Posts tagged ‘Paul McCartney’

giugno 29, 2013

Tender Moon – Call of the Valley

Call of the Valley is a 1967 Hindustani classical music album by Hariprasad Chaurasia, Brij Bhushan Kabra, and Shivkumar Sharma. It was recorded for the label EMI.

The instrumental album follows a day in the life of an Indian shepherd from Kashmir. It is one of the most successful Indian albums and one that became popular with an international audience. It was very important in introducing Indian music to Western ears and internationally the best selling Indian music record. George Harrison, David Crosby, Paul McCartney, Bob Dylan and Roger McGuinn are fans of the album.[2]

The atmospheric music is traditional, but the innovative use of guitar and flute make the sound more acceptable for Western audiences. Kabra plays slide guitar, Sharma santoor, Chaurasia bansuri and Tabla was played by Manikrao Popatkar. The artists became well known musicians and the instruments they used became acceptable in traditional Indian music. Today Call of the Valley is considered a classic and a milestone in world music. Allmusic advises: “If the newcomer buys only one Indian classical recording, it should be “Call of the Valley”.”

The remastered edition has three bonus tracks.

It is listed in the book 1001 Albums You Must Hear Before You Die by Robert Dimery and Michael Lydon.

ottobre 22, 2011

Paul McCartney in Italia: due date a Novembre.

Paul McCartney arriva in Italia. Le due prime tappe del suo “On the run tour”, tour europeo di 11 date, saranno Bologna (il 26 novembre all’Arena di Casalecchio di Reno) e Milano (il 27 novembre al Forum di Assago).

“Suonare dal vivo è una delle parti più entusiasmanti del mio lavoro”, ha detto Sir Paul: “Non vedo davvero l’ora di iniziare la prossima serie di spettacoli e di suonare in luoghi dove non ho mai suonato prima con la mia band”.

 

Le altre date dell'”On the run tour”:

Paris Bercy Omnisport Arena (30 Novembre)
Koln Lanxess Arena (1 Dicembre)
London O2 Arena (5)
Stockholm The Globen (10)
Helsinki Hartwall Arena (12)
Moscow Olympiyski Arena (14)
Manchester Evening News Arena (19)
Liverpool Echo Arena (20)

luglio 14, 2011

I Beatles alle Olimpiadi del 2012.

Paul e Ringo in una foto recente

Nel 2012 ci saranno le Olimpiadi a Londra e varie sono le voci che si rincorrono su chi apparirà per la cerimonia di apertura.

L’ultima indiscrezione riguarda i Beatles. In particolare, Paul McCartney, intervistato da una tv statunitense, ha riferito che dovrebbe prendere parte al grande evento e da lì si sono susseguite delle domande alle quali il celebre artista ha risposto in modo vago. Il tabloid “The Sun” riporta le seguenti parole di Sir Paul: “Mi dicono che ci sono queste voci secondo le quali potrei essere coinvolto anch’io”. Poi, riferendosi ai Beatles: “Mi dicono che hanno in programma questo genere di musica”.

Si è parlato inoltre di un probabile coinvolgimento di Ringo Starr, ma la notizia più importante è un’altra: in una sorta di Beatles 2.0, i due scomparsi dei Fab potrebbero essere sostituiti dai loro figli.

luglio 14, 2011

E’ pronto il documentario di Scorsese su George Harrison.

Living in a material world” e’ ormai pronto. Il documentario del regista premio Oscar Martin Scorsese sull’ex Beatle George Harrison, morto nel 2001, e’ stato ultimato e uscira’ ad ottobre negli Stati Uniti. Il film verra’ trasmesso il 5 e 6 ottobre dalla televisione americana HBO e raccontera’ l’intera parabola artistica e personale del “Beatle tranquillo”, attraverso l’uso di immagini di repertorio, filmini famigliari e foto fornite dalla vedova Olivia. Il 10 ottobre verra’ pubblicato anche il dvd. Il progetto è stato co-prodotto con la vedova del chitarrista, Olivia, e ripercorre la vita di Harrison dai suoi esordi musicali a Liverpool al grande successo con i Beatles. Sono state inserite interviste esclusive a personaggi del calibro di Eric Clapton, Terry Gilliam, Eric Idle, Paul McCartney, Yoko Ono, Phil Spector, Ringo Starr e Jackie Stewart. “Non dimentichero’ mai la prima volta che ho sentito ‘All Things Must Pass’ – ha dichiarato Scorsese – George trasmetteva la sua spiritualita’ attraverso la musica e credo che nel cuore di ogni fan dei Beatles occupi un posto speciale.

aprile 9, 2011

Rubber soul – The Beatles – Buonanotte compagni.

Rubber Soul è un album dei Beatles pubblicato nel 1965, quando il gruppo di Liverpool era al culmine della popolarità. È il primo disco dei Beatles a non riportare il nome del gruppo sulla copertina.

Sebbene John Lennon e Paul McCartney siano formalmente accreditati come coautori di tutti i loro brani, come sempre è piuttosto facile capire a quale dei due compositori attribuire la paternità effettiva, o principale, di ciascuna canzone. A Lennon si devono Norwegian Wood (This Bird Has Flown), una classica ballata che, sullo sfondo dei languidi accordi sviluppati al sitar da George Harrison, parla di avventure extraconiugali; Nowhere Man (in cui l’autore cerca di raccontare i propri tormenti interiori; si tratta infatti della prima canzone dei Beatles ad affrontare un tema diverso dall’amore romantico), la struggente ballata Girl (con una struttura musicale che richiama la canzone napoletana) e la meno fortunata Run For Your Life, motivo articolato quasi su un ritmo country, che lo stesso Lennon ammise in seguito di trovare “odiosa”[8]. Fra i veri capolavori dell’album è senz’altro da citare In My Life, scritta sempre da Lennon durante un viaggio in autobus da casa sua verso il centro di Liverpool. In questa canzone si intravedono i primi segni di carattere nostalgico che in seguito caratterizzeranno la particolare geografia beatlesiana, ripercorribile fra la Penny Lane e i campi di fragole di Strawberry Fields Forever.