Posts tagged ‘pesticidi’

luglio 18, 2013

In Europa vietato per due anni l’uso di fipronil, pesticida killer delle api.


Si allunga la lista degli insetticidi temporaneamente banditi dall’Unione europea perché responsabili della moria delle api. Dopo imidacloprid, thiametoxam e clothianidin, già fermati dall’Ue per due anni, ora si aggiunge anche il fipronil.

A Bruxelles il Comitato permanente della catena alimentare e della salute degliVisualizza altro

luglio 10, 2013

Sos barriera corallina Australia causa inquinamento e clima

Sos barriera corallina Australia causa inquinamento e clima Sos barriera corallina Australia causa inquinamento e clima

SYDNEY – Dopo aver mancato per poco l’inclusione nella lista Unesco dei siti del patrimonio mondiale ‘in pericolo’, la Grande barriera corallina, che si estende per 345 mila kmq al largo della costa orientale dell’Australia, riceve una diagnosi peggiorata a causa del cambiamento climatico e dell’inquinamento delle acque. Secondo un atteso rapporto scientifico, presentato oggi dal ministro dell’Ambiente Mark Butler, il suo stato di salute è peggiorato dal 2009 da ‘moderato’ a ‘mediocre’.

Gli scienziati avvertono che gli scarichi di fertilizzanti agricoli, benché ridotti, continuano a minacciare gravemente la qualità dell’acqua, in parte per effetto di cicloni e di inondazioni. ”Gli episodi climatici estremi hanno un impatto significativo sullo stato generale dell’ambiente marino della Barriera. Gli ecosistemi dei banchi corallini presentano una tendenza al degrado”, scrivono.

Benché vi sia stata una riduzione da parte degli agricoltori della quantità di fertilizzante che scorre dai loro terreni nell’ecosistema, il verdetto non è positivo. La media annuale degli scarichi di nitrati dal 2009 al 2011 si è ridotta del 7% e dei pesticidi del 15%, ben sott l’obiettivo prefissato del 50% entro il 2013. Gli scienziati ricordano che quasi tre quarti del corallo duro lungo la barriera sono andati perduti negli ultimi 50 anni.

febbraio 14, 2013

Moria api: ecco le colture nelle quali potrebbero essere vietati i pesticidi.

Nel corso della riunione del Comitato sui fitofarmaci tenutasi a Bruxelles la Commissione Europea ha presentato una proposta relativa alla sospensione temporanea dell’utilizzo dei tre neonicotinoidi (clothianidin, thiamethoxam e imidacloprid) che, secondo una recente pubblicazione dell’EFSA, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare, sarebbero una delle cause dell’anomala moria di api degli ultimi anni.

Continua a leggere: Moria api: ecco le colture nelle quali potrebbero essere vietati i pesticidi

 

gennaio 28, 2013

Pesticidi e api: Slow Food, Legambiente e Unaapi chiedono il ritiro degli antiparassitari killer.

“Se un giorno le api dovessero scomparire, all’uomo resterebbero soltanto quattro anni di vita”. Così parlò Albert Einstein, con quelle intuizioni che dalla scienza sconfinano nella filosofia. Dopo la sentenza definitiva dell’EFSA (European Food Safety Authority) che ha dichiarato gli insetticidi neonicotinoidi incompatibili con fertilità e vita, Slow Food Italia, Legambiente e Unaapi hanno chiesto al Governo italiano il ritiro dei prodotti concianti e granulari che stanno contribuendo alla decimazione di api e insetti utili.

La stessa Commissione Europea ha definito le conclusioni dell’EFSA come “inquietanti”. Lo studio dell’Authority Europea per la Sicurezza Alimentare, infatti, avrebbe dimostrato scientificamente un rapporto di causa-effetto fra l’utilizzo di neonicotinoidi, thiamethoxam, clothianidin e imidacloprid e la moria di api. Secondo lo studio in alcuni Paesi membri la riduzione sarebbe quantificabile nel 30% in meno. Considerando che le api svolgono un prezioso e insostituibile lavoro di impollinatrici questo invisibile disastro ecologico potrebbe avere come conseguenza una sensibile riduzione della produzione di frutta.

Continua a leggere: Pesticidi e api: Slow Food, Legambiente e Unaapi chiedono il ritiro degli antiparassitari killer

gennaio 22, 2013

Apicoltori a Pe, stop Ogm e pesticidi.

(Archivio)– La battaglia degli apicoltori per salvare le api dai pesticidi e il miele dalla contaminazione Ogm riparte dall’Europarlamento. A discuterne la commissione petizioni, che ha annunciato un nuovo studio sul dossier entro marzo. Sono oltre 300mila le firme raccolte dall’Unione degli apicoltori francesi (Unaf), fra cui quelle di Unaapi e Conaapi in Italia, per vietare l’uso del mais MON 810, bloccare le autorizzazioni di altre colture Ogm con un impatto su nettare e polline ed effettuare una valutazione rigorosa dell’impatto delle piante transgeniche sugli alveari. La commissione petizioni del Parlamento Ue ad oggi ”non ritiene giustificato” il divieto dell’uso di Ogm, ma e’ pronta ad adottare misure in futuro: la questione rimane sul tavolo.
agosto 5, 2012

SLA: allo studio il legame coi pesticidi .

sla

 Pesticidi-sclerosi laterale amiotrofica: è l’ipotesi a cui sta lavorando la Procura di Torino per fare luce sui meccanismi alla base di questa malattia che annulla tutti i movimenti…

Leggi tutto »

giugno 26, 2012

Fertilità maschile messa a repentaglio da cosmetici e pesticidi.

Alcune sostanze contaminanti presenti nell’ambiente possono influenzare lo e il funzionamento dei . E’ quanto sostiene uno studio di un team di ricercatori guidati dal Consejo Superior de Investigaciones Cientaficas () con la collaborazione di studiosi dell’Universita’ di Utrecht, che ha mostrato gli effetti di una esposizione, durante lo , a determinate sostanze presenti in alcuni , in materie plastiche, in alimenti e . Durante la ricerca, pubblicata sulla rivista Reproductive Toxology, sono stati condotti esperimenti su topi di sesso maschile prendendo in esame differenti dosi di (plastificante), zearalenone (una tossina trovata in alcuni cereali), lindano (un pesticida), (usato nella produzione di materie plastiche) e estradiolo (un ormone steroideo femminile).
L’esposizione e’ stata effettuata in periodi cumulativi durante lo con dosi maggiori di quelle che solitamente si stimano negli esseri umani.

gennaio 29, 2012

le api stanno morendo e nessuno se ne frega.

Non si conosce il motivo ma il fatto è evidente: le api esposte a dosi sub letali di imidacloprid, un insetticida neonicotinoide, sono più colpite dal nosema, un parassita che costituisce uno dei crucci degli apicoltori.

E’, in estrema sintesi, il risultato di una ricerca appena pubblicata sulla rivista scientifica tedesca in lingua inglese Naturwissenschaften.

L’imidacloprid è ampiamente usato anche in Italia. Ancora per qualche mese e per motivi precauzionali, ne è vietato l’impiego nella concia della semente del mais.

Blogeko dedica una particolare attenzione al fatto che le api stano morendo in tutto il mondo (o almeno in tutto l’Occidente), un fatto che finora non ha trovato una spiegazione univoca. Lo fa per due motivi. Continua a leggere→

novembre 17, 2011

Salviamo le api per salvare noi stessi.

moria_api

Le api sono in pericolo. E l’Ue invita gli Stati membri a correre ai ripari al fine di bloccare la strage delle api, che potrebbe avere gravi ripercussioni sulla produzione di cibo in Europa, sugli ecosistemi e sulla stabilità ambientale. Per questo ieri, il Parlamento Europeo ha invitato la Commissione, nell’ambito del prossimo quadro finanziario, ad aumentare il livello di sostegno a favore della ricerca proprio riguardo alla salute delle api.

Ieri, è stata infatti votata una risoluzione in cui si richiede all’Ue di adottare diverse soluzioni per far fronte al problema della moria, aumentando gli investimenti nella ricerca di nuovi farmaci contro i parassiti che attaccano tali preziosi insetti e di coordinare gli sforzi a livello comunitario per proteggere le api, il cui numero diminuisce rapidamente, avvicinandosi al rischio di estinzione. O ancora istitiendo adeguati sistemi nazionali di sorveglianza, in stretta collaborazione con le associazioni apicole, in grado di elaborare norme a livello dell’Ue.

settembre 12, 2011

ALTROCONSUMO, PESTICIDA VIETATO IN PANE MENSE SCOLASTICHE GENOVA.

Un pesticida vietato in Europa (Diclorvos) e’ stato trovato nel pane di due mense scolastiche a Genova. Lo rende noto l’associazione Altroconsumo che ha passato al setaccio dieci refettori di scuole primarie in cinque citta’ per verificare la sicurezza dei pasti. Piu’ di un terzo dei piatti analizzati contiene antiparassitari. A rischio frutta e pane. L’inchiesta ha coinvolto un campione di dieci scuole di primo grado a Genova, Milano, Napoli, Roma e Torino. Per una settimana, sono stati prelevati porzioni di pasto dai primi piatti, dai contorni, dalla frutta e dal pane. Sui 40 gruppi di pietanze sono stati cercati 253 pesticidi.

Miglior risultato per le scuole di Roma: nessun pesticida trovato nei piatti. A Milano, Napoli e Torino riscontrati antiparassitari, ma nei limiti di legge.