 giugno 2011 (Ansa)Giuliano Pisapia e la moglie Cinzia Sasso il 2 giugno 2011 (Ansa)

MILANO – «Se entro quest’anno il consiglio comunale non deciderà, assumerò io personalmente con la mia giunta la decisione sul registro delle unioni civili». Lo ha affermato il sindaco Giuliano Pisapia, in diretta a Radio Popolare, interpellato sull’impegno elettorale per le coppie di fatto, nella diretta per i suoi 356 giorni da sindaco. «Dopo il Papa ci sarà il Dalai Lama e tanti altri, noi abbiamo attenzione per tanti mondi diversi e poi prendiamo le nostre decisioni», ha spiegato il sindaco. «PROMESSE MANTENUTE» – Il bilancio di Pisapia, in sintesi, è che Milano sorride, con qualche momento di incazzatura». con l’invito «ai suoi» di «ripartire con più convinzione e più coesione». In un clima che ha definito «strano» per quanto avvenuto «in Emilia e in altre zone», Pisapia ha spiegato: «Oggi non è solo una ricorrenza ma una riflessione sulla modalità diversa di guardare avanti, tenendo conto che governare è ben diverso dal fare opposizione. Bisogna trasformare gli impegni in atti concreti».

ottobre 21, 2011

Il mercato di QT8 tutto dedicato ai prodotti a filiera corta e km zero.

Pisapia si da da fare e così i prodotti a filiera corta e km zero trovano casa al “Mercato Coperto QT8”.Sono state infatti approvate dalla Giunta, le linee guida  per la  definizione  del  bando  pubblico d’assegnazione dell’immobile  di via Isernia 5 per la realizzazione di una nuova struttura di vendita interamente dedicata all’agroalimentare.“Questo  progetto  di  riqualificazione commerciale è il primo passo di una più ampia strategia di sviluppo mercatale adeguata ai nuovi stili di vita e ai tempi della nostra città” così spiega l’assessore al Commercio, Attività produttive, Turismo, Marketing territoriale Franco  D’Alfonso. “Una strategia  – conclude l’assessore – che consentirà di dar vita a mercati in cui viene esercitata una vendita ‘tipicizzata’, modalità commerciale non solo utile e vantaggiosa per il cittadino ma anche e soprattutto volta a promuovere una più ampia e corretta cultura alimentare capace di coniugare le tante eccellenze produttive presenti sul territorio milanese e lombardo.”

L’Amministrazione  intende  affidare l’immobile, tramite bando pubblico, ad un  unico  operatore economico sia esso un soggetto singolo, un’impresa, un consorzio o un raggruppamento d’imprese.

 

ottobre 3, 2011

Leghisti, maglietta anti-Napolitano in Comune a Milano.

I consiglieri comunali leghisti di Milano contro Napolitano tramite magliette: “Sono padano, non esisto… ma pago” è la scritta verde che campeggia sulle t-shirt bianche indossate dai leghisti al consiglio comunale meneghino. Una risposta polemica alle parole del presidente della Repubblica che aveva detto (ovvero aveva ricordato a tutti un dato di fatto) che la Padania «non esiste».

«Questa è una protesta democratica e pacifica, come sempre quelle della Lega e, chiaramente, manifestiamo il fatto di esistere», spiega il consigliere Angelo Morelli a un’agenzia di stampa a margine della seduta in corso a Palazzo Marino dove il Carroccio contesta scelte della giunta Pisapia sulla sicurezza. «Noi – continua Morelli – siamo un partito, rappresentiamo tante persone, milioni di persone nel nord, persone che, come ricorda, anche la geografia, vivono in Padania». La Padania, viene da appuntare, invece è un’invenzione della Lega Nord.

 

agosto 27, 2011

Borghezio: Pisapia? Fa scelte da citrullo.

Dal male dell’Italia nasce il bene della Padania”, afferma il sedicente “presidente del governo provvisorio della Padania” Mario Borghezio, ai microfoni della Zanzara su Radio24. “Soffro in silenzio e mi sono autoesiliato a Nizza, a causa di questo iniquo provvedimento”, esordisce l’europarlamentare leghista, fresco di sospensione dal partito per le frasi sulla Norvegia e su Breivik (l’autore della strage), pronunciate proprio durante la trasmissione radiofonica condotta da Cruciani. Dopo aver bocciato le scelte “da citrullo” del sindaco di Milano Pisapia, Borghezio elogia il suo leader: “Bossi negli ultimi tempi si è borghezizzato e ne sono contento. I cittadini, padani e non padani, sanno che quello che dice Bossi è sempre vero”.

maggio 22, 2011

Provaci ancora Giuliano.

maggio 21, 2011

E’ tutta colpa di Pisapia

Guardate Pisapia come ha ridotto la madre di Batman.

maggio 13, 2011

MORATTI vs PISAPIA – Annozero 12/05/2011.

maggio 13, 2011

Pisapia attacca Berlusconi: l’amnistia l’ha usata lui.

manifesti anti Moratti e Silvio

Pisapia al contrattacco: io assolto con formula piena, B.?

Il candidato del centrosinistra a Milano rilancia: per quei fatti sono stato assolto con formula piena rinunciando a ogni amnistia, Berlusconi, sul caso P2, è stato amnistiato.
«Letizia Moratti mi ha attaccato in modo premeditato, sleale e gravemente diffamatorio», ha affermato il candidato a sindaco di Milano della sinistra. «Anche il premier Berlusconi si è servito dell’amnistia. La differenza è che lui non ha chiesto che fosse provata la sua innocenza piena». Pisapia chiarisce che non ha mai frequentato terroristi, nè avuto a che fare con Marco Donat Cattin e Roberto Sandalo. Quanto all’attività extraparlamentare afferma che «la parte di sinistra di cui ho fatto parte ha fatto da argine per tanti giovani che altrimenti avrebbero scelto la strada del terrorismo».

Per Pisapia non c’è alcuna differenza tra Berlusconi, Moratti e Lassini, «visto che tutti raccontano una realtà falsa» e aggiunge che le persone che frequentava «erano meno estremiste di altre che oggi siedono in Parlamento o al governo.

Il sindaco Moratti, per Pisapia, «si è innervosita» perchè non si aspettava «il consenso che sta convergendo su di me da mondi lontanissimi: anche, certamente, da quella borghesia illuminata di Milano che è tornata ad impegnarsi per la città e anche dai giovani».

maggio 13, 2011

L’estremista

Berlusconi. Il premier dà copertura politica alle accuse della Moratti. Che sull’avversario ripete: «Frequenta terroristi». Ma l’avvocato incassa la solidarietà dei parenti delle vittime brigatiste.

Prime Minister Silvio Berlusconi gestures during an electoral meeting in Milan May 7, 2011. Berlusconi was campaigning in support of candidate for Milan’s mayor, People of Freedom Party’s (PDL) Letizia Moratti. REUTERS/Paolo Bona

Terroristi a Milano atto secondo. Letizia Moratti non cede di un millimetro rispetto alle sue accuse contro «il ladro di auto» Giuliano Pisapia. Anzi, alza la posta in gioco, («Frequenta terroristi», ha detto) in barba ai malumori della Lega Nord o ai consigli di scusarsi arrivati dal Foglio di Giuliano Ferrara, ma incassando il via libera da parte del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. “Brava Letizia a tirar fuori le unghie”, ha detto il premier.
Berlusconi, in un’intervista a Cnr Media, ha di fatto confermato le parole che la Moratti aveva ripetuto durante la mattinata di ieri durante un incontro televisivo in Rai con gli altri candidati sindaco, tra cui quello appoggiato dal Partito Democratico e da Sinistra e Libertà: «Giuliano Pisapia non ha mai preso le distanze da atti violenti, che si sono verificati anche di recente, dagli scioperi selvaggi e dalle occupazioni dei centri sociali in immobili comunali». Anche perché lo scontro sembra ormai tra Berlusconi e lo stesso Pisapia, con quest’ultimo che ha incalzato il premier sui suoi caso giudiziario. «Io ho rinunciato a una amnistia per affrontare un giudizio di merito ed essere assolto con formula piena per non avere commesso il fatto, Berlusconi ha beneficiato dell’amnistia», ha detto l’avvocato.