Posts tagged ‘partito socialista italiano’

marzo 5, 2014

LEGGE ELETTORALE: LA VOCE DELLA BASE SOCIALISTA ED IL SILENZIO DEI VERTICI

Mariannetv

Non si placa la polemica sulla proposta di legge elettorale. Oltre agli interventi ufficiali di Franco Bartolomei e Gerardo Labellarte, che hanno voluto essere presenti e commentare insieme a noi il disegno della nuova norma elettorale, registriamo un silenzio generalizzato nel resto della dirigenza del PSI.
Certo lo choc di una legge elettorale nata per uccidere i partiti piccoli e costringerli al cannibalismo attraverso il contendersi il famoso “diritto di tribuna” è grande; uno choc maggiorato dalla nonchalance con cui Luciano Violante la espone e con cui i maggiori partiti la sostengono. Eppure tanto silenzio stride. Speriamo che nei prossimi giorni ci sia una reazione che si riveli all’altezza della gravità della situazione.

Si agita invece moltissimo la base socialista. Tra le tante e mail che ci sono arrivate abbiamo scelto due posizioni, rappresentative dello stato d’animo interno al partito fatto “di carne e sangue” e non di apparato.

Stefano…

View original post 563 altre parole

ottobre 24, 2013

Nencini vergognati.

Foto del Senatore Riccardo NENCINI  La Puppato e i TRE socialisti  NENCINI,BUEMI E LONGO, se lo ricordino.
Con 218 voti favorevoli (il quorum richiesto per non rendere necessario il referendum confermativo era 214), 58 contrari e 12 astensioni il Senato ha approvato a maggioranza assoluta la deroga all’art. 138 della

Costituzione che istituisce il Comitato parlamentare per le riforme costituzionali. Si è aperta la strada allo stravolgimento della Costituzione.
È un giorno molto triste per la democrazia.

agosto 18, 2013

DOPO IL CAPITALISMO.


intervista a Lelio Basso 1972

Visualizza altro

agosto 11, 2013

PD e SINISTRA PENSIERI SUSCITATI DA REICHLIN.

 

 See full size image  Per il PD rispetto al PCI si può parafrasare quello che dicono gli svizzeri dei ticinesi: hanno i difetti degli italiani senza averne le qualità. Quindi Reichlin può scrivere lo stesso articolo per PD e PCI, come per PDS e DS perché il continuum purtroppo esiste. C’è sempre una missione nazionale che la storia ha assegnato alle varie incarnazioni, che è più importante dell’interesse contingente e che se quel gruppo dirigente, che via si è incarnato nel PCI, PDS, DS e PD, rinunciasse alla missione ( o dobbiamo dire mission, così come si parla di governance) sarebbe la democrazia in pericolo. Il PD resta tuttora la miglior macchina per la conquista del potere, per farne cosa è secondario. E’ vero come han…Continua a leggere

Felice Carlo Besostri

luglio 14, 2013

Socialismo & P.S.I: alcune idee per il PSI che verra’.

A valle dell’incontro al Capranica di Roma e riprendendo cose dette, ridette e scritte dal sottoscritto nell’ultimo anno, alcune idee per il PSI che verra’.

 

Siamo qui per far ripartire un partito storico della sinistra italiana politicamente del tutto inesistente nella nostra società. Vorrei, quindi, porre alcune domande e che siano i fari di questo mio intervento. Primo, quali sono le motivazioni politiche per l’esistenza di un partito socialista, oggi, in Italia? In altre parole, un partito socialista è realmente necessario? Se si, per fare cosa?

 

Al giorno d’oggi, noi tutti, lottiamo quotidianamente contro il solidificarsi di una status politico-finanziario i cui risvolti egoistici sono in costante accelerazione. Testimoniamo, inoltre, lo sgretolamento atomistico delle aree della sinistra storica, incluso il nostro partito.

https://www.facebook.com/notes/manuel-santoro/socialismo-psi-alcune-idee-per-il-psi-che-verra-di-manuel-santoro/606208086067828

luglio 14, 2013

PSI, BISCARDINI, OCCORRE UNA FASE NUOVA, NENCINI E’ UNO OSTACOLO AL RINNOVAMENTO.

 

https://i0.wp.com/www.immaginidistoria.it/immagini/787.jpg    Da ieri un nuovo corso per il PSI. Lo ha annunciato Roberto Biscardini all’assemblea aperta che si è svolta ieri al Teatro Capranica di Roma alla presenza di 300 socialisti venuti da tutte le parti d’Italia. Biscardini ha detto: “Esiste una domanda sociale di socialismo che non trova risposte nelle attuali formazioni politiche che si richiamano a quei valori. Non basta più neppure questo PSI senza guida politica e senza coraggio. Adesso occorre imprimere una svolta radicale, superando la logica della sopravvivenza e i patetici tentativi di passare dall’uno all’uno virgola.  Occorre avere un ambizione forte e dare al partito quella spinta vitale che negli ultimi mesi ha completamente perduto e si può puntare ad un partito a due cifre con poche idee ma chiare e tenacia nel sostenerle. Per questo occorre un congresso di rilancio per dare al paese una nuova forza politica socialista larga e unitaria corrisponde al bisogno di socialismo che c’è nel paese, per affrontare la grave crisi economica e sociale con proposte e formule nuove. Un processo di ricostruzione che possiamo fa crescere dal basso uscendo dalla logica delle vecchie e piccole nomenclature. Ma per questo è bene che Nencini faccia un passo indietro e favorisca per il bene del partito il rinnovamento che il PSI ha bisogno. Nulla di personale contro di lui, ma una fase è finita.”

giugno 11, 2013

Finalmente un pò di buonsenso.

https://i0.wp.com/www.partitosocialista.it/Portals/PartitoSocialista/images/default/Loghetti/Partito/nuovo_simbolo_600.jpg   “Il prossimo anno le nostre decisioni politiche più impegnative ruoteranno attorno all’Europa e alle scadenze elettorali e istituzionali che investiranno Bruxelles”.
E’ quanto si legge nella lettera che oggi il segretario nazionale del Psi Riccardo Nencini ha inviato al segretario del Pd Guglielmo Epifani e al leader di Sel Nichi Vendola.
“In giugno – prosegue Nencini – avrà inizio il semestre di presidenza italiano dell’Unione Europea. Il mese precedente si terranno le elezioni europee.
Per la prima volta, e si tratta di una significativa novità, il vertice della Commissione verrà deciso con un meccanismo più diretto, aperto e corale.
Nell’ incontro tenuto recentemente dal Pse a Lipsia è stata positivamente valutata la candidatura del Presidente del Parlamento Europeo, che anche noi sosteniamo, alla presidenza della Commissione medesima”.
Concludendo la sua lettera il leader socialista osserva come: “Vi sono insomma sufficienti argomenti per riallacciare il filo del dialogo cogliendo l’occasione “Europa”.
Non nego che la costruzione di una posizione comune gioverebbe alla sinistra italiana e al Paese.”

maggio 30, 2013

Che bella signora.